Come aprire un'attività negli U.S.A.

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si vuole aprire un'attività commerciale in uno Stato, bisogna attenersi alle regole che sono in vigore in esso, e seguirle in maniera attenta per evitare di commettere errori che potrebbero portare alla sua chiusura. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, si tratta di una Nazione dove le procedure che regolamentano l'apertura di un locale commerciale non sono molto complicate, ed anzi si riesce a fare tutto in maniera veloce e poco costosa. Se perciò si sta pensando di spostarsi in America per i propri affari, questa guida su come aprire un'attività negli U. S. A. potrà essere molto utile.

25

Occorrente

  • scelta della ragione sociale
  • scelta della struttura legale
  • richiesta delle licenze
35

Negli Stati Uniti qualsiasi cittadino, anche di altra nazionalità, può aprire una propria attività commerciale, e ci sono Paesi come il Nevada, che posseggono una procedura semplificata. Si deve innanzitutto scegliere il nome e la struttura dove si vuole esercitare l'attività. È infatti indispensabile ai fine legali, dare il nome, scegliere la struttura legale e dichiarare da quanti elementi è composta tale attività, e se il ruolo svolto al suo interno è come legittimo proprietario o semplicemente come un collaboratore. Inoltre è opportuno dichiarare a quanto ammonta la disponibilità fiscale, e se si hanno delle procedure legali in corso.

45

Espletata correttamente questa procedura prima di avviare definitivamente l'attività, bisogna richiedere al fisco americano l' "Internal Revenue Service", ovvero quello che in Italia corrisponde al codice identificativo dell'azienda. A questo punto sono ancora pochi i passi da compiere prima della definitiva apertura. Ritornando sempre alla questione del nome, una volta scelto bisogna assicurarsi che questo non sia già in uso per altre aziende. Per fare questa ricerca ci si può collegare all'apposito sito online, ricercando il GreenBook oppure recandosi presso l'ufficio competente situato nella città di residenza.

Continua la lettura
55

Ora mancano soltanto le licenze, che vanno richieste presso gli enti preposti suddivisi a seconda delle varie categorie. Qualora l'attività in questione riguardasse la produzione e vendita di alcolici o tabacco, sarà necessario richiedere una licenza particolare con un aggravio di tasse. Una volta sistemata la parte burocratica, bisognerà valutare accuratamente anche quella economica, concentrandosi sulla valutazione sia dei costi di apertura che di esercizio. Passato un anno dall'apertura dell'attività, si può fare richiesta del visto che consente di vivere e lavorare all'interno degli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Barcellona

In questo periodo di grave crisi economica sono sempre di più le persone che pensano di trasferirsi all'estero per avviare un'attività commerciale, e per garantire un futuro migliore a se stessi e/o ai loro figli. In particolare attraverso i consigli...
Lavoro e Carriera

Come aprire una S.r.l

Una S. R. L., abbreviazione di Società a responsabilità limitata, è uno dei tipi di società di capitale che prevede l'ordinamento italiano per la costituzione e lo svolgimento di attività di un'impresa. Questa è dotata di personalità giuridica...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività di autonoleggio

Ormai sono anni che la crisi economica sta creando numerosi problemi al mondo del lavoro in molti paesi del mondo, e certamente l'Italia non è esente. Il danno maggiore viene arrecato ai migliaia di giovani, in cerca di un futuro, che ogni giorno girano...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Madrid

Madrid è sicuramente una città, sia dal punto di vista turistico che climatico, splendida e caratterizzata dalla presenza di culture e popolazioni locali molto solari, una caratteristica che appartiene un po' a tutta la Spagna. Per questi ed altri motivi,...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Tokio

Al giorno d'oggi risulta sempre più arduo trovare un lavoro in Italia ed anche all'estero la situazione non sembra essere migliore. Eppure, se ci rimbocchiamo le maniche e decidiamo di aprire un'attività, possiamo prendere in considerazione l'ipotesi...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a conduzione familiare

Per attività a conduzione familiare, si indicano quelle attività che sono gestite da un nucleo familiare, tra questi fratelli cugini e così via, in realtà questo tipo di attività può essere definita a conduzione familiare se si è imparentati...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Shanghai

Il continuo aumento della crisi economica, porta una percentuale sempre maggiore di italiani a trasferirsi all'estero in cerca di condizioni di vita migliori. Shanghai è sicuramente una tra le mete più gettonate, in quanto essendo un territorio molto...
Lavoro e Carriera

Aprire un'attività: 8 errori da non fare

Sicuramente aprire un'attività è una scelta importante, ma che al tempo stesso si può rivelare insidiosa. Infatti, gestire un'attività implica il fatto di incorrere in numerosi rischi, imprevisti e sbagli, ma con un minimo di attenzione è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.