Come aprire un'attività a Berlino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La Germania è la patria di decine di migliaia di imprese: dalle piccole imprese individuali ai grandi conglomerati. Nella realtà, il principale fattore della potenza economica della Germania sulla scena mondiale è da ricondursi alle piccole e medie imprese (PMI) del Mittelstand. Il governo tedesco è comunque molto favorevole alla creazione di tutti i tipi di imprese, indipendentemente dal fatto che queste siano imprese gestite da cittadini tedeschi o da imprenditori stranieri. Proprio per questo, e data la crisi economica che ha colpito soprattutto i Paesi dell'Europa meridionale, sono molti gli italiani, e soprattutto i giovani, che hanno ponderato l'ipotesi di trasferirsi in un'altra nazione che possa offrire loro maggiori opportunità lavorative e la possibilità di realizzare il sogno di aprire una propria impresa. Naturalmente, aprire la propria azienda all'estero non sarà una passeggiata, specialmente all'inizio, ma con piccoli accorgimenti, un buon piano d'azione, insieme a grinta e volontà si potranno ottenere i risultati ben sperati. In questa guida vi spiegherò allora come aprire un'attività a Berlino.

24

Padroneggiare la lingua locale

Per prima cosa, per poter aprire un'attività a Berlino è fondamentale avere una buona padronanza della lingua locale, in questo caso quella tedesca. Lo studio di questa lingua può essere iniziato già in Italia, seguendo degli appositi corsi di lingua per apprenderne le basi grammaticali, sintattiche e di pronuncia, per poi migliorarla in Germania, usandola quotidianamente con i madrelingua. Inoltre, a Berlino, e in Germania in generale, troverai una Volkshochschule (VHS), una sorta di Università popolare che offre corsi di lingua. Il tedesco, sebbene possa apparire come una lingua difficile da apprendere e parlare, potrà essere padroneggiato grazie a una buona dose di impegno, di buona volontà e, soprattutto, di pratica.

34

Iscriversi al Registro delle Imprese

L'imprenditore italiano dovrà iscriversi presso un apposito Registro delle Imprese (Gewerbeamt), è vincolante per un quinquennio, e l'imprenditore si assume il dovere di tenere la contabilità commerciale, redarre il bilancio e l'inventario.

Continua la lettura
44

Avere conoscenza delle leggi e del mercato

Come in ogni altra nazione, per il futuro imprenditore è opportuno prendere conoscenza delle normative vigenti in tema di imprese commerciali in Germania. Inoltre, va anche considerata quale linea commerciale tenere, il prodotto e il target di riferimento nel Paese estero. Ad esempio, se per quanto riguarda i prodotti italiani, rimangono ancora molto forti e venduti i prodotti alimentari e del settore della moda (e del lusso in generale), è pur vero che numerose sono le imprese che commercializzano questi beni, per cui potreste avere molta concorrenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività di autonoleggio

Ormai sono anni che la crisi economica sta creando numerosi problemi al mondo del lavoro in molti paesi del mondo, e certamente l'Italia non è esente. Il danno maggiore viene arrecato ai migliaia di giovani, in cerca di un futuro, che ogni giorno girano...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Madrid

Madrid è sicuramente una città, sia dal punto di vista turistico che climatico, splendida e caratterizzata dalla presenza di culture e popolazioni locali molto solari, una caratteristica che appartiene un po' a tutta la Spagna. Per questi ed altri motivi,...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Tokio

Al giorno d'oggi risulta sempre più arduo trovare un lavoro in Italia ed anche all'estero la situazione non sembra essere migliore. Eppure, se ci rimbocchiamo le maniche e decidiamo di aprire un'attività, possiamo prendere in considerazione l'ipotesi...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a conduzione familiare

Per attività a conduzione familiare, si indicano quelle attività che sono gestite da un nucleo familiare, tra questi fratelli cugini e così via, in realtà questo tipo di attività può essere definita a conduzione familiare se si è imparentati...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Barcellona

In questo periodo di grave crisi economica che sta colpendo l'Italia, sono sempre di più le persone che pensano di trasferirsi all'estero per avviare un'attività commerciale, per garantire un futuro migliore a se stessi e/o ai loro figli. In particolare...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Shanghai

Il continuo aumento della crisi economica, porta una percentuale sempre maggiore di italiani a trasferirsi all'estero in cerca di condizioni di vita migliori. Shanghai è sicuramente una tra le mete più gettonate, in quanto essendo un territorio molto...
Lavoro e Carriera

Aprire un'attività: 8 errori da non fare

Sicuramente aprire un'attività è una scelta importante, ma che al tempo stesso si può rivelare insidiosa. Infatti, gestire un'attività implica il fatto di incorrere in numerosi rischi, imprevisti e sbagli, ma con un minimo di attenzione è possibile...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività negli U.S.A.

Quando si vuole aprire un'attività commerciale in uno Stato, bisogna attenersi alle regole che sono in vigore in esso, e seguirle in maniera attenta per evitare di commettere errori che potrebbero portare alla sua chiusura. Per quanto riguarda gli Stati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.