Come allestire banchi e scaffali nella GDO

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

L'allestimento di banchi e scaffali è fondamentale perché definisce l'immagine di vendita del negozio e gioca un ruolo chiave all'interno della Grande Distribuzione Organizzata (gdo).
Anzitutto prima di allestire è opportuno curare la pulizia e l'igiene dei supporti, sia per un riguardo nei confronti degli stessi addetti alle vendite, sia nei confronti della clientela, come stabilito dalle normative d'igiene secondo HACCP (Legge 155/97).
Dopo aver proceduto a detergere le superfici da allestire, si inizia la sistemazione delle merci.

26

Occorrente

  • Voglia di lavorare e passione per la GDO
36

Se operiamo nella gdo (Grande Distribuzione Organizzata) e ci troviamo a sistemare dei prodotti che vanno esposti su gancio a mensola o a doppia chiusa, abbiamo una parete composta da un pannello con dei fori che hanno delle distanze standard omologate per ganci a due e a tre denti per l'incastro, e questo che stiamo allestendo è un banco. Nel pannello, una linea di fori per ganci a due denti si alterna con una riga per i ganci da tre.
Nei profili del pannello, detti anche cremagliere, si possono agganciare anche le barre per i ganci a mensola con incastro a pressione.

46

Nell'allestimento a scaffale abbiamo una struttura espositiva composta dalle cremagliere che sono praticamente lo scheletro dello scaffale, e dai bracci ad incastro (che si collegano alle cremagliere) e sono la struttura d'appoggio del ripiano. In alternativa, possiamo avere scaffalature a bulloni dove i ripiani sono fissati ai profili tramite bulloni e rondelle, ma questa struttura è decisamente meno dinamica e quindi meno adatta per gli allestimenti ad uso commerciale e di vendita. Nel caso degli scaffali a bracci basta sollevare il ripiano incastrato nei bracci e poi sganciare gli stessi dalle cremagliere per poter modificare il facing (l'aspetto del banco/scaffale) e conseguentemente il display merceologico ed layout commerciale del punto di vendita (P. V).

Continua la lettura
56

Quando ci sono dei prodotti da sistemare su ganci a mensola/a doppia chiusa occorre far attenzione alle dimensioni dell'articolo o dell'eventuale packaging e far sì che tra un articolo e l'altro ci sia uno spazio di circa 3-4 cm, sufficiente a permettere al cliente di far passare agevolmente la mano per sganciare il prodotto o valutarne l'assortimento (come nel caso di uguali articoli assortiti in diversi colori), senza arrecare danni all'esposizione/al packaging del articolo posizionato immediatamente vicino a quello di interesse.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare vetrinista

In quante occasioni vi è successo di rimanere incantati di fronte ad una meravigliosa vetrina di un negozio commerciale, quasi come se stesse osservando la scena di un film da Oscar del cinema?Dietro la capacità di comunicare attraverso la disposizione...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività commerciale in Francia

L'apertura di un'attività commerciale in Francia per uno straniero potrebbe sembrare un'impresa quasi impossibile. In realtà però, questo grande paese consente e favorisce la nascita di una gestione commerciale a chiunque sia interessato, senza fare...
Lavoro e Carriera

Come archiviare i documenti in ufficio

Avere i fogli di un ufficio sparsi su tutta la scrivania di certo non semplifica la ricerca di un determinato documento, quindi la miglior cosa è creare un ordine in modo di facilitare la ricerca. Questo è tra i compiti del personale che risultano essere...
Lavoro e Carriera

Consigli per gestire la segreteria di un ufficio

Un libero professionista ha spesso molti impegni da rispettare e una ricca agenda di lavoro da gestire. Per questo molti liberi professionisti scelgono di dedicare, nel proprio studio, un piccolo o uno spazio apposito per la segreteria. Se anche voi avete...
Lavoro e Carriera

Come diventare consulente artistico

Tra le varie attività lavorative da intraprendere ce ne sono alcune molto particolari, come ad esempio quelle legate al settore artistico. Infatti, è possibile diventare consulente ed occuparsi di tutto ciò che riguarda prodotti di una casa editrice...
Lavoro e Carriera

Come vendere i prodotti artigianali su internet

Se con le vostre mani avete una certa abilità nel realizzare dei prodotti artigianali, potete approfittarne per venderli online senza grossi investimenti. Nello specifico si tratta di allestire uno store con tanto di foto descrittive, ed un blog con...
Lavoro e Carriera

Come aprire un chiosco di giornali

Con la crisi economica che incalza sempre di più, si sente sempre più spesso il bisogno di crearsi un posto di lavoro sicuro e possibilmente redditizio. Si potrà quindi optare per un lavoro dipendente, oppure cercare di avviare una piccola attività...
Lavoro e Carriera

Come diventare esploratore

Ci sono alcuni lavori che infiammano la fantasia degli uomini più di ogni altro, uno di questi è il mestiere dell'esploratore. Non c'è bambino che almeno una volta, non abbia espresso il desiderio di vivere in maniera avventurosa alla ricerca di tesori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.