Collaborazione a progetto: tutela della maternità

Tramite: O2O 03/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un argomento che offre un interesse davvero importante è sicuramente la maternità. Nonostante questo interesse, le mamme non sempre riescono a essere organizzate nel momento in cui si ritrovano in questa determinata situazione. Nella guida che seguirà, andremo a occuparci di collaborazione a progetto, dedicandoci, appunto, alla tutela della maternità. Incominciamo subito le nostre valutazioni.

26

Occorrente

  • Contratto a Progetto, Iscrizione presso l'INPS Gestione Separata.
36

Contratto a progetto

Ora, prima in incominciare attraverso l'approfondimento dell'argomento in maniera dettagliata, andremo a spiegare in maniera molto sintetica il significato specifico del contratto di collaborazione a progetto. Attraverso l'entrata in vigore della Legge Biagi, tramite il decreto legislativo del 10 settembre del 2003, il numero di questa tipologia di contratti è decisamente aumentato e, conseguentemente, vi è stata una riduzione dei contratti a tempo indeterminato. Traiettoria che è stata poi proseguita nel tempo con altre riforme del lavoro.
Dall'entrata in vigore della Legge Biagi col D. Lgs 10.09.2003, il numero di questo tipo di contratti è andato aumentando decisamente, con una conseguente riduzione dei contratti a tempo indeterminato. Il contratto a Progetto, detto anche Co. Co. Co., equivale ad un profilo lavorativo che determina un rapporto continuato e collaborativo riconducibile ad uno o diversi progetti dell'azienda richiedente. Questo tipo di contratti sono stati per molto tempo un metodo efficace per gestire le risorse umane in assenza di una normativa in questo ambito. In questo modo, l'azienda non andava a caricarsi tutti gli obblighi conseguenti dal rapporto di lavoro subordinato. Fortunatamente la legge è intervenuta per trovare una soluzione in tali circostanze, in modo da garantire ulteriori diritti ai lavoratori.

46

La tutela della maternità

Spostandoci a trattare la tematica della tutela della maternità, c'è la necessità di iscriversi al fondo di gestione separata dell'INPS, che è previsto tramite la legge numero 388 del 2000. Tramite questa legge, vi è l'applicazione della tutela della maternità tramite le medesime norme pronosticate per le lavoratrici dipendenti. Di conseguenza, anche se il contratto a progetto non equivale ad un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, le norme applicate per la difesa e la tutela della donna in caso di maternità sono le stesse. Ciò nonostante, vi sono dei regolamenti e delle prassi da considerare.

Continua la lettura
56

I requisiti previsti

Ora siamo arrivati, nel terzo e ultimo passo della nostra guida, a occuparci di quelli che sono i requisiti previsiti. Prima di tutto, le lavoratrici non devono essere in possesso di altre forme relative alla copertura previdenziale, né di una pensione di reversibilità e neppure di una pensione diretta. Oltre questi primi aspetti, devono aver maturato almeno tre mesi di lavoro di seguito nel periodo annuale precedente, e almeno due mesi prima alla data del parto. Naturalmente non vi devono essere iscrizioni ad albi o ulteriori casse per poter avvantaggiarsi della tutela. Questa legge è pari sia per le lavoratrici a progetto, sia per quelle indipendenti, che hanno effettuato l'iscrizione al fondo INPS gestione separata. Eppure, nonostante la presenza di questa comparazione tra le donne impiegate anche con contratti diversi, l'INPS determina che per le lavoratrici con contratto a progetto vige l'assenza del dovere di astensione dal lavoro nei 2 mesi precedenti e nei 3 mesi successivi al parto. Una volta che veniamo a conoscenza dei nostri diritti, si può beneficiare di uno dei maggiori desideri di una donna, ovvero diventare mamma !
Eccovi un link utile: http://www.altalex.com/documents/codici-altalex/2014/06/17/testo-unico-sulla-maternita-e-paternita.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informatevi dettagliatamente sui vostri diritti in caso di maternità presso gli uffici preposti. Iscrizione presso l'INPS Gestione Separata. Non bisogna possedere una pensione diretta o di reversibilità.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come dare le dimissioni

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella...
Lavoro e Carriera

Come richiedere on line la maternità

Il congedo di maternità o la maternità obbligatoria è un diritto per ogni donna. La durata è di cinque mesi, oltre i due mesi precedenti la data del parto ed i tre successivi. In tale lasso di tempo, la donna deve sospendere l'attività lavorativa...
Lavoro e Carriera

Come calcolare lo stipendio netto del contratto a progetto

Uno dei contratti più diffusi nell'ambito del lavoro è sicuramente quella "a progetto": si tratta di un tipo di contratto firmato dal lavoratore che accetta di realizzare un determinato progetto dietro il corrispettivo di un prezzo. In questa guida,...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la retribuzione in maternità

Il congedo per maternità è un periodo di assenza obbligatoria della lavoratrice dal lavoro retribuito, durante il quale la donna riceve una retribuzione economica da parte dell'INPS, in sostituzione di quella abituale. Normalmente l'assenza obbligata...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
Lavoro e Carriera

Come calcolare i contributi sul contratto a progetto

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto concreto poter essere in grado d'imparare come e cosa fare per calcolare nel modo corretto e pratico, i contributi sul contratto a progetto. Eseguire tutto questo, è veramente utile ed anche molto...
Lavoro e Carriera

Il congedo di maternità facoltativo

Oltre alla tipologia di astensione dal lavoro più ricorrente, ovvero il "congedo di maternità obbligatoria", ne esiste una seconda tipologia detta "facoltativa". Il congedo di maternità facoltativo, anche detto "congedo parentale", presenta una serie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.