Cessione del quinto e delegazione di pagamento: tutte le differenze

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Purtroppo stiamo vivendo un periodo economico che non è proprio dei più rosei. Molte persone, quindi, devono molto spesso far fronte a diverse spese economiche ricorrendo a dei prestiti. Esistono varie forme che ci permettono di ottenere un finanziamento congruo alle nostre esigenze. In questa guida ne vedremo due tipologie in particolare. Vediamo, quindi, le differenze tra la cessione del quinto e la delegazione di pagamento. Data la natura ostica della materia, consiglio comunque di chiedere ulteriori consigli e chiarimenti a qualche professionista del settore. In questo modo verrete indirizzati meglio sulla tipologia che più si s'addice alle vostre esigenze.

26

Occorrente

  • Necessità di richiedere un prestito
36

Dobbiamo tener presente che sia il quinto che la delega di pagamento sono concessi a dipendenti di enti pubblici o privati, dipendenti di aziende municipalizzate, dipendenti statali para-statali, medici convenzionati. La cessione del quinto di stipendio è così chiamata perché l'importo mensile della rata del prestito non può superare un quinto dello stipendio. L'erogazione del prestito avviene tramite assegno circolare non trasferibile o bonifico bancario intestati al cliente che ha chiesto il prestito. La restituzione può avvenire in un lasso di tempo che va da ventiquattro a centoventi mesi e può superare il termine del rapporto di lavoro. Come per il quinto la delega di pagamento è assistita da garanzia assicurativa contro il rischio morte o perdita dell'impiego.

46

Il prestito con delega di pagamento è concesso con un convenzione tra chi eroga il finanziamento e l'amministrazione di appartenenza: Regione, Comune, ASL, etc. Essa può affiancare anche il quinto di stipendio; insieme possono raggiungere anche il cinquanta percento dello stipendio così diviso: venti percento quinto, trenta percento delega. La domanda di finanziamento per la delega deve essere accettata dal datore di lavoro che si impegna a a fare una seconda trattenuta sulla busta paga; la rata è fissa e costante per tutta la durata. La delega di finanziamento può essere concessa anche a chi ha avuto problemi bancari, pignoramenti, protesti in corso ed eventuali altri impegni finanziari.

Continua la lettura
56

La delega di pagamento si può rinnovare al decorrere dei due quinti della durata. Essa può essere concessa anche se non è ancora possibile rinnovare il quinto di stipendio. A questo punto potete tranquillamente effettuare il finanziamento che più si adatta alla vostra situazione economica.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Come per il quinto la delega di pagamento è assistita da garanzia assicurativa contro il rischio morte o perdita dell'impiego
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come distinguere il pignoramento del quinto dello stipendio dalla cessione del quinto

In periodi di crisi come questo, purtroppo, si sente sempre più spesso parlare di pignoramento del quinto dello stipendio o della cessione del quinto. Quali sono le differenze tra queste due situazioni finanziarie? Chi ricorre all'una o all'altra? Il...
Finanza Personale

Come ottenere un prestito con la cessione del quinto per arredare casa

Negli ultimi anni si sta sviluppando, sempre di più, il fenomeno “crisi”. Per questo motivo, le famiglie di un tempo sono sempre più difficili da trovare. Infatti in questi ultimi anni si possono trovare famiglie composte dai due genitori con un...
Finanza Personale

Come calcolare la rata della cessione del quinto

Di questi ultimi tempi la crisi ci sta portando verso un'era di povertà e malumore che contrasta qualsiasi forma di presagio ci sia in giro. Ultimamente molte persone ricorrono a prestiti dalle banche o addirittura a prestiti fatti da amici per cercare...
Finanza Personale

Come chiedere un prestito alle poste

Realizzare i nostri sogni spesso richiede un investimento di passione e denaro. La passione ce la mettiamo noi, il denaro possiamo chiederlo in prestito e restituirlo a rate con piccoli interessi. Ultimamente è sempre più necessario chiedere dei finanziamenti...
Previdenza e Pensioni

Come ottenere e restituire un prestito con la pensione

Fino a qualche anno era difficile che un pensionato potesse richiedere ed ottenere un prestito. Infatti, questa operazione era possibile soltanto ai lavoratori attivi. Con l'aumento dell'età media gli istituti bancari hanno deciso di rivolgersi anche...
Finanza Personale

Come richiedere superquinto di Unicredit Banca

SuperQuinto UniCredit è nato come accordo tra INPS e UniCredit Banca per permettere ai pensionati di chiedere un prestito e di avere la pensione come garanzia. L'UniCredit ha poi esteso questo diritto ai dipendenti pubblici e privati, con importi variabili...
Finanza Personale

Come estinguere un prestito Inpdap

Può capitare che in periodi poco prosperi sia necessari richiedere una piccola o una grande somma di denaro, per far fronte a determinate spese. Gli istituti di credito che offrono prestiti a tassi fissi o variabili sono molteplici, come ad esempio l'INPDAP...
Finanza Personale

Come estinguere un prestito Findomestic

L'estinzione di un prestito consiste nel pagamento, in una unica soluzione, di tutta la somma dovuta. Come tutte le banche e le società finanziarie, anche Findomestic dà la possibilità ai suoi clienti di estinguere anticipatamente il prestito personale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.