Buoni lavoro: come funzionano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare degli ormai utilizzatissimi buoni lavoro. Proveremo a far comprendere in modo semplificato ed oltre tutto sintetico, il loro funzionamento. Ci porremo quest'interrogativo e ci daremo una risposta: come funzionano i buoni lavoro?
Buona lettura!
Ci sono alcune attività che hanno bisogno di particolare manodopera, in determinati periodi dell'anno. Un esempio è la raccolta di pomodori, che richiede l'impiego di lavoratori soltanto per un breve periodo stagionale, e lo stesso discorso vale per i produttori di uva ed aziende vinicole. A tale proposito sono stati istituiti i cosiddetti buoni lavoro (voucher), che vengono dati ai lavoratori invece del danaro contante. In questa guida, nel dettaglio spieghiamo cosa sono e come funzionano.

26

In diverse attività, come ad esempio in occasione di una mostra o un evento dove si richiedono hostess, oppure per una fiera dove occorrono addetti alle vendite, si può usufruire dei suddetti buoni. Il governo per combattere la piaga del lavoro nero, ha istituito di comune accordo con gli enti previdenziali ed assicurativi nazionali, questi buoni lavoro, che offrono molti vantaggi ai datori di lavoro, che quindi si sentono maggiormente incentivati a far emergere la loro attività.

36

I vantaggi principali che un datore di lavoro può ottenere dall'utilizzo dei buoni, sono la possibilità di versare i contributi al collaboratore occasionale, senza doverne farsene carico di tasca propria. Ogni buono, infatti ha un prezzo standard di 10 euro, ed è comprensivo di contributi previdenziali del 13 % (Inps), e assicurativi del 7% (Inail), quindi in sostanza il buono ha un valore di 7,50 euro. Quest'ultimo, è possibile anche ottenerlo in pacchetti da 5, per un valore complessivo di euro 37,50 al netto dei suddetti contributi. È fondamentale il fatto che essi non siano divisibili. Questo fa si che siano utilizzabili esclusivamente per pagare un unico operaio che svolge delle diverse mansioni, anche in periodi dell'anno. Inoltre, un altro aspetto vantaggioso da sottolineare è il seguente: i buoni che non vengono utilizzati, possono esser rimborsati dagli enti predetti. Il rimborso viene effettuato tramite bonifico bancario o postale, fatto al datore di lavoro, ma solo su richiesta specifica dello stesso. La richiesta dovrà essere inoltrata in forma scritta.

Continua la lettura
46

Il lavoratore dopo aver completato la sua opera, viene quindi pagato attraverso questi buoni, che può incassarli in un qualsiasi ufficio postale, con la consapevolezza che anche i contributi previdenziali ed assicurativi, sono stati regolarmente versati ai rispettivi enti. Un buono lavoro per essere riscosso senza particolari intoppi, deve tuttavia contenere i nomi e il codice fiscale sia del prestatore del servizio che del lavoratore stesso, compresa la data di inizio e fine dell'attività lavorativa occasionale.
In ultima analisi, vi consiglio vivamente la lettura di questo articolo, concernente, anch'esso, il medesimo argomento che abbiamo trattato, in sintesi, all'interno di questa breve, ma utile, guida: https://www.forexinfo.it/Buoni-lavoro-cosa-sono-e-come.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificate nei link inseriti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come calcolare i contributi da versare alla domestica

In questo tutorial vi spieghiamo come calcolare i contributi da versare alla domestica. L'assunzione di una collaboratrice domestica, oppure una colf, da parte della famiglia implica la sottoscrizione di un contratto regolare di lavoro, dove dovranno...
Finanza Personale

Come compilare un F24

In Italia il Modello F24 è il prospetto che deve essere utilizzato per il pagamento della maggior parte delle tasse, imposte e dei contributi. Può essere utilizzato sia dai contribuenti non titolari di partita IVA, che non hanno l'obbligo dei effettuare...
Previdenza e Pensioni

Come riscattare contributi previdenziali versati all'estero

La richiesta dei contributi previdenziali versati all'estero è molto importante e soprattutto si è diffusa moltissimo negli ultimi anni visto che dall'Italia come da tanti altri paesi abbiamo avuto una specie di emigrazione di giovani che si sono trasferiti...
Lavoro e Carriera

Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio

Lavorare è un diritto di tutti, ma spesso trovare lavoro in Italia è veramente difficile. Nascono in questo modo delle categorie di lavoro che permettono anche ai meno agiati di poter lavorare, avendo un discreto guadagno, però non è poi così semplice...
Aziende e Imprese

Lavoro: come pagare le piccole collaborazioni con i voucher

Con la legge 92/2012, il Governo ha voluto riformare il mercato del lavoro, modificando la regolamentazione delle prestazione del lavoro occasionale. Con questa riforma ha inoltre confermato all'INPS il ruolo di concessionario del servizio stesso. Oggi...
Previdenza e Pensioni

Fondi Pensione: cosa sono e come funzionano

Nel 1995 venne varata la “Riforma Dini”. Anche detta “Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare”, essa apportò un profondo cambiamento nel sistema previdenziale italiano. Venne a crearsi una forte differenza in termini di...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare i contributi con contratto subordinato

In questo tutorial vedremo come calcolare i contributi con contratto subordinato. Per tale calcolo dei contributi di un lavoratore, che è assunto con questo contratto, occorrerà sapere che cosa è, e cosa prevede questo contratto in tutte le sue forme....
Finanza Personale

Come leggere i dati contenuti nel Cud

Ogni anno nel mese di febbraio e precisamente entro il giorno 28, il datore di lavoro o un ente pensionistico pubblico o privato, consegna al proprio dipendente il modello Cud (Certificato Unico Dipendente). Inizialmente veniva inviato in formato cartaceo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.