Assicurazioni: come disdire la polizza danni

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Fare la disdetta di una polizza danni, non è sempre cosi semplice, soprattutto se non si ha proprio idea delle tempistiche e dei meccanismi corretti. La fonte più grande di disagio e confusione è data dagli importanti e numerosi cambiamenti che hanno riguardato le assicurazioni e che si sono succeduti negli ultimi anni, alcune volte anche a beneficio degli utenti. Per non creare ulteriore confusione, vi consigliamo di leggere attentamente questa guida che vi spiegherà nello specifico come disdire una polizza danni.

26

Incominciamo parlando dell'articolo 1899 del codice civile "Durata dell'Assicurazione" che è stato soggetto a moltissimi cambiamenti negli ultimi anni. Prima del 2 aprile 2007 questo articolo prevedeva l'esistenza di contratti di assicurazione poliennali e in queste tipologie di contratto la facoltà di recedere veniva concessa solo nell'ultimo anno del contratto. Quindi se si stipulava una polizza di dieci anni si aveva la possibilità di recedere, facendo disdetta, soltanto nel decimo anno con l'obbligo del pagamento del premio per tutti questi dieci anni.

36

La legge n°40 del 2 aprile del 2007 "Decreto Bersani" ha modificato l'articolo del codice civile prevedendo che, in caso di contratto poliennale, il contraente aveva la facoltà di recedere dal contratto annualmente senza oneri e con un preavviso di 60 giorni: ciò era valido per contratti poliennali stipulati dalla data in vigore del decreto, ovvero il 2 aprile 2007 mentre, per quanto riguardava i contratti poliennali stipulati prima della data in vigore del decreto, era previsto che la facoltà di recesso poteva essere esercitata solo per quei contratti con vita superiore a 3 anni. Questo decreto ha, di fatto, eliminato i contratti di assicurazioni poliennali.

Continua la lettura
46

Con l'entrata in vigore della legge n°99 del 15 agosto 2009 si sono riscritte di nuovo le modalità di recessione dei contratti ritornando più vicini all'articolo 1899. Per meglio chiarire possiamo dire che ora l'assicuratore può proporre contratti poliennali a fronte, però, di una riduzione del premio per il contraente. Tuttavia, con questa modalità, viene meno la possibilità di recedere annualmente dal contratto e questa operazione sarà possibile solo alla fine del quinto anno di copertura. Quindi con l'introduzione di questa "ultima" legge sarà permesso all'assicuratore di offrirvi un contratto, superiore all'anno, ma dovrà concedervi uno sconto sulla tariffa. Quindi sarete obbligati a pagare il premio, per i primi cinque anni, e negli anni successivi recedere con 60 giorni di preavviso. Una cosa a vostro vantaggio è che se il vostro assicuratore non esplica o non applica il cambio di tariffa come da accordi presi, allora, voi contraenti avete la facoltà di recedere dal contratto annualmente fermo restando, però, il preavviso di 60 giorni.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come recedere da una polizza vita

L'assicurazione sulla vita prevede, in caso di morte, il pagamento di una determinata somma di denaro indicata sul contratto. Tuttavia, questi contratti sono pieni di moltissime clausole che si dovranno necessariamente comprendere alla perfezione, in...
Finanza Personale

Diritto commerciale: i contratti di assicurazione

Dopo la revisione del codice del 1942, la disciplina del contratto di assicurazione è stata rimodulata per una maggiore tutela dell'assicurato, in quanto parte meno forte del contratto, al fine di evitare che l'assicuratore possa disporre arbitrariamente...
Previdenza e Pensioni

Come recedere da un contratto di assicurazione sulla vita

Le assicurazioni sulla vita caso morte sono polizze con cui una compagnia si obbliga a corrispondere un capitale o una rendita ai beneficiari del contratto, individuati dal contraente al momento della sottoscrizione del contratto. Si tratta quindi di...
Previdenza e Pensioni

Come fare la disdetta dell'assicurazione casa

Come vedremo nel corso di questa guida, l'assicurazione sulla casa è una peculiare tipologia di assicurazione studiata per far fronte a qualsiasi evento rischioso legato alla propria casa, ovvero per proteggerla da eventi quali ad esempio un incendio,...
Previdenza e Pensioni

Come disdire una polizza RC auto per aumento premio

Tutti coloro i quali circolano con la loro automobile si trovano spesso ad avere a che fare con le compagnie assicurative. La legge infatti impone l'obbligo di avere una copertura assicurativa per il proprio veicolo. Ogni anno però il premio assicurativo...
Richieste e Moduli

Come detrarre le assicurazioni vita, morte e infortuni

Ogni anno si è chiamati ad effettuare delle dichiarazioni relative al proprio reddito, alle proprietà possedute e ad alcuni tipi di pagamento. All'interno dei modelli dedicati che devono essere compilati, vi è una voce specifica atta a consentire di...
Finanza Personale

Come disdire l'abbonamento sky

Molto spesso, magari invogliati da una pubblicità o convinti da un operatore, ci ritroviamo a sottoscrivere un abbonamento per uno o più servizi. Tuttavia non sempre l'offerta coincide con le nostre aspettative, dal momento che diversi contratti nascondono...
Previdenza e Pensioni

Tutto su polizze e assicurazioni auto

Che cos'è una polizza assicurativa? Si tratta semplicemente di un'assicurazione, resa obbligatoria dal 1969 per tutti. Riguarda principalmente l'auto (ma anche il conducente e i passeggeri trasportati). In caso di incidente, sarà una compagnia assicurativa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.