Assegno di maternità: come ottenerlo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

È bene sapere che, quando nasce un bambino, la madre dopo il parto, può richiedere per un determinato tempo, presso il comune di residenza, entro sei mesi dalla nascita del piccolo, un assegno di maternità a carico dello Stato che sarà poi erogato, ovviamente, dall'Inps. Tuttavia, questo assegno spetta a tutte le cittadine italiane, a quelle comunitarie e le extracomunitarie che abbiano però la carta di soggiorno in Italia. Inoltre, spetta anche alle famiglie che hanno deciso di adottare un bambino. Seguite attentamente i passi di questa guida che vi spiegheranno in maniera semplice quali sono le procedure per richiedere l'assegno di maternità e, quindi, come ottenerlo.

27

Occorrente

  • Domanda per richiedere l'assegno di maternità, reperibile nel comune dove risiedete.
37

Innanzitutto è possibile richiedere l'assegno di maternità solo se il valore ISEE del nucleo familiare è inferiore a determinati tetti; dovete anche sapere che l'assegno spetta ad ogni figlio, quindi, se avete avuto un parto gemellare o trigemino, l'importo sarà duplicato o triplicato, in base al numero dei figli. Inoltre, se la richiedente è una lavoratrice domestica, deve aver versato almeno un anno di contributi nei due anni precedenti; quelle autonome devono essere iscritte negli elenchi degli artigiani o dei commercianti; le madri che svolgevano lavori agricoli devono aver effettuato più di cinquanta giorni di lavoro nell'anno precedente al parto.

47

L'assegno spetterà anche a quelle lavoratrici che sono state licenziate almeno sessanta giorni prima del parto, e a quelle che sono disoccupate. L'assegno verrà dato alla madre anche se il bambino dovesse decedere nei mesi successivi dopo il parto, nascere morto o ci sia stata un'interruzione della gravidanza dopo il sesto mese di gravidanza (che è considerato quindi come un parto effettivo). Le modalità di pagamento sono molteplici: infatti, l'assegno può essere pagato presso gli uffici postali oppure essere accreditato sul conto bancario o conto postale.

Continua la lettura
57

Nel caso in cui la madre abbandonasse il figlio o il nucleo famigliare, e quindi il bambino fosse affidato al padre, a quest'ultimo spetta ugualmente l'assegno di maternità (anche per il padre valgono gli stessi requisiti della madre; nel caso fosse extracomunitario, deve essere in possesso della carta di soggiorno sul suolo italiano). Il figlio, ovviamente, deve essere a carico del padre e non deve essere affidato a terzi, come ad esempio i nonni, gli zii od altri parenti o amici. Nel caso i genitori fossero minorenni, può richiedere l'assegno la madre della genitrice stessa o da un altro legale rappresentante.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
Lavoro e Carriera

Come calcolare la retribuzione in maternità

Il congedo per maternità è un periodo di assenza obbligatoria della lavoratrice dal lavoro retribuito, durante il quale la donna riceve una retribuzione economica da parte dell'INPS, in sostituzione di quella abituale. Normalmente l'assenza obbligata...
Lavoro e Carriera

Collaborazione a progetto: tutela della maternità

Un argomento che offre un interesse davvero importante è sicuramente la maternità. Nonostante questo interesse, le mamme non sempre riescono a essere organizzate nel momento in cui si ritrovano in questa determinata situazione. Nella guida che seguirà,...
Lavoro e Carriera

Come Chiedere L'Assegno Di Incollocabilità

L'assegno di incollocabilità è una retribuzione che viene assegnata ai lavoratori che hanno subito un infortunio sul lavoro oppure agli invalidi che purtroppo non possono più lavorare, indipendentemente se possiedono una famiglia. Purtroppo in Italia,...
Lavoro e Carriera

Come ottenere l'assegno di cura e sostentamento

Molte famiglie riescono raramente ad arrivare a fine mese. Soprattutto gli anziani, che percepiscono pensioni minime con la quale riescono a malapena a sostenersi. Figuriamoci se, nel loro nucleo famigliare, è presente un malato o qualcuno non autosufficiente....
Lavoro e Carriera

Come fare domanda di assegno ordinario di invalidità

L'inps: l'istituto nazionale di previdenza sociale, concede la pensione di invalidità civile ai lavoratori dipendenti, agli autonomi e a quanti siano iscritti ad alcuni fondi pensionistici sostitutivi ed integrativi dell'assicurazione generale obbligatoria....
Lavoro e Carriera

Come richiedere on line la maternità

Il congedo di maternità o la maternità obbligatoria rappresenta quel periodo nel quale una madre lavoratrice deve obbligatoriamente astenersi dal proprio lavoro. Il periodo in questione dura cinque mesi, e generalmente comprende due mesi precedenti...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.