Allestimento vetrine: gli errori da non commettere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La vetrina del proprio negozio, a prescindere dal settore nel quale si operi, è il primo e forse il più importante biglietto da visita. Una vetrina ben curata e accattivante, è infatti in grado di catturare l'attenzione di eventuali clienti. Per riuscire a creare una buona vetrina è quindi fondamentale sapere cosa evitare. Vediamo quindi gli errori da non commettere per quanto riguarda l'allestimento delle vetrine.

26

Improvvisare

Una buona vetrina, richiede uno studio affinché sia credibile e in grado di incuriosire i clienti. Non è quindi sufficiente affidarsi all'improvvisazione, soprattutto nel caso in cui si voglia stupire e aumentare la propria clientela. È quindi bene prendere in considerazione la possibilità di seguire un corso o uno stage di formazione dedicato al visual merchandising. Questo permette di ottenere una maggiore cura nell'esposizione dei prodotti, mettendoli così in risalto nel modo adeguato.

36

Mostrare troppi prodotti

Mostrare poco non è un bene, ma mettere in vetrina troppi oggetti, può rivelarsi controproducente. È preferibile aggiornare la vetrina più spesso, in modo da alternare i vari articoli venduti, che creare un insieme confuso di oggetti. Un'altro aspetto importante riguarda i prodotti con disponibilità limitata. Spesso capita di entrare in un negozio, di abbigliamento ad esempio, chiedere un capo esposto in vetrina, e sentirsi rispondere che è terminato. Questo può spingere il cliente a non tornare, recandosi invece dalla concorrenza.

Continua la lettura
46

Essere prevedibili

Per catturare l'attenzione dei passanti, al fine di farli diventare clienti, è bene evitare di essere prevedibili. Soprattutto nel caso si venda merce presente anche in altri negozi, creare una vetrina originale è di fondamentale importanza. È utile inoltre, cercare di raccontare una storia o usare un filo conduttore, evitando di essere monotoni.

56

Aggiornare raramente l'esposizione

Non aggiornare la vetrina, significa evitare di dare risalto ai prodotti venduti. Una vetrina va cambiata con regolarità, in modo che risulti sempre varia, mostrando ai clienti quanti più articoli possibili. Inoltre è fondamentale curare l'aspetto igienico, evitando che sui capi esposti si accumuli polvere, poiché oltre ad essere poco elegante, può spingere un possibile avventore, ad allontanarsi.

66

Usare un'illuminazione scarsa

Spesso purtroppo si tende a non attribuire all'illuminazione la giusta importanza. Il sistema di luci, presenti in una vetrina è invece in grado di fare la differenza. Illuminare il prodotto con il giusto angolo di luce, serve a dare risalto all'oggetto, rendendolo più appetibile e accattivante, invogliando quindi il cliente ad entrare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Consigli per la progettazione delle vetrine di un negozio

La gestione di un'attività commerciale comporta davvero tante incombenze, dalla selezione dei fornitori all'aggiornamento del magazzino alla tenuta della contabilità. Per i negozianti che hanno anche un affaccio su strada, e che sono interessati ad...
Aziende e Imprese

Come allestire le vetrine di un negozio

La vetrina è il mezzo attraverso il quale un negozio proietta la propria immagine all'esterno, un po' come un biglietto da visita per il futuro cliente. Lo scopo di una vetrina è quello di attirare l'attenzione dei passanti, attraverso la giusta disposizione...
Aziende e Imprese

Franchising: 5 errori da evitare

Il mondo del franchising è in notevole crescita, un settore che ha dimostrato e sta dimostrando di essere molto redditizio. Nel momento in cui ci impegniamo ad aprire un franchising, di qualsiasi settore, è importante evitare una serie di errori che...
Aziende e Imprese

5 errori da non fare in un preventivo

Quando si vuole chiedere un mutuo per l'acquisto di una casa o semplicemente un prestito per finanziare lavori di ristrutturazione, una vacanza dall'altro capo del mondo o si ha la necessità di rinnovare l'auto, la cosa più opportuna è farsi fare un...
Aziende e Imprese

Errori da evitare per chi vuole aprire un ristorante

Se intendiamo aprire un ristorante, oltre a considerare le spese da affrontare e tutti gli adempimenti burocratici, è necessario pianificare bene alcune cose fondamentali, per evitare di commettere errori che potrebbero ripercuotersi sul rendimento del...
Aziende e Imprese

I 10 errori principali in fase di colloquio

Il lavoro è ormai qualcosa di davvero difficile da trovare. Con la disoccupazione altissima che sta colpendo migliaia e migliaia di giovani, quando si presenta l'occasione di un colloquio, non bisogna lasciarsi perdere questa importante opportunità...
Aziende e Imprese

I più frequenti errori nella creazione di loghi

L'ideazione di un logo è un processo creativo che quindi presuppone la necessità di fare delle scelte. Già questo fa intuire che si tratta di un lavoro non così facile, come si potrebbe pensare, soprattutto se i loghi vengono commissionati. Per capire...
Aziende e Imprese

5 errori da evitare quando vuoi aprire un negozio

Quando vuoi aprire un negozio è molto importante farlo in maniera ben studiata. L'attività da te scelta potrebbe essere molto stimolante e piena di soddisfazioni economiche. Non è però semplice ed occorre considerare vari fattori tra cui i mercati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.