Aiuti economici statali per gli inabili al lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo stato italiano è attento ai diritti dei lavoratori, cercando di formulare leggi a tutela delle diverse tipologie che si possono presentare. Una legge specifica, la 335 del 1995, formulata per coloro che, precedentemente impiegati, si trovino in condizione di infermità, non dipendente da causa di sevizio, tale da renderli inabili permanentemente all'attività lavorativa. In questa lista vedremo appunto come richiedere ed accedere agli aiuti economici statali per gli inabili al lavoro.

26

Dipendenti privati: chi può fare domanda

Per quanto riguarda i dipendenti privati, hanno diritto a richiedere la pensione i dipendenti o i lavoratori indipendenti, iscritti ad enti previdenziali, che siano impossibilitati permanentemente ad ogni tipologia di attività lavorativa, sia per motivi fisici, che mentali. Altri requisiti sono il versamento dei contributi per almeno 5 anni, la rinuncia all'iscrizione all'albo professionale, la rinuncia ad ogni tipo di sussidio di disoccupazione ed infine la cessazione effettiva di ogni attività lavorativa.

36

Dipendenti privati: come presentare la domanda

Sempre peri dipendenti privati, per presentare la domanda è necessario munirsi di certificato medico che accerti le reali condizioni di inabilità al lavoro. Una volta ottenuto il certificato si può presentare la domanda all'INPS, attraverso il web, accedendo con le proprie credenziali al portale, telefonando al numero, gratuito da rete fissa, 8033164 o rivolgendosi fisicamente ai patronati di zona. Se la richiesta sarà accettata, la pensione sarà percepita dal primo giorno del mese successivo al giorno di presentazione della domanda. La quota sarà calcolata in base all'inizio dell'attività lavorativa, precedente o antecedente all'entrata in vigore della norma del 1995, tenendo conto degli anni di contributi maturati, prima che subentrasse l'inabilità, ed incrementata degli anni rimanenti all'età pensionabile, ossia 60 anni.

Continua la lettura
46

Dipendenti pubblici: inabilità alla mansione

Per i dipendenti pubblici, invece vigono regole leggermente diverse, a seconda del grado di inabilità. Si riconoscono tre gradi di inabilità. La prima è l'inabilità alla mansione, ossia l'impossibilità sopraggiunta di svolgere la determinata mansione a cui si era assegnati. In questo caso il lavoratore non ha direttamente diritto alla pensione, ma il datore di lavoro può cercare di attribuire al lavoratore una mansione inferiore, che egli può rifiutare per accedere al sussidio pensionistico. In questo caso i requisiti sono come nel caso precedente il certificato medico e la cessazione dell'attività lavorativa, inoltre occorre un contributo minimo di 15 anni per i dipendenti statali e almeno 20 anni per i dipendenti in ambito sanitario.

56

Dipendenti pubblici: inabilità a proficuo lavoro

Il secondo caso è quello dell'inabilità ad un proficuo lavoro, ossia una menomazione mentale o fisica, accertata dalla ASL, che anche se non totalmente invalidante, determini un'attività lavorativa discontinua e quindi non in grado di garantire guadagni sufficienti ad una vita dignitosa. Per questa categoria i requisiti sono la cessazione dell'attività lavorativa, la certificazione medica ed un'attività contributiva di ameno 15 anni.

66

Dipendenti pubblici: inabilità a qualsiasi lavoro

Quest'ultima categoria riguarda coloro che sono impossibilitati a svolgere qualsiasi tipo di attività lavorativa. Per questa tipologia di pensione i requisiti corrispondo a quelli in vigore per i lavoratori privati, fatta eccezione per la rinuncia all'iscrizione agli albi professionali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'invalidità civile con inabilità al lavoro

L'invalidità civile è uno status che il nostro ordinamento legislativo riconosce a tutte quelle persone che per situazioni specifiche non riescono a svolgere le ordinarie azioni atte a provvedere al proprio fabbisogno. Chi si trova in tale situazione...
Previdenza e Pensioni

Lavoro agile: misure di prevenzione e protezione

La definizione di incidente di Merriam-Webster è "uno sfortunato evento derivante soprattutto dalla negligenza o dall'ignoranza". Il primo esempio della parola usata in una frase è "È stato ferito in un incidente al lavoro". Perché il primo esempio...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere visto per lavoro all’ingresso in Italia

Il visto è un atto amministrativo con il quale la rappresentanza consolare o diplomatica autorizza a fare ingresso nel territorio dello stato, al fine di transitarvi o soggiornarvi per un tempo determinato. Il visto è rilasciato dall'ambasciata italiana...
Previdenza e Pensioni

Buoni lavoro: come funzionano

All'interno di questa guida, andremo a parlare degli ormai utilizzatissimi buoni lavoro. Proveremo a far comprendere in modo semplificato ed oltre tutto sintetico, il loro funzionamento. Ci porremo quest'interrogativo e ci daremo una risposta: come funzionano...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere il visto per lavoro autonomo all’ingresso in Italia

Come in quasi tutte le altre nazioni, anche in Italia, i cittadini extracomunitari che vogliono recarsi sul territorio per svolgere un'attività di lavoro in proprio, devono seguire un iter burocratico ben preciso per richiedere e riuscire ad ottenere...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare le detrazioni da lavoro dipendente

I contribuenti che producono dei redditi da lavoro dipendente possono, in base di dichiarazione dei redditi, detrarre l'irpef. Non si procede a nessuna riduzione in caso di sciopero o di contratto part-time. Vediamo insieme questa semplicissima guida...
Previdenza e Pensioni

Maternità e lavoro: linee guida

In questa guida trattiamo un tema di grande importanza, fonte purtroppo di molti problemi per molte donne, quello della maternità nell'ambito del lavoro. Cominciamo dal presupposto che trattandosi di una circostanza estremamente delicata, l'ordinamento...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'accompagnamento

L'assegno di accompagnamento per invalidità è un beneficio conferito ai disabili che hanno bisogno di un (accompagnatore) che li aiuti nelle operazioni quotidiane. Per ottenerlo, è necessario presentare domanda all'INPS. In questa guida, saranno illustrati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.