Affitti brevi: come funzionano i contratti transitori

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se capita di leggere un annuncio su di un giornale di una casa in affitto, è importante verificare se il contratto di locazione è basato sul classico 4+4, oppure rientra nella tipologia dei cosiddetti affitti brevi. Quest'ultimi infatti come si evince dalla parola stessa, sono riservati a coloro che cercano una struttura abitativa per un periodo limitato di tempo. Per conoscere nel dettaglio di cosa effettivamente si tratta, e come funzionano i contratti transitori, vi consigliamo di leggere i passi successivi di questa guida.

24

Il contratto transitorio viene sempre più utilizzato come strumento di affitto di un immobile da parte di proprietari che magari avendo un figlio grande, non vogliono correre il rischio di trovarsi con l'appartamento a lui destinato occupato per lungo tempo, visto che la tipologia standard come già descritto in fase introduttiva, è di 8 anni. Gli affitti brevi invece da questo punto di vista, risultano particolarmente vantaggiosi, perché si possono concordare da un minimo di 1 ad un massimo di 18 mesi, purché il contatto avvenga in forma scritta.

34

Le persone che cercano questi tipi di affitti brevi, in genere sono studenti o lavoratori, e quindi più o meno conoscono i tempi che gli occorrono per usufruire di un appartamento in affitto. Un proprietario può concordare questo tipo di affitto stipulando un accordo scritto, e alla scadenza del contratto stesso vedersi liberato l'immobile, purché almeno un mese prima invii una raccomandata all'inquilino, che sostanzialmente conferma quanto stabilito all'atto della stipula. Ove mai ciò non avvenisse, per dimenticanza o negligenza, il conduttore potrebbe pretendere poi un tacito rinnovo il che comporterebbe una tipologia di contratto diversa e cioè il 4+4.

Continua la lettura
44

Un'altra caratteristica degli affitti brevi, è che il proprietario di un immobile se ad esempio per motivi di lavoro, o è in attesa di un'erogazione di un mutuo per l'acquisto di una nuova casa o ha bisogno di una dimora per breve tempo, può concordare un affitto temporaneo con una scadenza ben precisa ed improrogabile, che gli consente di ottimizzare il risultato senza rischi di incorrere in eventuali vertenze. A margine di questa guida, va anche sottolineato che pur trattandosi di un affitto temporaneo, la prassi dal punto di vista fiscale è la stessa dei contratti di locazione standard, e quindi con la registrazione presso l'Agenzia delle Entrate e le agevolazioni del caso, come ad esempio la cedolare secca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

come richiedere le detrazioni per l'affitto di casa

L'Italia viene vista come il Paese dei mammoni, in cui non ci si allontana nè dalla propria città e dalle abitudini, ma neanche dalla casa dei genitori. Un altro epiteto spesso attribuito alla nostra Nazione riguarda il mercato nero, non solo del lavoro,...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Contratti di locazione: quale scegliere

Se stiamo pensando di affittare un appartamento o un locale di nostra proprietà, sicuramente sapremo che per farlo dovremo stipulare con il locatario un particolare contratto attraverso il quale noi ci impegniamo a mettere a disposizione il nostro bene...
Case e Mutui

Affitti nero: come tutelarsi

Ci sono molte irregolarità, a livello legislativo, che riguardano l'Italia. Al giorno d'oggi, nel nostro Paese, ormai quasi la stragrande maggior parte degli inquilini pagano un canone mensile sull'affitto, maggiore rispetto a quello che è già stato...
Case e Mutui

Come calcolare la cedolare secca

La "cedolare secca sugli affitti", introdotta nel 2011, è un'imposta che sostituisce tutti i tributi attualmente dovuti sulle locazioni (articolo 3 del DLGS 23/2011). Si tratta in pratica di una facilitazione sul reddito percepito dall'affitto di un...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Finanza Personale

Come e per quanto tempo conservare fatture e bollette

Bollette, fatture, ricevute bancarie e chi più ne ha più ne metta! Quanto tempo e spazio ti toglie sistemare tutte queste cose? Ma forse non sai che tutti questi documenti vanno conservati solo per un tot di tempo. Con questa piccola guida vi daremo...
Finanza Personale

Come calcolare l'adeguamento istat sulle abitazioni locate

Come ogni anno si presenta puntuale l'aumento del canone del nostro appartamento in affitto, vediamo come calcolare l'adeguamento Istat sulle abitazioni locate, di norma i proprietari degli immobili richiedono, l'adeguamento all'indice Istat di riferimento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.