Affittare con contratto 4+4: errori da evitare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avere un appartamento da mettere in affitto rappresenta oggi una rendita aggiuntiva, che per molte famiglie significa avere la possibilità di integrare in modo adeguato le proprie entrate mensili. Sia che si tratti di una proprietà ereditata da una vecchia zia che di una casa acquistata coi propri soldi a scopo investimento, è di fondamentale importanza, prima di darlo in locazione ad estranei, individuare la forma migliore possibile per tutelare sé stessi e il proprio immobile. In generale, la forma di contratto di locazione più diffusa è il 4+4: ciò significa che l'immobile viene dato in affitto per 4 anni più ulteriori 4, a meno che l'affittuario non decida di recedere anticipatamente comunicandolo al proprietario stesso entro i 6 mesi che precedono la scadenza. Vediamo dunque gli errori da evitare qualora decidiate di affittare con contratto 4+4.

26

Dimenticarsi di registrare il contratto

Il primo errore da evitare, quando si vuole affittare una casa di proprietà con contratto 4+4, è proprio quello di dimenticarsi di registrare il contratto presso la locale sede dell' Agenzia delle Entrate. Oltre che a costituire un reato, perseguibile con sanzioni fino ad un valore pari al 360% dell'imposta di registro stabilita sui canoni di locazione di quell'immobile relativamente all'anno di accertamento, ritardare od omettere la registrazione di un contratto d'affitto potrebbe comportare la nullità del contratto stesso e la possibilità, da parte degli affittuari, di denunciare al giudice l' irregolarità della loro locazione, ottenendo in cambio condizioni di affitto molto più vantaggiose.

36

Non far firmare un documento relativo allo stato dell'alloggio

Ogni volta che si procede ad una nuova locazione, il proprietario deve accertarsi dello stato in cui versa l'immobile che desidera affittare: questo è un passaggio fondamentale per stabilire l'importo del canone che si vuole applicare. Inoltre, se l'appartamento fosse ammobiliato, sarà necessario redigere un elenco dei mobili presenti, includendo tutti gli oggetti di un certo pregio e valore. È oltre modo consigliato, quando la durata della locazione fosse proprio il "4+4", inserire tutte queste informazioni all' interno del contratto stesso, sotto forma di allegato. Non facendo firmare all'affittuario un documento di questo tipo si rischia di non essere tutelati nei confronti di danni che nel corso del tempo potrebbero essere arrecati all'immobile. Visto che infatti 4+4 anni è un periodo piuttosto lungo per potersi ricordare di come fossero conservati i locali prima dell' inizio della locazione, l'inquilino potrebbe addirittura sostenere che alcuni danneggiamenti fossero già presenti prima che lui subentrasse in affitto. E in taluni casi, si potrebbe assistere anche a vere e proprie sottrazioni di oggetti che l'inquilino uscente potrebbe sostenere non essere mai stati presenti all'interno della casa data lui in locazione.

Continua la lettura
46

Non prevedere una clausola di successione

Dato che il 4+4 è un periodo di tempo piuttosto lungo, trascorsi i primi 3, 4, 5 anni potrebbe subentrare la necessità di cedere l'affitto dell'alloggio a qualche altro membro della famiglia, oppure ad un erede qualora ad esempio l'intestatario del contratto dovesse morire improvvisamente. Anche in tal caso, la presenza di una clausola all'interno del contratto stesso che stabilisca a chi dovrà essere ceduto il contratto in caso di morte del primo contraente, renderà possibile la successione del contratto senza doverne per forza stipulare uno nuovo, con tutti gli oneri che questo comporta. È chiaro che colui che subentrerà nel contratto di affitto dovrà attenersi a tutte le altre clausole contrattuali stabilite con il suo predecessore e che spetterà a lui provvedere al saldo di eventuali spese di condominio o canoni non versati.

56

Non farsi dare sufficienti garanzie

Fra le aspettative di chi mette una casa in affitto c'è sempre quella di ricevere entro una data prefissata il canone stabilito da contratto. Tuttavia, molto spesso, possono insorgere dei problemi legati all'impossibilità dell'inquilino stesso di tenere fede all'impegno economico preso.
E per quanto un padrone di casa possa essere generoso e benevolo, verrà prima o poi la necessità di recuperare la somma dovuta, e questo potrebbe essere un passaggio poco piacevole sia per il conduttore che per il cessionario! Per ovviare a ciò, potrebbe essere utile chiedere ai nuovi inquilini delle garanzie sulla propria solvibilità: un metodo molto usato è quello di farsi mostrare l'ultima busta paga di uno o più membri della famiglia oppure, meglio ancora, il contratto di lavoro. Chiedere informazioni di questo tipo potrà apparire forse un po' invasivo della privacy, ma rientra perfettamente nei vostri diritti se avete una casa che è destinata ad essere per voi e per la vostra famiglia una fonte di reddito indispensabile per il vostro sostentamento.

66

Non occuparsi più dell'immobile

L'ultimo errore da evitare quando si affitta una casa col contratto 4+4 è quello di non interessarsi più a tutto quello che riguarda l'immobile dato in affitto per tutto il periodo della locazione. Tutti gli appartamenti, sopratutto se non di recente costruzione, hanno bisogno prima o poi di subire degli interventi migliorativi. Se l'inquilino che ha affittato la vostra casa vi dovesse chiamare perché un tubo perde acqua o perché l'intonaco cade a pezzi, cercate di non fare orecchie da mercante disinteressandovi del tutto al problema o presentandovi per una verifica solo dopo svariati mesi. Come proprietari dell'immobile avete il dovere di farvi carico di tutte le problematiche inerenti la struttura muraria e gli impianti interni ed esterni della casa, a meno che i danni non siano stati causati dall'inquilino stesso! Cercate quindi di avere col vostro affittuario un rapporto franco e diretto, parlando ed interagendo con lui non solo quando dovete riscuotere il canone mensile. Questo eviterà fraintendimenti ed esasperazioni che spesso portano il rapporto proprietario di casa/ inquilino a diventare sempre più teso fino ad esplodere in vere e proprie liti che rendono poi inevitabile l'interruzione del contratto stesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come preparare e registrare un contratto di affitto

Se si vuole affittare un immobile è consigliabile preparare e registrare il contratto; in questo modo si ha la possibilità di poter essere tutelati da eventuali problemi che possono sorgere. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli...
Case e Mutui

Come affittare un appartamento arredato

Prendere in affitto un appartamento arredato può rappresentare la soluzione ideale qualora si abbia l'esigenza di prendere una casa in locazione in tempi rapidi o per un periodo di tempo, come nel caso di un lavoratore o uno studente fuori sede. Se...
Richieste e Moduli

Come garantire il pagamento dell'affitto

Cominciamo col dire che l'attuale situazione economica del nostro Paese ha influito molto sul mercato immobiliare che sta attraversando un periodo non eccezionale. Infatti, la maggioranza delle persone sta vivendo una situazione lavorativa sempre più...
Case e Mutui

Come tutelarsi se il proprietario non registra il contratto di affitto

Molti sono coloro che offrono un canone d'affitto minore, appunto per convincere l'affittuario ad accettare il compromesso. A tale proposito è bene sapere che c'è chi, addirittura, non fa firmare alcun accordo e chi, invece, fa firmare al proprio inquilino...
Case e Mutui

Come si stipula un contratto di affitto transitorio

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta,...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Case e Mutui

Come disdettare anticipatamente un contratto di locazione

Il Codice Civile nostro, prevede anche il contratto di locazione, fra gli altri tipi di contratto. Esso non è altro che un contratto di fitto mediante il quale il locatore, cioè il proprietario di un immobile, conferisce in affitto la sua proprietà...
Case e Mutui

Come fare la disdetta di un contratto di affitto

Fare la disdetta di un contratto di affitto può essere un'operazione piuttosto farraginosa perché richiede la conoscenza di numerose leggi: per questo motivo è di fondamentale importanza informarsi correttamente e soprattutto rivolgersi alle persone...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.