5 cose da sapere sulla fatturazione dei pedaggi autostradali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le fatturazioni autostradali, sono dei documenti di pagamento richiesti da chi viaggia spesso in autostrada e deve spesso pagare il casello di transito da una zona autostradale all'altra. Per chi ha la partita IVA, è sempre opportuno richiedere tramite un apposito modulo la fatturazione ma è anche sensato per chi è alle prime armi con queste tematiche, saper almeno 5 delle cose fondamentali della fatturazione dei pedaggi autostradali.

26

Come si calcola la fatturazione del pedaggio autostradale

Per capire i meccanismi della fatturazione di pedaggio autostradale, è importante sapere per chi non ha alcuna pratica su tali argomenti, che il pedaggio e di conseguenza la fatturazione varia a seconda del mezzo che avete. Ciò significa che il pedaggio cambia in base all'altezza e al numero di assi del veicolo. La classe A comprende motociclette e auto, la classe B le auto che superano 1,3 metri di altezza, la classe C i veicoli a tre assi, a quattro e a cinque assi.

36

Come ottenere la fatturazione dei pedaggi

Per richiedere il modulo di fatturazione dei pedaggi autostradali, in base ai sensi del decreto ministeriale del 20 luglio 1979 pubblicato nella Gazzetta ufficiale N°201, è necessario sempre inviare le copie degli scontrini o delle apposite ricevute di pagamento del pedaggio insieme al modulo A e B di richiesta di fatturazione di pedaggio. È importante anche scrivere il nome della ditta o dell'azienda per cui lavorate, inviare copie dei documenti personali, ecc..

Continua la lettura
46

Come si calcola il pedaggio

I criteri per il calcolo del pedaggio da pagare al rispettivo casello autostradale, sono stabiliti da delle specifiche normative. Per capire qual è l'importo da pagare sulla successiva fatturazione, è importante capire il funzionamento di calcolo di tale pedaggio. Il calcolo deve essere fatto, moltiplicando la tariffa unitaria per chilometro da un casello autostradale a un altro casello.

56

Come calcolare l'IVA aggiunta nelle fatturazioni

Non appena otterrete la fatturazione dei pedaggi autostradali, noterete che sarà stato anche calcolato un importo dell'IVA pari al 22%. L'IVA, viene applicata sempre arrotondando per eccesso o per difetto l'importo totale di pagamento ai 10 centesimi di euro circa.

66

Cosa fare con la fatturazione in caso di mancato pagamento

In caso di mancato pagamento del pedaggio autostradale, per non avere problematiche future con le fatturazioni da richiedere, è possibile intervenire tempestivamente, pagando la cifra mancata tramite un pagamento online da fare su https://www.autostrade.it/it/rmpp oppure, pagare al casello dove non avete eseguito il pagamento. È possibile anche fare un bonifico bancario ad Autostrade per l'Italia S. P. A sull'apposito codice IBAN sia in banca che alla posta. Potete anche effettuare il pagamento mancato in uno specifico Punto Blu portando sempre con voi lo scontrino di mancato pagamento o di pagamento effettuato solo in parte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come sapere se un bonifico è arrivato

Se per un qualsiasi pagamento (fitto, perizie, consulenze via web etc) facciamo un bonifico bancario o dobbiamo riceverlo, ed intendiamo sapere se effettivamente è arrivato sul nostro conto corrente o su quello del destinatario, ci sono diverse possibilità....
Finanza Personale

Dichiarazione di successione: 5 cose da sapere

Per chi non ne fosse ancora a conoscenza, è importante sapere cosa sia di preciso una dichiarazione di successione. Spesso infatti si sente parlare di dichiarazione di successione, senza sapere in sostanza di cosa si tratti. Per non avere alcun dubbio...
Finanza Personale

Polizze assicurative a consumo: 5 cose da sapere

Se il premio assicurativo annuo della nostra auto ci risulta particolarmente oneroso, e non intendiamo correre il rischio di non poter fronteggiare la spesa annuale o semestrale per pagarlo, è importante sapere che si può sfruttare un tipo di polizza...
Finanza Personale

Come sapere se sei protestato

Il protesto può avvenire a causa del mancato pagamento di un effetto, di una cambiale oppure di un assegno. Se il titolo è regolare e viene presentato nei termini previsti per il pagamento, in mancanza del pagamento ne verrà elevato il protesto. I...
Finanza Personale

Azioni correlate: 5 cose da sapere

Il mondo della finanza è un mondo pieno di nozioni da sapere, trucchi e tecniche per poter avere successo e far crescere il proprio denaro o quello delle aziende per cui lavorate, cercando di farlo nella maniera più corretta possibile. Per riuscire...
Finanza Personale

Fondi di garanzia: 5 cose da sapere

Prima di entrare nei dettagli, è doveroso spiegare cosa sono i fondi di garanzia. Si tratta di un fondo patrimoniale istituito dallo Stato italiano e gestito da Medio Credito Centrale Spa. Lo scopo dei fondi di garanzia è agevolare l'accesso al credito...
Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Finanza Personale

Obbligazioni zero-coupon: 5 cose da sapere

Il mercato finanziario offre innumerevoli opportunità di investimento per tutti coloro che decidono di ottenere maggiori guadagni dal proprio capitale. Si può scegliere tra una stragrande varietà di titoli, di azioni, di obbligazioni e tra queste ultime...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.