5 cose da sapere sull'IRAP

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'IRAP è l' Imposta regionale sulle attività produttive. Essa viene introdotta nel nostro ordinamento con il decreto legislativo del 15 dicembre del 1997. In cambiamento di numerosi altri tributi allo scopo di avviare una prima forma di "federalismo fiscale" In seguito nel 2008 l'IRAP diventa tributo proprio delle Regioni. A questo punto, queste possono intervenire all'aliquota e su altri elementi dell'imposta ad eccezione della determinazione della base imponibile. Quest'ultima viene rappresentata dal valore della produzione netta, derivante dall'attività svolta del territorio della Regione. Nella lista che segue indico 5 cose da sapere sull'IRAP.

26

Aliquote e scadenze

La prima cosa da sapere sull' IRAP sono le aliquote e scadenze da calcolare e rispettare. L' aliquota base dell'IRAP è pari a 3,90% ma può comportare delle modifiche a secondo delle Regioni. Infatti quest'ultime potranno aumentarla o diminuirla entro il limite dello 0,92%. A questo proposito i versamenti vanno fatti rispettando le stesse scadenze del 30 settembre del 2015.

36

Versamento e pagamento

La seconda cosa da sapere sull' Irap è la modalità di versamento e pagamento dell'imposta. Il versamento va fatto tramite il modello F24, Naturalmente rispettando delle scadenze. Per esempio i versamenti del 2014 e del primo acconto sull'IRAP del 2015 sono da effettuare entro il 16 giugno del 2015. Inoltre i pagamenti vanno fatti in base al saldo. Se il saldo è negativo o risulta inferiore a 10.33 euro, allora il pagamento dell'imposta non va fatto. Mentre va versato se la cifra supera i 52 euro.

Continua la lettura
46

Deduzioni

Partendo dalla base imponibile sono possibile anche delle deduzione IRAP. Queste vanno applicate a secondo i relativi scaglioni. Per quanto riguarda le imprese e le società di persone hanno maggiori deduzioni. Inoltre, altre deduzioni vanno a favore delle imprese che assumono personale come: disabili o apprendisti. Inoltre vengono fatte anche deduzioni, se si acquistano beni mobili e immobili.

56

Credito d'imposta

La quarta delle 5 cose da sapere sull' IRAP è relativa al credito d'imposta. In questo caso tale credito non viene riconosciuta solo se l'azienda non ha avuto dipendenti nel periodo dell'imposta. A questo punto non usufruiranno di questa agevolazione, le aziende che hanno avuto per un per un periodo limitato lavoratori assunti nel corso dell'anno.

66

Obbligo Dichiarazione

L'ultima delle 5 cose da sapere sull'IRAP è sull'obbligo della Dichiarazione IRAP. È quindi obbligatorio che ogni soggetto passivo deve presentare, per ciascun periodo d'imposta, una dichiarazione. Redatta e inviata entro la scadenza prevista. Questa va presentata direttamente alla Regione in cui il contribuente ha il proprio domicilio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

5 cose da sapere sull'IVA

In quest'epoca di crisi finanziaria, i cittadini prestano più attenzione alle questioni fiscali. Abbiamo oramai una certa familiarità con termini quali IRPEF, TASI e non ultima IVA. Sono tutti acronimi di imposte con le quali facciamo i conti quotidianamente....
Aziende e Imprese

Come analizzare l'effetto leva fiscale sull'andamento del ROE

In questo articolo vedremo come analizzare l'effetto leva fiscale sull'andamento del Roe. Il rapporto tra il capitale "pulito" versato in un'attività economica, e l'utile netto dell'impresa in questione, da origine ad un'analisi di un patrimonio netto....
Aziende e Imprese

Come inserire il nome della propria ditta sull'auto

Molto spesso infatti sulle auto sono apposti anche i contatti e i recapiti dell'azienda o ditta in questione. Per poter utilizzare questa forma di pubblicità, occorre però seguire delle regole precise. Questo per non andare incontro a pesanti sanzioni...
Aziende e Imprese

Come salvare un'azienda sull'orlo del fallimento

Gli imprenditori compiono degli enormi sforzi per le aziende che formano, sia personali che finanziari. Ecco che è per questo motivo che può essere particolarmente preoccupante quando un'azienda deve presentare istanza di fallimento per cancellare i...
Aziende e Imprese

Azioni di godimento: 5 cose da sapere

Un'azione, è un sostantivo che indica tantissime cose. In campo finanziario, però, un'azione indica un'accezione di una parte o di una quota di una determinata società. Colui che acquista un'azione, e quindi la possiede, è detto azionista. Per essere...
Aziende e Imprese

Deduzione spese di rappresentanza per un professionista: 5 cose da sapere

Il concetto di spese di rappresentanza è stato introdotto nel 1998 dalla Agenzia delle Entrate e, più precisamente, dalla Risoluzione n. 148. In essa viene esplicato in cosa esse consistono, quali spese effettive possono rientrare entro questa dicitura...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sul franchising nella ristorazione

Se abbiamo deciso di aprire un'attività commerciale ed in particolare nel settore della ristorazione e vogliamo affidarci ad un franchising, ci sono alcuni importanti aspetti da valutare prima di decidere quale marchio scegliere. A tale proposito nei...
Aziende e Imprese

5 dritte sull'organizzazione di corsi di formazione

In questa guida vi illustreremo 5 dritte sull'organizzazione di corsi di formazione, in quanto molti sono quelli convinti che per fare un corso basti semplicemente presentare in modo adeguato l'argomento interessato. Partiamo definendo il significato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.