5 cose da sapere prima di aprire una partita IVA

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come vedremo nel corso di questa guida, la partita Iva, rilasciata dall'ufficio dell'agenzia delle entrate, è uno strumento rilevante ai fini dell'imposizione fiscale; un insieme di cifre che identifica un soggetto esercente una determinata attività. Al momento, esistono due tipologie di partita Iva: un primo modello destinato alle ditte individuali e un secondo destinato alle società. Le persone che svolgono un'attività professionale autonoma ad esempio, sono obbligate ai sensi della normativa vigente, ad aprire la suddetta partita Iva. Se siete interessati a conoscere di più sull'argomento seguite con attenzione questa guida, vi indicherò 5 cose da sapere prima di aprire una partita Iva.

26

Il guadagno si ridurrà a metà

Prima di aprire la partita Iva è bene focalizzarsi sul proprio guadagno annuale; a prescindere dal reddito percepito infatti, il nostro guadagno si ridurrà a metà (a causa delle tasse a cui dovremmo far fronte). Maternità, giorni di malattie o ferie, non esisteranno.

36

Il regime fiscale dei minimi non esiste più

Come risaputo, fino a dicembre 2014, i giovani che non avevamo ancora compiuto 35 anni potevano usufruire del regime fiscale dei minimi (un regime agevolato per i giovani), caratterizzato da una tassazione sul reddito del 33% (si pagava il 28% di Inps e il 5% di Irpef). A partire da Gennaio 2015, è stato costituito il nuovo regime in cui l'Irpef dal 5% aumenta al 15%; un regime che verrà applicato non in base all'età ma in base al reddito, variante da categoria a categoria (ad esempio nell'ipotesi in cui un commerciante guadagni in un anno fino a 40.000 euro, potrà ricorrere a questo regime). Altre categorie professionali, ad esempio gli infermieri, potranno adottare il regime suddetto solo se il proprio reddito annuale non è superiore a euro 15.000 l'anno.

Continua la lettura
46

Saremo tassati sulla metà di ciò che guadagniamo

Abbiamo visto che l'Irpef nel corso del 2015 è aumentato del 15%. Il vero problema nell'aprire la partita Iva, deriva dai contributi che siamo obbligati a versare all'Inps, per la nostra futura pensione. Nel corso del 2015 infatti, sarà obbligatorio versare all'Inps non più il 28% come in precedenza, ma bensì il 33%, arrivando dunque ad una tassazione pari alla metà o quasi, di ciò che guadagniamo.

56

Sarà necessario rivolgersi ad un commercialista

Aprendo una partita Iva, è bene essere consapevoli della necessità di rivolgersi ad un commercialista. Sebbene in molti paesi esteri la dichiarazione dei redditi viene completata online, in Italia, a causa della complessità e delle continue modifiche del sistema fiscale, conviene rivolgersi ad un esperto del settore. Alla tassazione dunque, di per se piuttosto elevata, va aggiunto l'onorario del professionista, di almeno 500 euro annuali.

66

Esiste il sistema degli acconti

Il sistema degli acconti, costituisce sicuramente un'altro punto negativo della partita Iva. Sebbene un lavoratore abbia terminato di pagare le tasse, si troverà obbligato ad anticipare allo Stato una parte di tasse per il nuovo anno, anche se non ancora subentrato. Come si nota, i punti negativi derivanti dall'apertura della partita Iva sono tanti. Se non avete scelta, valutate i pro e i contro, tenendo conto delle considerazioni sopra esposte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

10 motivi per aprire la partita Iva

Se svolgiamo un'attività occasionale commerciale o di servizi, non è necessario aprire la Partita Iva Al contrario invece se la nostra attività di qualsiasi genere essa sia, è a carattere continuativo, allora in questo caso abbiamo l'obbligo di tale...
Lavoro e Carriera

Come aprire una Partita IVA per lavoro autonomo online

Con l'avvento di internet, si sono create molte possibilità di lavorare online e guadagnare somme pari a veri e propri stipendi. In determinati casi e se esistono certe condizioni, sono obbligatorie alcune procedure fiscali. Molti di coloro che hanno...
Lavoro e Carriera

Come lavorare in proprio senza partita iva

Lavorare in proprio è il sogno di ognuno di noi, ma per fare questo è necessario, ai fini della legalita', aprirsi una partita IVA. Ma non sempre è facile ed immediato. L'avvio di un'attività in proprio non è semplice, ma porta con se diversi vantaggi,...
Lavoro e Carriera

Come esercitare diverse attività con la stessa partita IVA

Quando intendiamo iniziare un'attività dobbiamo aprire una Partita Iva, per cui è necessario indicare nell’apposita casella del modulo da riempire, il codice relativo alla tipologia di lavoro che intendiamo svolgere. Tuttavia può capitare di esercitare...
Lavoro e Carriera

Come aprire una tabaccheria

Quella della tabaccheria è una tipica attività commerciale che non passa mai di moda, perché garantisce una redditività costante e non richiede particolare conoscenze tecniche. Inoltre, si tratta di un’attività che non conosce periodi di flessioni,...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività di autonoleggio

Ormai sono anni che la crisi economica sta creando numerosi problemi al mondo del lavoro in molti paesi del mondo, e certamente l'Italia non è esente. Il danno maggiore viene arrecato ai migliaia di giovani, in cerca di un futuro, che ogni giorno girano...
Lavoro e Carriera

Iter burocratico per aprire un negozio

Aprire una propria attività commerciale è uno dei sogni di tante persone., che hanno così l'opportunità di poter lavorare senza essere i subordinati di qualcuno, cosa che, per molti, è essenziale. Per aprire un negozio, però, bisogna seguire una...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ufficio postale privato

Aprire un ufficio postale al giorno d'oggi è la scelta ideale per avviare una nuova impresa. Infatti, a partire dall'anno 2011, in Italia è possibile svolgere questo tipo di attività e sono sempre più numerosi gli imprenditori interessati a esplorare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.