5 cose da fare prima di bloccare una carta di credito

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quasi tutte le famiglie possiedono oggi almeno una carta di credito. Questo è infatti uno degli strumenti di pagamento più utilizzati anche per fare acquisti on line. Tuttavia può succedere a volte di smarrire la carta di credito o peggio ancora di essere derubati della stessa. In entrambi i casi sarà necessario procedere immediatamente al blocco della carta, in quanto il titolare avrà così la facoltà di contestare eventuali addebiti intercorsi subito dopo il blocco, anche se è bene sapere che le società finanziarie solitamente trattengono una somma di 150 euro indipendentemente dall'importo sottratto. Un altro caso in cui è importante procedere al blocco immediato della carta è quando si sospetta che il documento sia stato clonato e questo talvolta lo si scopre solo dopo che sono state effettuate numerose transazioni. In tutti questi casi ecco le 5 cose da fare prima di bloccare una carta di credito.

26

Verificate che la vostra carta di credito sia effettivamente smarrita

Non trovare una carta di credito crea senza dubbio panico. Subito penserete di aver smarrito la carta o che questa vi sia stata trafugata dopo una precedente transazione. Talvolta però può trattarsi di un equivoco. Cercate di ricordare se di recente avere dato la carta di credito a qualcuno, ad esempio a vostra moglie, o se l'ultima volta che l'avete usata avete dimenticato di riporla nel vostro luogo abituale. Dato che il blocco della carta è un processo di non ritorno, prima di procedere è bene accertarsi di averla effettivamente smarrita. Senza considerare che per il blocco la banca trattiene una quota che varia fra i 5 e i 25 euro, quindi è sempre bene essere certi che il documento non sia più in vostro possesso.

36

Rintracciate il numero verde per il blocco

Qualora vi rendiate conto che la carta è stata effettivamente smarrita o trafugata, occorre chiamare subito il numero verde fornito dalla società di gestione per effettuare il blocco. Questo numero vi viene di solito fornito insieme ai documenti di rilascio della carta stessa. Nel caso questi documenti non siano accessibili - ad esempio se vi trovate fuori casa - o siano anch'essi smarriti, provate a cercare il numero su internet, controllando sul sito della vostra banca o facendo una ricerca su Google. Si tratta di solito di numeri verdi quindi anche se non avete credito sul cellulare potete lo stesso chiamare. Se siete all'estero, invece, i numeri devono essere preceduti da prefisso nazionale e in questo caso la telefonata è a vostro carico.

Continua la lettura
46

Annotate il numero di codice per il blocco

Una volta che avete rintracciato il numero, potete chiamare la centrale operativa per bloccare subito la vostra carta. In verità questa procedura si perfezionerà solo dopo aver presentato regolare denuncia di furto o smarrimenti ai Carabinieri e aver inviato copia della stessa alla società di gestione. Quindi quando chiamate non dimenticate di annotare su un foglio il numero di codice che vi darà l'operatore dato che vi verrà richiesto anche dalle Forze dell'Ordine a completamento della denuncia. Quando chiamate ricordatevi anche di annotare il nome o il numero identificativo della persona con cui avete parlato al telefono e l'ora in cui è avvenuta la conversazione.

56

Sporgete denuncia di furto presso Polizia o Carabinieri

Adesso che avete avviato la procedura di blocco sarà necessario perfezionarla sporgendo regolare denuncia. Senza la denuncia potrebbe essere più difficile ottenere il risarcimento di eventuali somme trafugate. Cercate di inserire nella denuncia tutte le informazioni possibili, sopratutto se non vi siete accorti subito del furto. Questo passaggio è molto importante sopratutto in caso di clonazione: sarà infatti l'esito delle indagini a consentirvi di recuperare il maltolto!

66

Inviate alla vostra banca copia della denuncia

L'ultima azione da fare per rendere effettivo il blocco della carta e tutelarvi maggiormente in caso di appropriazione indebita delle vostre finanze, è quella di inviare entro i due giorni seguenti la denuncia, copia della stessa alla vostra banca o alla società emittente della carta. Abbiate cura di inserire anche il codice di blocco dentro la documentazione. Il tutto dovrà essere inviato con raccomandata con ricevuta di ritorno per essere certi dell'avvenuta ricezione. Nei giorni seguenti provate nel caso a contattare l'istituto per accertarvi che la denuncia sia stata acquisita e che siano scattati tutti i dispositivi utili per bloccare l'utilizzo della carta da parte di terzi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come denunciare una truffa

Nella società odierna il pericolo di truffe sia on line che fisiche è in forte aumento, e ciò è dovuto ai mezzi sempre più sofisticati che i truffatori hanno a loro disposizione e allo studio di metodi particolarmente efficaci per tuffare l'ignara...
Finanza Personale

Come bloccare la carta Postamat in caso di furto o smarrimento

Utilizzare una carta di credito, come ad esempio il Postamat, rappresenta una delle più grandi comodità quando si decide di effettuare degli acquisti, sia di persona, sia direttamente online. Ma dietro questa grande facilitazione, che permette di fare...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso in caso di furto online su carta prepagata

Può succedere quando richiediamo l'estratto conto della nostra carta prepagata di scoprire un'operazione irregolare e di accorgersi di essere stati vittima di un furto via web operato da ignoti ricorrendo ad artifizi informatici. Se si subiamo un furto...
Richieste e Moduli

Come comportarsi dopo Il furto della carta Postepay

Se siete possessori di una carta Postepay e malauguratamente doveste subire un furto non è il caso di preoccuparsi troppo. È preferibile restare calmi ed agire in fretta, pensando a tutte le operazioni che bisogna fare in questi casi. Poche e semplici...
Richieste e Moduli

Cosa fare in caso di smarrimento della tessera sanitaria

La tessera sanitaria è un documento personale che contiene i dati anagrafici e assistenziali e il codice fiscale sia su banda magnetica che su codice a barre, oltre che su un microchip. Si può utilizzare anche per l'acquisto di prodotti da banco in...
Richieste e Moduli

Denuncia cumulativa dei fondi rustici: normativa e prassi

Qualora sorgesse la necessità di affittare un immobile o di prenderlo in affitto, si dà vita ad un particolare contratto: quello di locazione, dove il locatore concede al locatario l'uso del proprio fabbricato, dietro corrispettivo di un prezzo che...
Finanza Personale

Come richiedere il duplicato della carta d'identità

Se sfortunatamente avreste perso la vostra carta d'identità, sarà obbligatorio fare la denuncia alle forze dell'ordine. In questo tutorial, vi vogliamo indicare come poter richiedere il duplicato della carta d'identità. Occorrerà muoversi in fretta,...
Finanza Personale

Come fare se si perde il passaporto all'estero

Può succedere a tutti, quando si viaggia, di poter smarrire i propri documenti di riconoscimento, situazione ancor più grave se ci si trova all'estero, specialmente fuori dall'Unione Europea, e si perde il passaporto. In quest'ultimo caso infatti, potrebbe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.