5 consigli per affrontare le critiche sul lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si lavora come dipendenti può capitare spesso di ricevere delle osservazioni circa le proprie mansioni, sul modo in cui le si sono svolte, e sul proprio comportamento. Tali osservazioni possono venire da parte di un capo o di un collega, ma in entrambi i casi bisogna sapere come reagire, affinché l'ambiente di lavoro sia sempre sereno e non si creino inutili attriti. Ecco a seguire 5 consigli per affrontare le critiche sul lavoro.

26

Impara a distinguere tra critiche distruttive e critiche costruttive

Per prima cosa bisogna avere ben chiara la differenza tra una critica distruttiva e una costruttiva. La prima mira soltanto a minare la stima che hai in te stesso; molto spesso rasenta l'insulto e non offre alcuno spunto per migliorarti. Se una critica del genere viene da un capo, il modo migliore per reagire è tacere e fare finta di nulla. Se la cosa si ripete spesso, forse è il caso di valutare un impiego alternativo, perché ti trovi in un ambiente oppressivo, che non ti consentirà mai di crescere professionalmente. Se una critica distruttiva viene da un collega, puoi decidere se segnalarlo presso il capo, o semplicemente rimetterlo al suo posto. Le critiche costruttive invece sono quelle che danno modo di migliorare il proprio operato: a queste va sempre prestato ascolto.

36

Rammenta che la critica non è rivolta alla tua persona, ma al tuo operato

Anche una critica costruttiva può però essere fastidiosa, ma solo se la intendi rivolta alla tua persona, al tuo modo di essere. Ognuno di noi ha un carattere peculiare, e nessuno può permettersi di criticarlo; ma le osservazioni che ti vengono fatte sul posto di lavoro riguardano solo ed esclusivamente le mansioni che devi svolgere da un punto di vista professionale. Dunque, non c'è motivo di offendersi.

Continua la lettura
46

Trasforma il negativo in positivo

Una critica di solito mette in risalto un errore che hai fatto, una mancanza commessa nello svolgere un compito. Analizzandola attentamente riuscirai a capire quali sono le tue debolezze lavorative, e quindi a che cosa devi fare maggiore attenzione per migliorarti continuamente e così diventare efficiente al massimo nel tuo ruolo.

56

Sii propositivo

Quando ti viene mossa una critica, non devi reagire come faresti d'istinto, ovvero chiudendoti a riccio e cercando giustificazioni per il tuo operato. Chiedi invece maggiori informazioni, fatti spiegare bene perché il capo, o il collega, ha ritenuto che il tuo operato fosse criticabile, dimostra di cercare il confronto. Puoi anche dire qualcosa in tua difesa, tenendo però sempre presenti le ragioni altrui.

66

Fai tesoro della critica ricevuta

Una volta chiuso l'episodio, non devi semplicemente archiviarlo, ma devi cercare di applicare quotidianamente sul lavoro quello che hai imparato dalla critica ricevuta. Devi dimostrare cioè di essere in grado di non ripetere gli stessi errori, ma anzi di saper imparare da essi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come affrontare il rientro al lavoro dopo una lunga malattia

Spesso capita, specialmente nei periodi invernali, di affrontare una lunga malattia. Durante i periodi di malattia ci si sente un vero inferno e non è sempre facile riprendere la solita routine quotidiana. Per questo motivo vi darò, all'interno di questa...
Lavoro e Carriera

Come affrontare un colloquio di lavoro in inglese

Al giorno d'oggi, avere la possibilità di risparmiare i propri risparmi è fondamentale, soprattutto a causa della grave e sempre più diffusa crisi economica. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere gli interessanti passi di questa guida...
Lavoro e Carriera

Come affrontare un lavoro su turni

Il lavoro a turni solitamente impone ritmi e orari molto differenti da quelli delle altre persone. Per tale ragione il lavoro a turni può trasformarsi in un’esperienza traumatica, caratterizzata da poca produttività al lavoro, poche relazioni interpersonali,...
Lavoro e Carriera

Come affrontare un colloquio di lavoro in francese

Visto la situazione lavorativa italiana molto precaria, potrebbe capitarci di imbatterci in un colloquio di lavoro con un'azienda estera. Oggi sono cadute molte barriere che non molto tempo fa sembravano insormontabili. La voglia di cambiare, di trasferirci...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il primo giorno di lavoro

Iniziare una nuova professione o esperienza lavorativa è sempre emozionante da affrontare e, e questa situazione può certamente intimorire molto, poiché dal primo momento, può dipendere tutta la carriera in quell'ambiente. In ogni caso, tutti almeno...
Lavoro e Carriera

Come affrontare un pranzo di lavoro

Se volessimo fare un riassunto, uno sbrigativo vademecum su come affrontare un pranzo di lavoro e come comportarsi, potremmo farlo con una parola sola: "normalmente". Non si può essere qualcosa che non si è, ecco perché diventa fondamentale rimanere...
Lavoro e Carriera

Come affrontare un colloquio di lavoro

Il colloquio di lavoro è un’esperienza importante in ogni individuo che inizia ad affacciarsi sul mondo del lavoro. In esso si gioca la buona o la cattiva impressione che passa di noi di fronte al selezionatore. Abbiamo già affrontato esami, magari...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il colloquio di lavoro di gruppo

Le aziende utilizzano sempre più frequentemente, come strumento di selezione, il colloquio di gruppo, soprattutto per i lavori in cui è necessario collaborare in team. Molto spesso il colloquio collettivo rappresenta uno degli step obbligatori per il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.