10 modi per farsi stimare dal capo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

A tutti piacerebbe che il nostro impegno sul lavoro venga subito riconosciuto ed apprezzato dal capo, che rimanga colpito dal nostro lavoro a tal punto da non mettere più in discussione la fiducia e la stima che ha nei nostri confronti. Nel mondo reale questo non accade praticamente mai, ma se il capo proprio non ha stima di noi, forse c’è qualcosa che sbagliamo. Ecco 10 modi per migliorare la nostra vita lavorativa e farsi stimare dal capo.

212

Stimare se stessi

Rimanere se stessi è fondamentale, sia per sentirsi a posto con la coscienza, sia perché nel lungo periodo è impossibile nascondersi dietro una falsa personalità. Tutti noi abbiamo delle doti, delle qualità, dei pregi e dobbiamo capire quali sono e valorizzarli: se siamo sicuri di noi e mostriamo il nostro lato migliore è più facile che anche gli altri ci notino e siano più ben disposti nei nostri confronti.

312

Vestirsi sempre in modo coerente

Bisogna cercare di essere pronti a tutte le occasioni per essere notato positivamente e dare l’impressione di fare sul serio; le basi sono igiene personale, vestiti stirati, un sorriso, abiti che ci fanno sentire bene. Non dimenticarsi gli accessori: vietato indossare calzini di colori differenti, avere il trucco sbavato o un aspetto trascurato, portare una giacca diversa dai pantaloni per colore o stile.

Continua la lettura
412

Essere puntuali

La puntualità sembra scontata, ma non tutti sono puntuali per natura; inoltre bisogna saper gestire anche gli imprevisti che capiteranno sicuramente a tutti. Al mattino arrivare in orario, non eccedere con la pausa pranzo e limitare le uscite anticipate allo stretto indispensabile. Se capita di essere in ritardo è meglio cercare subito il responsabile e spiegargli i motivi prima che se ne accorga da solo e debba venire lui a chiederveli. Essere sinceri, se l’imprevisto è reale ed era imprevedibile, è la cosa migliore: si dimostra così di essere leali e sapersi assumere le proprie responsabilità.

512

Cercare di capire che capo si ha di fronte

Il capo deve saper gestire le persone e spronarle a migliorare la produzione. Se si ha a che fare con un capo autoritario, che vuole sempre avere il controllo, è opportuno non contraddirlo spesso, non dilungarsi in discorsi lunghi che gli facciano perdere tempo e non mettere in discussione la sua autorità di fronte ai colleghi. Se invece si ha un capo che coinvolge nei progetti e nei risultati, che tende a valorizzare le capacità di ognuno, è meglio essere più aperti su cosa ci piace fare e proporre progetti interessanti. In questo modo il capo si sentirà più vicino a noi e ci prenderà in simpatia.

612

Essere efficienti

Nei progetti e nelle riunioni a cui si partecipa è bene arrivare preparati: portare le copie che potrebbero servire, i documenti collegati, penne e quant’altro potrebbe portare ad interrompere la discussione in un momento poco opportuno. Anche mostrare interesse è positivo e sicuramente il capo apprezzerà il fatto che non ci si limita al minimo indispensabile ma che invece si è coinvolti nel progetto, di buon umore e disposti ad aiutare.

712

Avere un atteggiamento positivo con tutti

Essere socievole e amichevole rende le persone più positive nei nostri confronti e ciò porta diversi vantaggi: ci permette di parlare serenamente e scoprire fatti che possono esserci utili, rende gli altri più disponibili ad aiutarci nei momenti di bisogno, non ci mette contro persone che potrebbero parlare di male di noi al capo con cui vogliamo creare un rapporto di fiducia e ci rende una persona piacevole da avere attorno. Evitare di essere continuamente coinvolti in discussioni sterili contribuisce a dimostrare al capo di essere una persona affidabile, su cui può contare.

812

Rendere costruttive le critiche

Se il parere viene dal capo, non bisogna subito offendersi e rinunciare a ciò che si stava svolgendo, ma invece occorre capire cosa si sia sbagliato per poi non ripetere l’errore nella successiva occasione. Certamente è degno di stima colui che impara dai propri errori e che invece di abbattersi, si migliora. A volte dietro la critica si cela la volontà del capo di testare il vostro carattere per capire se siete pronti a passare a progetti più impegnativi e quindi più stressanti oppure con più persone e quindi idee differenti che si deve saper conciliare.

912

Capire gli obiettivi aziendali

Sorprendere positivamente il capo è un buon passo per avere le sue attenzioni: essere consapevoli delle dinamiche di fondo che si celano dietro ogni mossa del capo ci pone in condizione di vedere oltre la singola richiesta e di eseguire il nostro compito in modo migliore. I classici obiettivi sono crescita nel mercato, innovazione tecnologica e allargamento del ramo di produzione ed è quindi opportuno capire a cosa l’azienda mira. Tenersi sempre aggiornato nel proprio campo e migliorarsi, poi, è un ottimo obiettivo personale che sicuramente avrà modo di essere sfoggiato davanti al capo in una situazione complessa a cui gli altri non sapranno far fronte.

1012

Proporre idee innovative

Le idee devono essere personali ed attuali, devono migliorare una situazione in stallo e devono essere ben motivate per essere convincenti. Le proposte ben ponderate permettono di farsi notare in modo intelligente, quindi serve valutare bene i rischi prima di parlarne, ma dopo un’attenta analisi vale la pena buttarsi senza remore. Una volta fatta la proposta occorre adeguarsi alle difficoltà inattese, andare incontro alle critiche altrui e trasformare gli ostacoli in qualcosa di positivo. L’impegno profuso sicuramente verrà notato dal capo e dai colleghi.

1112

Saper essere un buon leader

La fiducia in se stessi è una qualità che viene subito notata dagli altri e che aiuta ad essere visti come una giuda, una persona di successo che stimola la curiosità negli altri e sa influenzarli, che può essere d’aiuto in ogni occasione con le sue opinioni sincere e la sua forza d’animo. Essere un buon leader non significa imporsi ma essere un compagno di squadra irrinunciabile, che motiva i colleghi e sa compiere sacrifici per il raggiungimento degli obiettivi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Lavoro: come andare d'accordo col capo

Lavorare in un ambiente sereno ed essere in sintonia con il capo e i colleghi è fondamentale per assicurare prestazioni efficienti e raggiungere gli obiettivi prefissati. La persona con cui si deve costruire un rapporto di stima e amichevole è soprattutto...
Lavoro e Carriera

Come accettare un rimprovero dal capo

Sul posto di lavoro è assolutamente normale commettere degli errori e di conseguenza ricevere dei rimproveri da parte del capo. Quello che può dare veramente fastidio è il fatto che questi richiami in determinati casi non sono del tutto meritati, ma...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il capo senza avere paura

Quante volte vi è capitato di voler comunicare qualcosa al vostro capo per poi tenervi tutto dentro e lasciar correre? Questo, però, è un atteggiamento che non fa affatto bene a voi stessi: in primo luogo perché continuerete a rimuginare per ore e...
Lavoro e Carriera

Come respingere le avances del proprio capo

Talvolta la bellezza e il fascino rappresentano una vera e propria condanna per le donne. Un esempio di ciò è quello in cui a rivolgerci attenzioni non desiderate sono persone che in virtù del loro rapporto di potere nei nostri confronti, sarebbe meglio...
Lavoro e Carriera

5 segnali per capire se il tuo capo si è innamorato di te

Da qualche tempo noti dei segnali strani che vengono dal tuo capoufficio o dal tuo datore di lavoro? Ti è venuto il vago sospetto che forse tu gli piaci e che vorrebbe provarci con te... Ma non sai come comportati! Se l'interesse non è ricambiato, rifiutare...
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il capo si innamora di te

Quando si lavora alle dipendenze di un uomo per una donna la vita non è mai facile. Tra le varie evenienze che si potrebbero venire a creare bisogna mettere in conto anche la possibilità che il capo si prenda una sbandata per la sua dipendente, e che...
Lavoro e Carriera

Le 5 cose che un buon capo non deve dire

Dirigere, organizzare avere delle responsabilità mette ogni individuo di fronte a delle scelte non sempre facili, ne comode; ma, purtroppo, il lavoro di responsabilità e la dirigenza che spetta ad un capo non sono una cosa semplice. Comunque sia, un...
Lavoro e Carriera

Come sopravvivere al proprio capo

In un mondo ideale, tutti noi avremmo dei fantastici capi che ci aiutano a crescere, che ci fanno sentire apprezzati e che ci fanno sentire degli "eletti" scelti tra decine di altre persone per le nostre capacità.Purtroppo non è sempre esattamente ciò...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.