10 errori più comuni nelle email di lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

I 10 errori più comuni nelle email di lavoro sono quasi tutti dovuti alla fretta. Se fosse sempre possibile analizzare con calma cosa scrivere, a chi scriverlo, in che forma e con quali contenuti forse molti di questi comuni errori verrebbero evitati. In generale, buona grammatica, buon senso, solo informazioni necessari e mai, in nessun caso, parlar male di qualcuno tramite messaggio di posta elettronica. E infine, si tratta di lavoro quindi massima cordialità, ma è pur sempre una email, non serve perdersi in troppe riverenze. Vediamo nel dettaglio.

211

Dimenticarsi di specificare l'oggetto

È una delle regole più semplici e ovvie eppure una delle più ignorate o sottostimate. Ci sono due ragioni per cui è fondamentale inserire sempre l'oggetto nelle mail di lavoro. La prima ragione è più ovvia, aiuta il ricevente a capire subito di cosa si tratta, la seconda ragione è meno nota ma forse persino più importante. Le mail senza oggetto vengono scambiate come "spam" da alcuni provider email, c'è quindi il rischio che il ricevente non la legga mai.

311

Dimenticarsi di includere CC

Bisogna sempre verificare bene chi è interessato a ricevere una copia dell'email che si sta per inviare. Chi è incluso in copia potrebbe voler ricevere la mail perché di suo interesse, oppure potrebbe doverla ricevere perché di sua competenza. In entrambi i casi, bisogna includere sempre il CC, ovvero chi riceve la mail in copia.

Continua la lettura
411

Dilungarsi troppo

Si chiama "dono" della sintesi per una ragione. La capacità di includere il maggior numero di informazioni pertinenti, con il minor numero di parole utilizzate, nella maniera più chiara possibile è un dono, ma si può anche imparare. Diventa fondamentale sul posto di lavoro: sintesi si traduce in efficienza.

511

Usare un tono non adeguato

Un errore comune è quello di utilizzare sempre un tono eccessivamente pomposo o elaborato. Un'email lavorativa dovrebbe avere un tono neutrale e pacato, educato ma non "pesante", e un lessico chiaro. Niente acrobazie grammaticali o parole arcaiche. Semplice e conciso è la scelta giusta.

611

Fornire informazioni incomplete

Dover inviare più volte correzioni a messaggi email precedenti, magari perché si sono omesse informazioni, è controproducente. È meglio inviare il messaggio quando si è certi di aver inserito tutte le informazioni importanti. E dopo averle verificate e rilette.

711

Inviare senza prima rileggere

Può capitare a volte di dover inviare dei messaggi in tutta fretta senza possibilità di rileggere e correggere, ma sarebbe meglio non accadesse. Non è solo una questione stilistica, anche se certo fare errori grammaticali o refusi dovuti alla fretta non è mai bello, ma è anche una questione pratica. Se la mail è ben scritta, e non contiene errori, sarà più semplice da capire.

811

Dimenticarsi di controllare gli indirizzi

Occorre sempre verificare che l'indirizzo del ricevente, o dei riceventi, sia inserito corretto e che sia quello giusto. Se l'indirizzo è scritto in maniera errata poco male, la mail andrà a vuoto e sarà sufficiente inviarla di nuovo all'indirizzo corretto. È tuttavia molto più pericoloso inviare la mail a un indirizzo formalmente corretto, ma che in realtà fa riferimento a un altro destinatario.

911

Inserire informazioni non necessarie

Una mail di lavoro deve essere, prima di tutto e soprattutto, concisa e sintetica. Dev'essere veloce da inviare, veloce da recepire e veloce da attuare se contiene informazioni o istruzioni. È per questo che è importante includere solo le informazioni necessarie e niente che sia superfluo.

1011

Sparlare dei colleghi

Un messaggio email può essere cancellato e archiviato ma non si sa mai chi potrebbe leggerlo, ed è comunque sempre recuperabile perché tracce di esso rimangono nel computer e nella casella postale molto più a lungo di quanto si pensi. Esistono programmi appositi, e informatici esperti che li sanno usare, per recuperare mail cancellate, anche da alcuni giorni. Quindi mai parlare male dei colleghi o del capo.

1111

Confondere le priorità

Nessuno vorrebbe sentirselo dire ma la verità è che il tempo di risposta può variare, al di là dei fisiologici ritardi dovuti ad altri impegni o altre cose da fare, in base a chi spedisce o riceve la mail e in base all'oggetto. Tradotto: il collega paritario può aspettare un paio d'ore in più, il capo è meglio che non aspetti. Stesso discorso vale per l'oggetto, se l'email tratta, ad esempio, un lavoro con scadenza in giornata bisognerà rispondere (o inviarla) subito, se si tratta di qualcosa con scadenza settimana prossima è meno urgente. La vera difficoltà è capire, caso per caso, a quali messaggi dare priorità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Gli errori più comuni nei biglietti da visita

Se avete una ditta o azienda o siete semplicemente dei privati che svolgono un'attività e vogliono farsi conoscere, l'ideale è quello di stampare dei biglietti da visita. Il biglietto da visita, oltre a fare pubblicità, è comodissimo per avere a portata...
Lavoro e Carriera

Lavoro: gli errori da evitare nel curriculum

Negli ultimi anni si osserva in Italia un crollo verticale dell'occupazione e pertanto un aumento esponenziale della disoccupazione, sopratutto tra i giovani, spesso con ottime referenze, ma scarse possibilità data la scarsa offerta disponibile. Trovare...
Lavoro e Carriera

10 errori da non commettere quando si inizia un nuovo lavoro

Il periodo di ambientamento ad un nuovo lavoro richiede impegno e attenzione. Che si tratti del lavoro dei sogni o di una mansione temporanea, chiunque vorrebbe iniziare con il piede giusto, fare bella figura e cercare di mostrare il meglio di sé in...
Lavoro e Carriera

5 errori da evitare quando si cerca lavoro

In questo periodo di crisi, può risultare difficile adocchiare un annuncio di lavoro. Tuttavia, non appena ne compare uno su di un giornale, l'azienda si riempie di numerosi curriculum vitae. In questo modo, gran parte dei curriculum vitae inviati diventano...
Lavoro e Carriera

Cercare lavoro: 10 errori da evitare

L'articolo 1 della Costituzione afferma che l'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. Tuttavia, oggigiorno anche coloro che possiedono una laurea, delle competenze specifiche e tanta buona volontà, hanno difficoltà a trovare un impiego....
Lavoro e Carriera

Lavoro: gli errori da evitare al primo colloquio

È importante se non fondamentale presenziare con successo al primo colloquio di lavoro, che sarà il vostro primo biglietto presso la vostra nuova futura società. Per tale ragione è bene sapere almeno gli errori principali da evitare in tale sede....
Lavoro e Carriera

Comportamento sul posto di lavoro: 10 errori da evitare

Non dimentichiamo che la vita ci porta a continue esposizioni comportamentali e dobbiamo essere sempre capaci d'interagire riconoscendo l'ambiente dove andremo a collocarci. In questa piccola lista cercheremo insieme di capire: Comportamento sul posto...
Lavoro e Carriera

Errori da evitare il primo giorno di lavoro

Il primo giorno di lavoro è sicuramente il più incerto, delicato, importante, e pieno di paure o complessi di tutto il periodo lavorativo. È come se il futuro in azienda venga deciso esclusivamente dal primo giorno di lavoro. Tuttavia le novità non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.