10 errori da non commettere con il capo

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

In ambito lavorativo si sa, errori, frasi o comportamenti scorretti possono irrimediabilmente compromettere l'equilibrio e il rapporto con il proprio superiore; a volte è necessario semplicemente riflettere prima di parlare o di comportarsi in un certo modo, affrontando con pazienza gli eventuali imprevisti che si presentano durante la giornata lavorativa (soprattutto se si spera in una promozione o comunque in una futura carriera di successo). Se desiderate, leggete i consigli di seguito; vi indicherò i 10 errori da non commettere con il vostro capo.

211

Mettere in dubbi le proprie capacità di svolgere un certo lavoro

Ecco il primo errore da non commettere: sostenere apertamente con il proprio capo di non avere la capacità per svolgere un determinato lavoro o mansione proposta. Se ambite ad una carriera professionale di successo, cercate di apparire sicuri di voi stessi e di dare l'impressione al vostro superiore di poter sempre contare su di voi.

311

Affermare che non si tratta del proprio ambito di competenza

Un altro errore decisamente da evitare. Dire una simile frase al vostro capo, può rivelarsi un arma a doppio taglio (potrebbe pensare che siete pigri, poco interessati al successo dell'azienda e alla vostra crescita personale al suo interno). Non rifiutate mai di svolgere una mansione che si allontana un po' dalle vostre competenze, buttatevi e cercate di svolgere al meglio il lavoro.

Continua la lettura
411

Dichiarare di non volere lavorare con un determinato collega

Frase assolutamente da evitare nell'ambiente lavorativo. È normale avere antipatie; soprattutto sul posto di lavoro potremmo essere costretti a lavorare fianco a fianco con un determinato collega, a noi poco simpatico. Tuttavia non possiamo rifiutarci, perché il nostro capo potrebbe farsi una cattiva idea su di noi o peggio, prenderci in antipatia per il poco spirito di collaborazione che mostriamo.

511

Affermare che una mansione è inutile

Se il nostro capo ci indica di effettuare un determinato lavoro, magari a nostro avviso inutile, vuol dire che per lui è un attività importante, o comunque necessaria per portare a termine un obiettivo lavorativo. Comunicare espressamente e con poco tatto il nostro disappunto, è controproducente. Meglio continuare a svolgere il nostro lavoro con impegno.

611

Non assumersi le responsabilità per un errore commesso

Se durante il vostro lavoro avete commesso un errore (di cui siete consapevoli), e il vostro capo vi richiama per chiarimenti, vi consiglio di non negare o peggio cercare di far cadere la colpa su un altro collega. In questi casi, cercate di assumervi la vostra responsabilità e ammettete l'errore commesso, promettendo impegno e responsabilità per il futuro. La vostra lealtà sarà riconosciuta senz'altro. Un errore può succedere a tutti.

711

Affermare che non c'è una soluzione per risolvere questo problema

Altra frase da evitare. In ambito lavorativo, è importante mostrarsi e impegnarsi ad essere sicuri di se stessi e desiderosi di portare al successo la propria azienda. Farsi vedere svogliati e poco intenzionati a risolvere i problemi, non è sicuramente una mossa vincente.

811

Dichiarare di volersi licenziare

Minacciare il vostro capo di andarvene dall'azienda (magari proprio quando non ne avete davvero l'intenzione), è un errore da persona poco matura. Se nel corso di diverse situazioni vi siete sentiti poco rispettati o peggio, ne avete ormai la certezza, affrontate la questione con rispetto e serenità, senza minacce infantili. Si tratta di un ambiente lavorativo, la serietà è la prima regola da rispettare.

911

Criticare apertamente un collega

Offendere apertamente i vostri colleghi davanti al vostro capo, può rivelarsi un errore. Tranne l'ipotesi in cui siete stati interpellati personalmente e dunque il vostro superiore desidera avere chiarimenti da voi, evitate di criticare il modo in cui gli altri svolgono il proprio lavoro.

1011

Dare sempre ragione al capo

Anche essere troppo accondiscendenti, è una mossa sbagliata. Se siete esageratamente accomodanti con il capo, rischiate di rendervi debole ai suoi occhi e ovviamente di suscitare antipatie di altri colleghi, cercate di essere equilibrati e di dimostrare la stima che avete nel vostro superiore in modo regolare.

1111

Fare confronti con un altro superiore

Se il vostro superiore vi richiama per contestare il modo in cui avete svolto una certa attività, evitate di fare riferimenti o paragoni con un capo precedente o comunque con un altro superiore. La persona che avete davanti, pensa di svolgere adeguatamente il proprio ruolo; tranne il caso in cui è stato espressamente chiesto il vostro parere, non fate assolutamente confronti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come relazionarsi al meglio con i colleghi di lavoro

L'intelligenza sociale è la capacità di relazionarsi ed interagire proficuamente con gli altri; secondo lo psicologo californiano Daniel Goleman è socialmente intelligente colui che riesce ad immedesimarsi ed a rendere piacevole la vita altrui, a percepirne...
Lavoro e Carriera

10 regole da seguire per diventare un leader di successo

Chiunque gestisce un gruppo di lavoro sa che per ottenere il massimo risultato deve lavorare sia su se stesso che sulle persone che si gestiscono. Capire le attitudini di ognuno dei soggetti del gruppo di lavoro, affidare compiti specifici a seconda delle...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria e facoltativa

Nel corso degli ultimi decenni la tutela delle lavoratrici madri sul piano fisico ed economico lavoratrici, è stata garantita dalle diverse leggi succedutesi nel tempo. Rientra nella tutela disciplinata dalla legge qualunque lavoratricie dipendenti....
Lavoro e Carriera

Come diventare commesso

Che sia per un negozio di abbigliamento, per uno di articoli da pesca e caccia o per un negozio di giocattoli, la professione del commesso è una tra le più adattabili alle diverse esigenze perché le capacità richieste sono esattamente le stesse. Non...
Lavoro e Carriera

5 modi di affrontare il mobbing sul posto di lavoro

Oggi per vivere è indispensabile lavorare e avere un impiego rappresenta un privilegio che non tutti hanno. Purtroppo, però, può accadere che il solo pensiero di recarsi sul posto di lavoro rappresenti un incubo da cui vorremmo svegliarci, perché...
Lavoro e Carriera

Come accettare un rimprovero dal capo

Sul posto di lavoro è normale a volte ricevere dei rimproveri da parte del capo. Quello che può dare veramente fastidio è il fatto che questi richiami in certi casi non sono del tutto meritati, ma risultano essere frutto di una tensione nervosa accumulata...
Lavoro e Carriera

Come diventare Addetto Traslochi

L’addetto ai traslochi si occupa in modo principale del trasporto di mobili da un posto ad un altro, sia nel contesto di uffici oppure attività commerciali, o di tipo diverso, ma anche di abitazioni private. È una mansione che potrà sembrare semplice,...
Lavoro e Carriera

Vademecum per la prima giornata di lavoro

Il primo giorno di lavoro è un evento molto importante, carico di sentimenti contrastanti. L’emozione e la gioia per le attese e per l’inizio unito all’ansia di affrontare, ambiente colleghi e superiori sconosciuti. La consapevolezza che la prima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.