10 cose da sapere sulle obbligazioni

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Il mercato finanziario è un mondo ai più sconosciuto e pieno di pericoli. Lo scopo di questa guida è quello di avvicinare gli individui non proprio esperti in materia, al più specifico mercato delle obbligazioni. Vediamo, quindi, le 10 cose da sapere sulle obbligazioni. Ad ogni modo sarebbe appropriato e saggio, prima di effettuare una qualsiasi operazione in merito, chiedere il parere ad un consulente finanziario.

212

L'obbligazione

L'obbligazione è un titolo di credito emesso da uno stato o un'azienda, in cambio di un prestito. Tale titolo conferisce al possessore il diritto al rimborso totale del capitale prestato all'ente emittente o alla società emittente, più un interesse riconosciuto. Il classico esempio di obbligazione presente nel mercato è il titolo di Stato.

312

Emissione dell'obbligazione

La motivazione principale per cui una società o uno Stato emette delle obbligazioni, è il reperimento immediato di liquidità nelle proprie casse. Ad esempio uno stato può emettere delle obbligazioni per colmare il proprio debito pubblico oppure per coprire in maniera diretta il deficit pubblico.

Continua la lettura
412

La cedola

La cedola rappresenta la rendita corrisposta dall'emittente al possessore dell'obbligazione. Esistono vari tipi di obbligazioni che si distinguono sulla base del pagamento delle loro cedole. Esistono obbligazioni con cedola fissa, obbligazioni senza cedola e obbligazioni a rendita variabile. Queste ultime possono variare sulla base comunque di parametri predeterminati.

512

La scadenza

Più aumenta la scadenza dell'obbligazione e più il credito prestato dall'acquirente del titolo all'emittente, cioè il rimborso, si allontana nel tempo. Per cui se la scadenza venisse aumentata, si dovrebbe rinunciare per un tempo maggiore al capitale di pertinenza dell'acquirente. L'effetto di decremento è in parte contrastato dai flussi cedolari corrisposti periodicamente al possessore dell'obbligazione.

612

I tassi d'interesse di mercato

I tassi d'interesse di mercato per la valuta di riferimento determinano il corso di un'obbligazione. In parole povere, se essi diminuissero, allora il valore dell'obbligazione aumenterebbe. Viceversa, al loro aumento si osserverà un calo del prezzo dell'obbligazione. Tali tassi sono scomponibili nel riskfree tipico dei bot, e altri coefficienti che devono ricompensare dei rischi di questo strumento.
.

712

I rischi

Il rendimento dell'obbligazione dipende in maniera diretta alla rischiosità dell'emittente. Qualora l'emittente avesse un rating piuttosto basso, esso dovrà versare delle cedole maggiori rispetto ad un emittente con rating superiore. Il premio per il rischio corrisponde alla differenza tra il valore atteso e l'ammontare certo.

812

Il rating dell'emittente

La solvibilità di un emittente, si esprime tramite il rating. Quest'ultimo è un indice che esprime la qualità degli emittenti di un'obbligazione. Tale indicatore si basa su alcuni parametri e criteri fondamentali, come potenzialità e solidità economica dell'emittente. Vi sono delle aziende che monitorano costantemente il mercato.

912

La duration

La duration è un indice della durata del titolo, cioè la vita del titolo calcolato col flusso di cedole che l'obbligazione pagherà. Tale indicatore si basa su tre parametri: il valore delle cedole; vita del titolo e i tassi di mercato. Per le obbligazioni prive di cedola la duration corrisponde alla vita residua delle stesse.

1012

Limite di emissione

In Italia vi sono dei limiti di emissione di obbligazioni per gli emittenti. Infatti non si possono emettere titoli per una somma che sia superiore al doppio del capitale sociale, delle riserve disponibili o della riserva legale risultanti dall'ultimo bilancio. Sono presenti dei casi particolari in cui si possono emettere delle obbligazioni non tenendo conto di quanto detto in precedenza. Ossia che le obbligazioni eccedenti vengano sottoscritte da investitori istituzionali. Oppure che le obbligazioni vengano garantite da un ipoteca su immobili fino ai 2/3 del valore di bilancio. Infine che le obbligazioni vengano sottoscritte da un'autorità governativa per ragioni di importanza nazionale.

1112

Il rimborso del capitale

Solitamente la restituzione del capitale ceduto dal possessore del titolo, viene effettuata dall'emittente attraverso un'unica soluzione. Mentre, come detto in precedenza, la rendita, cioè le cedola, si versa periodicamente su una base che può essere trimestrale, semestrale o annuale. Un obbligazionista potrebbe, nel caso in cui non gli venisse riconosciuta una cedola, presentare istanza di fallimento.

1212

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

10 cose da sapere sulle obbligazioni

Il mercato finanziario è un mondo ai più sconosciuto e pieno di pericoli. Lo scopo di questa guida è quello di avvicinare gli individui non proprio esperti in materia, al più specifico mercato delle obbligazioni. Vediamo, quindi, le 10 cose da sapere...
Finanza Personale

Obbligazioni subordinate Lower Tier II: 5 cose da sapere

Quando si parla di investimenti monetari, non si può fare a meno di includere le famose obbligazioni subordinate: di cosa si tratta precisamente? Sono delle obbligazioni che hanno una cedola periodica con una scadenza inesistente o molto lontana nel...
Finanza Personale

Obbligazioni strutturate: 5 cose da sapere

Le obbligazioni strutturate sono emesse da istituzioni finanziarie. Ce ne sono diversi tipi, ognuna con le proprie caratteristiche. Il funzionamento di tali obbligazioni porta ad una certa complessità, per questo motivo è essenziale per l'investitore...
Finanza Personale

Obbligazioni convertibili: 5 cose da sapere

Le obbligazioni convertibili sono dei titoli di credito del mercato azionario che rappresentano una delle tante possibilità di investimento. Nella guida che segue vedremo le principali 5 cose da sapere sull’argomento per una corretta gestione delle...
Finanza Personale

Obbligazioni zero-coupon: 5 cose da sapere

Il mercato finanziario offre innumerevoli opportunità di investimento per tutti coloro che decidono di ottenere maggiori guadagni dal proprio capitale. Si può scegliere tra una stragrande varietà di titoli, di azioni, di obbligazioni e tra queste ultime...
Finanza Personale

Obbligazioni callable: 5 cose da sapere

Oggigiorno, ci sono numerose possibilità all'interno del mercato finanziario per investire il proprio capitale. Esistono infatti una gran quantità di azioni e titoli tra cui scegliere, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche e i suoi rendimenti....
Finanza Personale

Come investire in obbligazioni

Volete imparare ad investire in obbligazioni ma non sapere proprio da dove cominciare. Nei passi della seguente guida verrà fornita una panoramica di base del processo di questo tipo di investimento. Investire in obbligazioni significa effettuare degli...
Finanza Personale

Confronto tra azioni e obbligazioni

Sempre più persone al giorno d'oggi si appassionano di borsa e finanza, un po' per curiosita', un po' per la speranza di poter fare qualche investimento che gli frutti qualcosa. Ma per poter avere anche solo piccoli risultati è bene comprendere e conoscere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.