10 buone ragioni per lasciare il lavoro

Tramite: O2O 10/06/2020
Difficoltà: media
111

Introduzione

In periodo economicamente difficile, in cui trovare un buon posto di lavoro sta diventando sempre più complicato, potrebbe sembrare assurdo che qualcuno possa rinunciare al proprio lavoro. Se stiamo svolgendo un lavoro che odiamo, ma non abbiamo trovato un motivo abbastanza valido per convincerci a lasciarlo, di seguito verranno elencate 10 buone ragioni per cui dovremmo dire addio alla nostra posizione attuale e cercare un lavoro che ci renda felice e ci aiuti crescere professionalmente.

211

Etica sbagliata del datore di lavoro

Per molti datori di lavoro, arricchirsi è la cosa più importante; pertanto, l'etica, la responsabilità sociale e i diritti dei lavoratori passano in secondo piano, il che spesso costringe molti dipendenti a lasciare il lavoro e andare alla ricerca di migliori opportunità in un ambiente di lavoro più piacevole. Tuttavia, la maggior parte si accontenta per paura di non riuscire a trovare di meglio.

311

Squilibrio tra lavoro e vita privata

Come accennato in precedenza, ci sono molti datori di lavoro che cercano di sfruttare al massimo i dipendenti; ed è qui che la linea sottile tra vita personale e lavorativa scompare e tutto diventa squilibrato, pertanto si è costretti a trascurare la vita personale (amici, famiglia, relazioni amorose, hobby, etc.). Questo è un motivo più che valido per cercare delle opportunità alternative.

Continua la lettura
411

Mancanza di stimoli

Oggi, molte persone decidono di lasciare il loro lavoro perché non si sentono più stimolati. Con ciò non intendiamo dire che non si adattano più ai loro uffici o alle fabbriche, ma che le opportunità di apprendimento e crescita sono ormai nulle. Per questo motivo, il desiderio di ottenere un lavoro più dinamico e che richiede il massimo delle loro capacità, acquisendo nuove conoscenze, diventa ancora maggiore.

511

Ambiente ostile

Anche se può non sembrare così importante, un ambiente di lavoro piacevole è essenziale affinché i lavoratori si sentano a proprio agio e diano il massimo durante le ore lavorative. Quando questa piccola condizione non viene soddisfatta, il lavoro può diventare un vero e proprio incubo e il desiderio di evadere cresce sempre di più ogni giorno.

611

Mancanza di crescita professionale

Ci sono molti lavoratori che, lungi dall'essere soddisfatti da un lavoro monotono, cercano un ulteriore incentivo che li faccia sentire importanti nell'azienda per la quale lavorano. Avere la possibilità di migliorare ciò che è sbagliato, partecipare a miglioramenti per correggere i problemi che si ripetono ogni giorno, contribuire con idee per ottimizzare qualsiasi aspetto, sono esempi di iniziative che potrebbero far crescere professionalmente una persona.

711

Poca flessibilità del lavoro

Stabilire un programma di lavoro flessibile sarebbe la soluzione ideale per qualsiasi lavoratore. Se pensiamo ad esempio ad un ufficio con un alto carico di lavoro, è giusto che il lavoratore possa ripartirlo nel modo giusto; così facendo, eviteremo di essere stressati e lavorare più del dovuto.Tuttavia, molti datori di lavori pretendono tutto e subito, concedendo poca flessibilità ai lavoratori.

811

Problemi di salute

Problemi di salute personali o familiari sono motivi legittimi per lasciare il lavoro. Se la nostra condizione non ci concede di eseguire la prestazione lavorativa, possiamo richiedere un prepensionamento per malattia. Se invece i problemi di salute riguardano un nostro familiare di cui dobbiamo occuparci, potremo avere diritto ad un congedo medico familiare o di un'indennità di accompagnamento.

911

Orari di lavoro scomodi

Quando la nostra situazione familiare cambia (ad esempio quando arriva un figlio) o è cambiato il programma aziendale e abbiamo difficoltà ad adattarci ai nuovi orari di lavoro, potremmo decidere di lasciarlo e cercarne uno che si adatti meglio alle nostre esigenze. Questo è un motivo più che valido, soprattutto se il lavoro che svolgiamo prevede anche dei turni di notte.

1011

Trasferimento

Quando per motivi di forza maggiore dobbiamo trasferirci in un'altra città, dobbiamo lasciare il nostro lavoro a meno che non ci siano opportunità di lavorare da remoto. Negli ultimi anni, infatti, grazie a internet non c'è più da meravigliarsi che un numero sempre maggiore di persone svolge la propria attività lavorativa direttamente da casa grazie al telelavoro. Pertanto, prima di presentare le dimissioni, chiediamo al nostro capo se ci concede questa opportunità.

1111

Stipendio basso

Ovviamente, il motivo migliore per lasciare un lavoro è che ne abbiamo trovato uno migliore, soprattutto dal punto di vista retributivo. Tuttavia, prima di abbandonare il lavoro, dobbiamo assicurarci che la nuova azienda per quale andremo a lavorare ci offra delle condizioni lavorative che si adattino alle nostre esigenze. Lo stipendio, infatti, anche se è importante, non è l'unico fattore da considerare quando si accetta un nuovo lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

10 motivi per non lasciare un lavoro a tempo indeterminato

Lascia una situazione stabile per il non certo è da sempre il dilemma di molti lavoratori. Ci sono momenti della propria vita in cui si sente la necessità di cambiamenti, o perché sorgono nuove opportunità o semplicemente perché si è insoddisfatti...
Lavoro e Carriera

Come farsi lasciare la mancia

Tantissime persone sono disposte a pagare fior di quattrini per un buon servizio ed un buon servizio non ha niente a che fare col cibo servito. Se i clienti son soddisfatti, daranno sicuramente una buona mancia, probabilmente torneranno nel nostro locale,...
Lavoro e Carriera

Come disdire un appuntamento di lavoro

Vi è mai capitato di dover trovare il modo di annullare senza conseguenze un incontro di lavoro? Può succedere a tutti e non è così semplice come si può ritenere, ma esistono metodi e soluzioni idonei per ogni situazione. Ecco di seguito alcuni pratici...
Lavoro e Carriera

Come attuare una corretta risoluzione consensuale del rapporto di lavoro

Se siamo in possesso di un contratto di lavoro presso una azienda, ma per alcune particolari motivazioni come ad esempio l'assunzione presso una nuova azienda o il trasferimento in un a nuova città, ecc. Siamo costretti a recidere il nostro contratto,...
Lavoro e Carriera

Assenza da lavoro: le conseguenze

La mancanza dal posto di lavoro senza giustificare tale assenza costituisce un grave reato che si verifica quando il dipendente non si reca al proprio posto di lavoro e non lo comunica e né porta la relativa giustificazione il giorno successivo. Succede...
Lavoro e Carriera

Come relazionarsi al meglio con i colleghi di lavoro

L'intelligenza sociale è la capacità di relazionarsi ed interagire proficuamente con gli altri; secondo lo psicologo californiano Daniel Goleman è socialmente intelligente colui che riesce ad immedesimarsi ed a rendere piacevole la vita altrui, a percepirne...
Lavoro e Carriera

Come stipulare un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Se un dipendente viene impiegato su 2 o più contratti successivi a tempo determinato in servizio continuo per un periodo di 4 anni, i dipendenti hanno diritto a un contratto a tempo indeterminato. Il datore di lavoro può giustificare la concessione...
Lavoro e Carriera

Come organizzare il lavoro in ufficio

L'ufficio rappresenta un luogo di lavoro intricato e molto spesso stressante. Non è soltanto sufficiente svolgere delle mansioni che vengono affidate, oppure dei compiti per cui si è stati assunti. Invece è fondamentale avere anche una buona dose di...