Turchia: come cercare lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il paese della Turchia sta crescendo economicamente e da quanto si evince da statistiche ed esperienze dei giovani, non sembra una impresa molto difficile trovare lavoro per chi parla italiano, inglese ed un'altra lingua, o la lingua turca sarebbe un surplus. La Turchia ha quasi 75 milioni di persone e climaticamente ha tre aree climatiche: il sud ha un clima mediterraneo, il nord un clima continentale e all'interno clima continentale con inverni molto freddi. La Turchia è un paese non rientrante dell'Unione Europea e non c'è la libera circolazione per le persone, quindi per poter lavorare in Turchia è necessario ottenere il visto che fa per voi. In questa guida vi illustrerò come cercare lavoro in questo paese.

27

Occorrente

  • Permesso di soggiorno
  • Permesso di lavoro
37

Informiamoci sullo stile di vita turco

La Turchia è una repubblica con Capitale (città principale) Istanbul con 15 milioni di abitanti. Quando pensiamo di trasferirci in questo paese, è bene informarci dal momento che la Turchia è un paese religiosamente perlopiù islamico ed è utile informarci sui suoi stili di vita e sugli usi e costumi. Consigliabile vivere per circa 3 mesi come turista e per vedere se davvero ci piacerebbe vivere in questa cultura diversa dalla nostra. Tenendo presente che la Turchia risiede metà nel continente europeo e metà in quello asiatico. La popolazione turca è molto accogliente e lo saprete bene se avete conosciuto qualche persona della zona. Dal momento che siamo convinti che vorremmo vivere per un po' di anni in Turchia, informiamoci quali sono le leggi che regolarizzano il lavoro per gli stranieri e di quale visto avremo bisogno.

47

Cercare informazioni sulle prospettive di lavoro

Le tre cittadine più gettonate per cercare (e probabilmente trovare) lavoro sono: Istanbul, Izmir e Ankara. Economicamente, lavorativamente, turisticamente sono le cittadine maggiormente aperte agli stranieri e soprattutto in queste città hanno sede le più importanti aziende sia turche e sia internazionali che molto probabilmente sono alla ricerca di personale che sappia più lingue in diversi settori. Sono particolarmente ricercate le persone che sappiano parlare le seguenti lingue: inglese, tedesco, italiano e russo. Sicuramente un settore particolarmente attivo è quello degli immobili mentre quello turistico è soggetto più a lavori stagionali, il settore import/export offre diverse prospettive. Decidete in quale città ed in quale zona ricercare lavoro e basatevi sul settore o sull'attività che vorreste svolgere per orientare le ricerche.

Continua la lettura
57

Ottenere il permesso di lavoro

Ora vediamo ad analizzare qualche visto. Per visitare la Turchia per motivi turistici (ve lo consiglio se non siete mai andati in questo paese prima di trasferirvi definitivamente) potete ottenere un permesso per un tempo limitato di 6 mesi ma non vi permetterà di lavorare. Quando deciderete che vorrete proprio trasferirvi in Turchia, avrete bisogno di ottenere il permesso per lavorare andando a richiedere al consolato turco nel proprio paese di residenza/cittadinanza oppure direttamente in Turchia (quando sarete lì come turisti con permesso temporaneo) al ministero del lavoro e della previdenza sociale con alcune semplici pratiche burocratiche. Informatevi sempre tramite istituzioni ufficiale del governo, non fidatevi di istituzioni diverse o di persone comuni! Le notizie ufficiali le trovate sempre sul sito governativo ufficiale del paese.

67

Come trovare lavoro

Adesso vediamo quali sono i mezzi più comuni per cercare e trovare lavoro nel suolo Turco. Intanto, un metodo sempre valido è quello di ricercare le aziende europee che operano in Turchia. In questo modo avrete diciamo una possibilità in più di essere chiamati dato che cercano personale da inviare nel paese per svolgere le attività più svariate. Altrimenti veniamo ai modi più classici utilizzando internet: kariyer, yenibiris e insankaynaklari sono nomi di siti di ricerca di lavoro dove possiamo filtrare gli annunci sulla base dei nostri interessi inserendo anche "italian" o "italyan" per cercare professioni nelle quali è richiesta la conoscenza della lingua italiana. In questo modo sarete maggiormente più avvantaggiati. Potrete anche inserire il vostro curriculum vitae per essere più visibili. Altro metodo classico di ricerca sono i giornali cartacei nei quali sono presenti gli annunci di lavoro. Controllate che siano scritti in lingua inglese se non conoscete quella turca. Infatti un suggerimento utile sarebbe quello di imparare la lingua turca. In questo modo avrete più possibilità di essere chiamati e divenire un vero e proprio cittadino turco! Buona fortuna!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Avvicinarsi ad usi e costumi del luogo
  • Imparare la lingua

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come depositare un brevetto internazionale

Per tutelare i diritti esercitati su un'invenzione occorre depositare il brevetto internazionale, il quale conferisce il diritto esclusivo allo sfruttamento della stessa e quindi alla sua vendita e commercializzazione. In altre parole, attraverso tale...
Aziende e Imprese

Come e dove reperire il rischio Paese

Oggigiorno diversi tipi di aziende sempre più spesso si affacciano sui mercati internazionali, per aumentare il proprio fatturato. Per fare ciò hanno bisogno sia di sostegni finanziari, sia di una giusta via di contatto con le imprese straniere con...
Aziende e Imprese

Come aprire un kebab

Negli ultimi anni si sta sempre più diffondendo in Italia la presenza di take-away di Kebab, un'attività notoriamente di origine turca e araba. Con alcune informazioni e buone conoscenze nel settore, chiunque può decidere di avviare un'attività di...
Case e Mutui

Come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici

Nel 2013, il Ministero dello sviluppo economico ha emanato un decreto legge nella quale è previsto un fondo per usufruire degli incentivi sull'acquisto degli elettrodomestici. La notizia nasce in seguito all'incontro avvenuto tra le associazioni appartenenti...
Lavoro e Carriera

Come lavorare nella ristorazione all'estero

Negli ultimi anni sempre più persone decidono di lasciare l'Italia in cerca di una situazione più stabile o semplicemente per cominciare una nuova vita, lontani da ciò che conosciamo e probabilmente anche da chi ci conosce. Una volta lasciata l'Italia,...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in America

Ogni anno migliaia di stranieri arrivano in America, dichiarandosi dei semplici turisti. Iniziano a lavorare, magari in nero, come camerieri e lavapiatti, poi nella maggior parte dei casi il loro permesso scade e, diventano automaticamente illegali e...
Lavoro e Carriera

Come lavorare a Toronto

Il Canada è uno dei migliori luoghi da scegliere come meta lavorativa all'estero. Il centro più popoloso canadese è rappresentato dalla città di Toronto, capoluogo dell'Ontario, ed è anche la prima città per estensione. È una delle città più...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Germania

Trasferirsi e lavorare all'estero è un'esperienza che cambia la vita. Le motivazioni per questo tipo di cambiamento possono essere diverse. Negli ultimi tempi anche per noi italiani è ritornato un fenomeno come l'emigrazione per esigenze lavorative...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.