Obbligazioni subordinate Lower Tier II: 5 cose da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si parla di investimenti monetari, non si può fare a meno di includere le famose obbligazioni subordinate: di cosa si tratta precisamente? Sono delle obbligazioni che hanno una cedola periodica con una scadenza inesistente o molto lontana nel tempo. Queste obbligazioni sono per la maggior parte subordinate il che significa che, in caso di fallimento della banca, verranno saldate dopo che tutti i creditori senior avranno ricevuto quanto loro dovuto e quindi il rischio di perdere tutto è abbastanza alto. Per le subordinate Lower Tier II ci sono 5 importanti cose da sapere per coloro che vogliono prenderle in considerazione. Vediamo insieme quali sono.

26

I rischi

Tra le 5 cose importanti da sapere a proposito delle obbligazioni subordinate Lower Tier II, sicuramente la più importante riguarda i rischi a cui si espone chi ha investito su di esse. Non sempre è possibile capire dalle caratteristiche il vero rischio a cui si va incontro. Sebbene si tratti di obbligazione dello stesso medesimo tipo, il loro rischio è differente per cui si tratta di una operazione molto rischiosa e il cui tasso di rischio non può mai essere previsto esattamente.

36

La data di rimborso

Trattandosi del bond subordinato più comune (il 51% delle obbligazioni subordinate è di questo tipo), la data di rimborso è normalmente di 10 anni ma anche di 7, 12 e 15 anni. Possono avere scadenza fissa o posseggono una clausola di rimborso anticipato. In ogni caso non vengono liquidate prima dei 5 anni ma solitamente la liquidazione avviene con 5 anni di anticipo.

Continua la lettura
46

L'incertezza della scadenza

Le obbligazioni subordinate Lower Tier II sono contraddistinte dall'incertezza della scadenza per cui diventa molto difficile anche stimare il rendimento di questo tipo di investimento. È molto simile alle azioni ma più complicato e rischioso.

56

La liquidità

La liquidità è molto scarsa e pertanto molto difficili da acquistare o da vendere perché ognuna di loro compie un percorso differente. La situazione si complica ulteriormente quando il mercato è incerto e c'è una crisi finanziaria in atto come è successo in questi ultimi anni.

66

Insolvenza da parte dell'emittente

Il rischio diventa veramente molto alto qualora si verifica l'insolvenza da parte dell'emittente. Come già accennato, i creditori senior vengono soddisfatti per primi e successivamente vengono soddisfatti i creditori junior. Se il pagamento da parte dell'emittente non avviene per fallimento è quasi certo (la percentuale sfiora il 100%) che il creditore junior non venga pagato affatto e quindi la perdita è totale. Per limitare i rischi conviene affidarsi ad un market maker o ad un bank adviser.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

10 consigli per gli investimenti fai da te

Ormai da più di qualche anno veniamo letteralmente bombardati da notizie che ci fanno guardare alla finanza con sospetto ed anche, in molti casi, paura. Le vicende che riguardano il Monte dei Paschi di Siena, per non parlare di Banca Etruria, hanno contribuito...
Finanza Personale

10 cose da sapere sulle obbligazioni

Il mercato finanziario è un mondo ai più sconosciuto e pieno di pericoli. Lo scopo di questa guida è quello di avvicinare gli individui non proprio esperti in materia, al più specifico mercato delle obbligazioni. Vediamo, quindi, le 10 cose da sapere...
Finanza Personale

Obbligazioni a tasso fisso: 5 cose da sapere

Le obbligazioni sono uno strumento attraverso il quale un soggetto (definito obbligazionista) esegue un'operazione di finanziamento a titolo di prestito (a titolo di mutuo, secondo il diritto privato). L'obbligazionista è perciò un creditore dell'ente...
Banche e Conti Correnti

Come comprare obbligazioni tramite il conto Bancoposta

Esistono molto modi per investire i propri risparmi, le banche o la posta possono aiutare a scegliere quella che più fa per il cliente, esponendo le varie opzioni e consigliando a seconda delle varie esigenze. Uno di questi investimenti si chiama obbligazione....
Finanza Personale

Obbligazioni callable: 5 cose da sapere

Oggigiorno, ci sono numerose possibilità all'interno del mercato finanziario per investire il proprio capitale. Esistono infatti una gran quantità di azioni e titoli tra cui scegliere, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche e i suoi rendimenti....
Richieste e Moduli

Come disinvestire le obbligazioni non scadute

Quando si parla delle obbligazioni (bond), si fa riferimento agli investimenti caratterizzati da una specifica durata: essi rappresentanti una parte di debito acceso da un'azienda o un Ente Pubblico per il suo finanziamento e intendono assicurare all'acquirente...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento delle obbligazioni

L'obbligazione è un titolo di credito emesso da una società o ente pubblico che attribuisce al possessore il diritto al rimborso del capitale a scadenza, maggiorato di un interesse. Solitamente, il rimborso del capitale avviene in un'unica soluzione,...
Finanza Personale

Guida ai tipi d'investimento finanziario

Il mercato finanziario è molto complesso e le possibilità di investimento sono tante: azioni, obbligazioni, fondi comuni, polizze ed altro ancora. Per cui, scegliere un investimento è sempre più difficile, soprattutto per chi non è competente in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.