Locazioni: cosa fare in caso di inadempimento del conduttore

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando abbiamo intenzione di vendere o di affittare un immobile di nostra proprietà, dovremo necessariamente adempiere ad una serie di obblighi affinché il tutto venga svolto nel rispetto della normativa vigente. Tuttavia se è la prima volta che ci troviamo a dover sbrigare queste pratiche, potremo trovarci in difficoltà e generalmente in questi casi ci si rivolge a persone esperte in questo settore in modo da non avere nessun problema ma pagando in alcuni casi cifre elevate. In alternativa potremo svolgere da soli tutto l'iter procedurale e per farlo non dovremo fare altro che leggere molto attentamente tutte le indicazioni riportate all'interno delle moltissime guide che troveremo con estrema facilita su internet. All'interno di queste potremo trovare tutte le informazioni necessarie e l'iter da seguire per riuscire a completare correttamente queste operazioni. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo cosa in caso di inadempimento del conduttore nel caso nelle locazioni.

24

A seconda della tipologia di affitto, quindi ad uso commerciale o abitativo, ci sono delle leggi specifiche; infatti, il primo caso è riportato con l’art. 5 della L. 392/78 che prevede la risoluzione del contratto di locazione, trascorsi venti giorni dalla scadenza o a seguito del mancato pagamento dell'importo superiore alle due mensilità depositate come cauzione.

34

Il secondo caso invece, prettamente riferito alle locazione di immobili ad uso abitativo, non prevede l'applicazione del suddetto articolo di legge, bensì la valutazione viene effettuata a seconda dei casi dal giudice incaricato, che se constata l'effettivo inadempimento del conduttore, accoglie senza esitazione la richiesta di risoluzione del contratto avanzata dal locatore. Tuttavia, quest'ultimo in separata sede, può richiedere anche dei danni aggiuntivi, specie se una volta in possesso delle chiavi dell'immobile, lo trova particolarmente danneggiato. Il giudice tiene conto di tali situazioni, tanto che come spesso accade in cause del genere, intima al conduttore una forma di risarcimento forfettario, che riguarda principalmente il mancato guadagno del locatore, a seguito dell'inadempienza e quindi dell'improduttività dell’immobile in oggetto.

Continua la lettura
44

Quando si parla di inadempienza del conduttore, non ci si riferisce soltanto alle mensilità dovute; infatti, come spesso accade e a seconda dei patti stipulati, ci sono delle quote accessorie spettanti tutte al conduttore o equamente suddivise. In tal caso, se all'atto della richiesta di risoluzione del contratto, ci sono degli importi in sospeso, come ad esempio il ripristino di parti comuni dell'edifico, dove entrambi i soggetti contribuiscono al pagamento dei lavori da farsi, il conduttore inadempiente, viene condannato dal giudice e quindi è tenuto a pagare anche questo importo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Motivi validi per mandare via un inquilino

Quando si stipula un contratto di affitto, viene effettuato un accordo tra proprietario (locatore) e inquilino (conduttore): quest'ultimo, con il pagamento di un canone mensile può usufruire dell'immobile per il tempo indicato. La nostra legge prevede...
Case e Mutui

Come chiedere lo sfratto per morosità

Lo sfratto per morosità, anche se molti probabilmente non lo hanno mai sentito nominare, è un normalissimo procedimento legale che permette al locatore di ottenere un immobile prima che scada effettivamente il contratto. Ma cos'è la morosità? Essa...
Case e Mutui

Come trattare contabilmente le locazioni di beni immobili

Le locazioni sono contratti in base ai quali una parte (il locatore) si obbliga a far godere ad un'altra (il locatario) una cosa, immobile o mobile, per un dato periodo di tempo e dietro versamento di un determinato corrispettivo; si differenziano inoltre...
Case e Mutui

Il deposito cauzionale nelle locazioni abitative

Nella guida riportata nei passi successivi, parleremo di una delle condizioni principali che viene spesso contemplata nei contratti di locazione. Si tratta del deposito cauzionale, ovvero una quantità di denaro che viene versata al proprietario dell'appartamento...
Case e Mutui

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

La crisi che sta avvolgendo il mondo negli ultimi anni è davvero critica e ciò porta a diverse rinunce, tra questa c'è quella da parte delle persone, maggiormente i giovani a comprare casa, essi preferiscono infatti i contratti di affitto. Il modo...
Case e Mutui

Locazione a canone libero: 5 cose da sapere

Il contratto di locazione a canone libero (detto anche 4+4) è stato introdotto dalla legge 431 del 1998 ed è una forma di locazione che prevede che siano il locatore (colui che possiede il bene immobile) e il futuro inquilino (o conduttore) a decidere...
Case e Mutui

Sublocazione: 5 errori da evitare

La sublocazione, per definizione, è un contratto di locazione con il quale il conduttore di un immobile, cede il contratto ad un terzo soggetto estraneo. In parole povere si può descrivere come l'affitto dell'affitto. Se avete in programma di subaffittare...
Case e Mutui

Come compilare il modello RLI per registrazione contratti beni immobili

Da qualche tempo, esattamente dal 31 marzo dell'anno 2014, vige l'obbligo della compilazione e della presentazione del modello RLI per la registrazione dei contratti dei beni immobili. Il modello RLI sostituisce così altri vecchi tipi di modelli, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.