Le tipologie di pensione previste dall'INPS

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Districarsi tra le tipologie di pensione previste dall'INPS non è impresa facile.
Se abbiamo bisogno di informazioni ci sono varie strade: telefonare ad un numero verde che è gratuito ma che richiede sempre tempi biblici prima di fornire una risposta oppure chiamare un numero alternativo al quale risponderanno relativamente presto ma che, ahimè, è a pagamento; se poi decidiamo coraggiosamente di recarci di persona presso la sede INPS di appartenenza armiamoci di santa pazienza perché l'attesa prima di essere ricevuti allo sportello varia dalle due alle quattro ore.
Cercheremo in questo breve articolo di fornire alcuni elementi che possano essere utili a chi ha bisogno di capire meglio questo complesso mondo delle pensioni INPS.

27

Pensione di vecchiaia

Una distinzione molto importante per chi lavora e sogna di andare in pensione è quella tra i requisiti anagrafici e quelli contributivi. La pensione di vecchiaia viene erogata a chi ha raggiunto i 67 anni di età ed ha almeno venti anni di contributi versati. Fino a qui ci siamo. Ma se si vuole andare in pensione prima dei 67 anni? È possibile purché si abbiano 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini naturalmente subendo una decurtazione della pensione che può arrivare anche al 30 per cento in meno.

37

Pensione indiretta

La pensione indiretta spetta al coniuge o ai figli del dipendente deceduto durante il servizio purché questo abbia maturato almeno 15 anni di contributi e il suo importo varia a seconda degli anni di servizio prestati; per figli si intendono sia quelli nati nel matrimonio che quelli al di fuori purché legalmente riconosciuti fino al raggiungimento del 18° anno di età e, successivamente, del 26° anno se si dimostra di essere iscritti all'Università.

Continua la lettura
47

Pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità spetta al coniuge o ai figli del lavoratore deceduto che abbia maturato almeno 15 anni di contributi; per l'importo e per quanto riguarda i figli si rimanda alle stesse regole che valgono per la pensione indiretta.

57

Pensione di inabilità

La pensione di inabilità spetta invece al lavoratore che a causa di una infermità non può più svolgere il proprio lavoro o addirittura nessun tipo di lavoro avendo versato rispettivamente 15 o 5 anni di contributi. Naturalmente bisogna essere in possesso di una certificazione medica che attesti il grado di infermità.

67

Anticipo pensionistico (APE)

Una novità molto interessante introdotta nel 2017 è l'APE che sta per anticipo pensionistico e prevede un'indennità a carico dello Stato per soggetti che abbiano almeno 63 anni d'età fino al raggiungimento dell'età per la pensione; questi soggetti devono essere disoccupati a seguito licenziamento con almeno trenta anni di contributi versati, essere senza reddito da almeno tre mesi ed assistere un familiare con handicap grave o avere un'invalidità pari o superiore al 74%.

77

Pensione minima (assegno sociale)

Infine ricordiamo che per chi non ha mai lavorato o versato contributi l'INPS prevede una pensione di circa 500 euro mensili nota come pensione minima e detta anche assegno sociale a partire da 65 anni d'età per chi dimostri di essere in condizioni disagiate e senza fonte di sostentamento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Pensione anticipata: come fare domanda

APE, Acronimo di Anticipo Pensionistico, si regge in base ad una serie di valutazioni da effettuare prima della sua ricezione. Scopriamo insieme della pensione anticipata come fare domanda. In generale, il lavoratore e l'Inps devono rispettare diversi...
Previdenza e Pensioni

Come Ottenere La Totalizzazione Dei Contributi Di Diverse Gestioni Pensionistiche

Soprattutto al giorno d'oggi capita di lavorare per aziende differenti, come dipendente e come libero professionista e questo comporta che si versino contributi in diverse casse, gestioni o fondi previdenziali. Per chi non lo sapesse è possibile richiedere,...
Finanza Personale

Come richiedere la pensione di inabilità

La pensione di inabilità è un sussidio che spetta al lavoratore dipendente o autonomo affetto da infermità fisica o mentale. Tale sussidio è garantito dalla legge 222 del 12 giugno 1984 entrata in vigore il primo luglio dello stesso anno. Il grado...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione Inps

Dal primo maggio 2015 il sito dell'INPS ha introdotto uno strumento interessante per tutti coloro che vogliono sapere quando avverrà il proprio pensionamento e soprattutto a quanto ammonterà la pensione che riceveranno. Per effettuare questo calcolo...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la propria pensione

La legge Fornero ha dato vita alla riforma del sistema pensionistico cambiando i criteri in base ai quali prima si calcolava l' importo della propria pensione. Dal 1° gennaio 2012 per calcolare la pensione bisogna basarsi sul sistema contributivo, cioè...
Previdenza e Pensioni

Come chiedere la pensione

La pensione consiste in una somma di denaro proporzionale ai contributi versati durante gli anni lavorativi, che vengono percepiti dal lavoratore quando ha finalmente raggiunto l'età pensionistica prevista dalla attuale legge vigente.Questo garantisce...
Finanza Personale

Come ricongiungere contributi Inps e Inpdap

Quando si lavora soprattutto all'inizio della carriera, lontano è il pensiero della pensione e quindi anche se cambiate spesso lavoro, non vi fermate a pensare se i contributi sono versati sempre nello stesso ente o no, poi con il passare degli anni...
Lavoro e Carriera

Come agire in caso di contributi non versati da parte del datore di lavoro

In questo articolo abbiamo pensato di affrontare un problema che purtroppo, molto spesso, affligge molti lavoratori. Vogliamo parlare di come poter agire nel caso in cui abbiamo dei contributi, che non vengono versati, da parte del nostro datore di lavoro....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.