Le 5 cose che un buon capo non deve dire

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dirigere, organizzare avere delle responsabilità mette ogni individuo di fronte a delle scelte non sempre facili, ne comode; ma, purtroppo, il lavoro di responsabilità e la dirigenza che spetta ad un capo non sono una cosa semplice. Comunque sia, un capo deve cercare di non commettere errori particolarmente catastrofici dal punto di vista amministrativo ed umano. Dovrà fare attenzione a come si rapporta con i suoi dipendenti o subalterni e a ciò che dice. Vediamo allora quali sono le 5 cose che un buon capo non deve dire.

26

Occorrente

  • Moderazione - educazione - empatia - elasticità mentale - rispetto - saper valorizzare le persone
36

I dipendenti vanno resi autonomi

I dipendenti vanno resi autonomi, sicuri di sé, motivati ed incentivati; solo così si potrà ottenere da loro, il massimo dell'efficienza e di conseguenza del profitto produttivo. Molto spesso, però, tali meccanismi vengono sottovalutati. Un buon capo dovrà essere autorevole e non autoritario, dovrà porsi il più possibile in una posizione paritaria quando si trova a confronto con un dipendente che si prodiga nelle sue attività lavorative, guadagnandosi la stima dei propri dipendenti. Non dire mai frasi del tipo "SEI UN INCAPACE!", oppure "COSA STAI COMBINANDO!". Far aumentare invece l'autostima di un dipendente ed accrescere la sua sicurezza, significa avere un lavoratore attivo e vincente al 100%.

46

Non limitare l'ingegno altrui

Evitare di dire: "LE COSE VANNO FATTE A MODO MIO!" La limitazione all'ingegno altrui chiude le porte a qualsiasi progresso, e i confronti servono a crescere e costruire insieme. Se una cosa proprio non vi soddisfa, cercate di indurre il vostro dipendente a rettificarla, inducendolo ad un ulteriore ragionamento ed analisi del lavoro svolto. Mai essere perentori, altrimenti rischierete di smorzare gli entusiasmi mettendo dei "paletti" al rapporto umano e collaborativo. Imparate piuttosto ad essere più elastici e a valutare anche dei punti di vista diversi dai vostri. Un buon capo saprà come tirar fuori il meglio dai propri dipendenti, senza essere mai offensivo.

Continua la lettura
56

Non causare frustrazione o ancor più umiliazione

Errare è umano, ma attenzione: accettate che il vostro dipendente sia brillante e lungimirante per 300 giorni l'anno e concedetegli di tanto in tanto qualche errore senza causargli frustrazione o ancor più umiliazione. Il vostro dipendente ha bisogno d'aiuto e vi chiede un consiglio? Se voi non avete tempo o voglia, indirizzatelo verso un collega che potrà aiutarlo a risolvere la situazione o, in alternativa, fatelo voi ma non gli dite di cavarsela da solo, o che non avete tempo, ne tanto meno che non è capace. Altra frase da non dire mai è: "NON CI RIESCI?", oppure "QUESTO COMPITO LO AFFIDO A QUALCUN'ALTRO". Meglio chiedergli se necessita di una mano ed indicargli come e dove potrà averla.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate diplomatici e di ampie vedute ne beneficerà la produttività aziendale

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come premiare i dipendenti

Se si lavora in un gruppo è importante da parte del titolare di un'azienda premiare i propri dipendenti. Infatti, i successi di un'azienda dipendono non soltanto da una buona gestione del titolare ma anche dalla collaborazione e dalla bravura dei suoi...
Richieste e Moduli

Come richiedere i benefici della L.104/92 per i lavoratori dipendenti

Se sei stato riconosciuto, dalla commissione incaricata, soggetto portatore di Handicap in base alla L. 104/92 art. 33, oppure lo stesso riconoscimento l'ha avuto un tuo familiare, e tu sei un lavoratore dipendente, puoi usufruire dei benefici previsti...
Lavoro e Carriera

Come rendere i tuoi dipendenti soddisfatti

Mantenere stretti i migliori dipendenti è una delle priorità di un’azienda: riunire un team motivato e compromesso con gli obiettivi dell’impresa è un compito fondamentale se non si vuol perdere competitività. Ma allora, come motivare e rendere...
Aziende e Imprese

Come incentivare i dipendenti

Negli ultimi anni le politiche degli uffici del personale delle imprese sono cambiate radicalmente, infatti, l'azienda è riconoscente al personale impiegato e cerca di incentivarlo per migliorare il rendimento e dare vita ad un maggiore profitto ed interesse...
Aziende e Imprese

Come trattare gli anticipi ai dipendenti in contabilità generale

Generalmente le imprese di grandi dimensioni, riconoscono al personale degli anticipi sulle spettanze già maturate. Dal punto di vista del datore di lavoro, tali anticipi fanno sorgere dei crediti verso i dipendenti, che poi devono essere registrati...
Richieste e Moduli

Come richiedere una visita fiscale per un dipendente in malattia

Durante il percorso lavorativo un dipendente potrebbe ammalarsi, risultando di conseguenza impossibilitato nel recarsi a lavoro per un breve o lungo periodo di tempo. In questi casi, però, il datore di lavoro ha comunque il diritto di accertarsi dello...
Aziende e Imprese

Come valutare un dipendente

La pratica di fare una valutazione annuale dei lavoratori, la valutazione delle performance, è ampiamente riconosciuta come strumento utile per le aziende. Quando arriva il momento di promuovere un dipendente, è necessario valutare attentamente le sue...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità gli oneri per ferie maturate

Tra i vari oneri positivi per ogni lavoratore dipendente, il trattamento più vantaggioso è sicuramente quello legato ai di giorni di ferie retribuiti per un periodo di tempo di lavoro. L'obiettivo della guida è quello di trattare una corretta contabilità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.