Lavoro intermittente ed accessorio: differenze

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il decreto applicativo del "Jobs Act" ha portato alla cosiddetta "Riforma dei contratti", attraverso la quale sono state apportate delle modifiche relative, tra gli altri, al lavoro accessorio. Al contrario, quello noto come "lavoro intermittente" ha mantenuto quanto in vigore fino ad oggi. Non a tutti sono chiare le caratteristiche peculiari di ognuna di tali forme contrattuali atipiche. Nella presente guida verranno descritte le differenze esistenti, in modo da dirimere eventuali dubbi.

26

Diversità nelle prestazioni offerte

Il contratto di lavoro intermittente (conosciuto anche come "lavoro a chiamata") è di tipo subordinato, in quanto il lavoratore mette a disposizione le proprie capacità per eseguire delle attività (pur se a carattere discontinuo o intermittente). Il lavoro accessorio, invece, entra di diritto nelle collaborazioni occasionali e le relative prestazioni possono essere sia di origine autonoma che subordinata.

36

Modalità diverse nel pagamento delle prestazioni

Il lavoro intermittente prevede due forme di contratto. La prima è quella con obbligo di risposta alla chiamata; in questo caso, viene pagata al lavoratore un'indennità mensile per il periodo nel quale rimane disponibile, anche se non effettua prestazioni. In questo stesso periodo entrambe le parti possono recedere senza alcuna penalità dal contratto. La seconda forma di contratto di lavoro intermittente è senza obbligo di risposta; in tal caso, il lavoratore viene retribuito solamente per le ore di lavoro effettuate. Nel lavoro accessorio, invece, per il pagamento vengono utilizzati degli appositi "voucher", ossia dei buoni; una parte dell'importo è utilizzata per garantire copertura previdenziale e assicurativa (rispettivamente presso l'INPS e l'INAIL).

Continua la lettura
46

Differenze in materia fiscale

A differenza del lavoro intermittente, che può anche essere prestato sotto forma di lavoro a tempo determinato, quello accessorio è esente da qualsiasi imposizione fiscale, oltre a non poter incidere sullo stato del lavoratore quando quest'ultimo è disoccupato oppure inoccupato.

56

Presenza o meno di vincoli temporali

Per quanto riguarda il lavoro intermittente sono stati fissati dei limiti temporali; infatti, chi presta il proprio lavoro non può sorpassare la soglia di 400 giornate in un periodo di 3 anni. Nel caso in cui, invece, tale limite venga superato, il rapporto non può essere più considerato occasionale, divenendo un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato. Non sussistono limiti temporali, invece, per il lavoro accessorio, che deve sottostare solo a vincoli di natura economica.

66

Differenze nel numero di committenti

Nel lavoro intermittente, le prestazioni vengono garantite ad un solo committente. Nel lavoro accessorio, invece, è possibile offrire le proprie prestazioni a più committenti, purché non venga superato il tetto di 7.000 euro (è stato il Jobs Act a variare il precedente importo di 5.000 euro). La cifra è relativa alla totalità dei committenti mentre, per ognuno di essi, si potranno raggiungere i 2.000 euro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

I rapporti di lavoro subordinato speciali

I rapporti di lavoro subordinato speciali si caratterizzano per particolari peculiarità che li contraddistinguono dai tradizionali rapporti di lavoro subordinato a tempo pieno ed indeterminato. Se ti stai chiedendo come funzioni una tale tipologia contrattuale,...
Lavoro e Carriera

Lavoro: come sviluppare la flessibilità

Con la crisi economica che dilaga, chi desidera lavorare deve purtroppo adattarsi ad essere flessibile e disposto al cambiamento, secondo le richieste delle aziende. La flessibilità nel lavoro, infatti, è proprio uno dei maggiori requisiti da possedere...
Lavoro e Carriera

Contratti di lavoro: differenze tra categoria, qualifica e mansione

In Italia ogni rapporto tra datore di lavoro e dipendente è regolato da un contratto. Indipendentemente dalla forma che ha questo contratto (a tempo determinato o indeterminato), al suo interno si trova sempre una classificazione del lavoratore. Dare...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

Licenziamento: differenze tra giusta causa e giustificato motivo

Il lavoro è un diritto di tutti gli uomini. Con la grande crisi economica e lavorativa che tutto il mondo sta attraversando, trovare un impiego stabile che fornisca una retribuzione dignitosa sembra ormai essere un miraggio. Per saperne di più su tale...
Finanza Personale

Differenze tra conti deposito liberi e vincolati

Il continuo aumento della crisi economica, porta sempre più persone a interessarsi e ad informasi sulle varie strategie di investimento e di risparmio. In questa breve guida, metteremo in evidenza le sostanziali differenze tra i conti deposito liberi...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare un lavoratore straniero

In Italia il lavoro scarseggia, ma ci sono comunque molti immigrati che, spinti dalla speranza di una vita migliore, arrivano nel nostro paese alla ricerca di qualche impiego. Le domande pervenute finora al Ministero sono poche quelle relative al lavoro...
Lavoro e Carriera

Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio

Lavorare è un diritto di tutti, ma spesso trovare lavoro in Italia è veramente difficile. Nascono in questo modo delle categorie di lavoro che permettono anche ai meno agiati di poter lavorare, avendo un discreto guadagno, però non è poi così semplice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.