Il trasferimento dell’azienda e del ramo d’azienda: la normativa

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per azienda si intende il complesso dei beni organizzati da un imprenditore per l'esercizio dell'attività di impresa. In determinati casi può accadere che l'azienda, o una parte di essa, venga ceduta ad altro imprenditore per la continuazione dell'esercizio dell'attività. Vediamo qual è la normativa riguardante il trasferimento dell'azienda e del ramo dell'azienda.

24

Il trasferimento di azienda, regolato dal codice civile attraverso l'articolo 2112, è l'atto attraverso il quale avviene il cambio della proprietà all'interno di un'azienda. Il trasferimento può avvenire sia attraverso atto tra vivi, come cessione o fusione, e sia a seguito di un atto mortis causa, come successione o testamento. Il trasferimento può coinvolgere l'intera azienda o solo parte di essa. In questo caso si parla di "cessione del ramo di azienda".

34

La legge, a tutela dei lavoratori, stabilisce che in caso di trasferimento d'azienda o di un ramo di essa, i dipendenti non possano essere licenziati senza giusta causa. Il rapporto tra nuovo datore di lavoro e dipendente, continua esattamente come in presenza del vecchio titolare, con l'applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro in vigore al momento dell'avvenuto passaggio di proprietà e con la conservazione di tutti i diritti maturati dal lavoratore fino a quel momento, come anzianità, inquadramento e retribuzione. Il lavoratore ha il diritto di chiedere al nuovo titolare il pagamento di eventuali emolumenti arretrati, poiché l'imprenditore, nel subentrare all'interno dell'azienda, si assume in solido la responsabilità dei debiti contratti dal precedente titolare. Per effettuare un trasferimento d'azienda o di un ramo di essa, non è necessario il consenso del lavoratore, il quale ha il diritto di dimettersi entro tre mesi dal trasferimento, in caso di modifiche sostanziali delle condizioni di lavoro.

Continua la lettura
44

La legge stabilisce che i datori di lavoro con oltre quindici dipendenti, hanno l'obbligo di inviare, almeno venticinque giorni prima del trasferimento, una comunicazione alle organizzazioni sindacali stipulanti il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, comunicando la data a partire dalla quale subentrerà il nuovo titolare all'interno dell'azienda, i motivi concernenti la cessione e le conseguenze riguardanti i lavoratori. Dal momento della notifica della comunicazione, i sindacati hanno sette giorni di tempo per richiedere un esame della questione, dopodiché il trasferimento sarà completato. Per trasferire un ramo d'azienda, è necessario che al momento del trasferimento, la parte di azienda da trasferire, sia in quel momento funzionale e autonoma, cioè dotata di un'organizzazione idonea a far sì che l'attività di impresa possa essere correttamente esercitata da parte del titolare subentrante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come vendere le azioni di un'impresa

La vita di un'impresa è caratterizzata dal verificarsi di una serie di vicende che possono avere natura ordinaria o straordinaria: tra queste ultime, vi è la modifica della compagine societaria. Nelle società per azioni, la metodologia applicabile...
Previdenza e Pensioni

Fondi pensione: come fare per trasferimento e riscatto

La crisi economica che si sta protraendo e le ultime riforme in merito di previdenza hanno fatto sì che sempre più persone abbiano deciso di creare dei fondi di pensione alternativi. Purtroppo però, la recessione che non allenta la morsa ha obbligato...
Aziende e Imprese

Le diverse tipologie di società

La società è la forma più diffusa di esercizio collettivo dell'impresa, ovvero lo svolgimento di un'attività economica da parte di varie persone fisiche. Precisamente si tratta di un'organizzazione di individui e beni o servizi coordinata al raggiungimento...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni per giusta causa

Talvolta alcune problematiche personali, motivi di salute o cambi di città, possono indurre a rinunciare al posto di lavoro. Questa azione, rientra nel programma stilato dallo statuto del lavoratore, e si chiama "dimissioni per giusta causa", per cui,...
Previdenza e Pensioni

Portabilità fondi pensioni: linee guida

I fondi pensione sono strumenti finanziari a cui i lavoratori hanno aderito per ottenere una rendita pensionistica alternativa e complementare a quella dell'INPS. Essi sono a gestione privata ed hanno un andamento autonomo sul mercato. Può succedere...
Finanza Personale

Come provvedere agli adempimenti di legge in caso di più libretti di risparmio al portatore

Come districarsi fra le diverse normative che, nel tempo, hanno disciplinato il possesso di titoli di credito al portatore: le tempistiche da seguire, i limiti fissati e le sanzioni previste in caso di inadempienza. In questa guida, in particolare, vedremo...
Richieste e Moduli

Come richiedere il trasferimento delle linea telefonica Telecom

Nel momento in cui ci si trasferisce in una nuova casa, si deve far fronte a diversi cambiamenti. Anzitutto, occorre spostare i contratti luce, acqua e gas presso un nuovo domicilio. Anche la linea telefonica si vede trasferire nella nuova casa e in tal...
Case e Mutui

Come regolarizzare un cambio residenza

Capita nella propria vita di cambiare città o più semplicemente di cambiare abitazione, pur rimanendo nello stesso comune. Nel caso di un trasferimento duraturo si può avere la necessità di cambiare anche l'indirizzo della propria residenza. In questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.