Il contratto d'opera: le caratteristiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il contratto d'opera è quel contratto in forza nel quale "una persona si obbliga a compiere, verso un corrispettivo, un'opera od un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente", proprio come cita l'articolo 2222 del Codice Civile. Nella seguente guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò tutte le principali caratteristiche del contratto d'opera, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie e qualche utile suggerimento su questa particolare tipologia di contratto. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • Conoscenza tecniche di base
37

Il prestatore d'opera e il committente

Innanzitutto, quando viene stipulato tale contratto, entrano in scena due parti fondamentali: il "prestatore d'opera" che è colui il quale dovrà prestare le proprie competenze e capacità lavorative per svolgere l'opera assegnatagli, ed il "committente", che è colui il quale sarà il beneficiario dell'opera stessa, pagando al prestatore una somma di denaro pattuita in precedenza. Una volta effettuata la stipulazione, sorgono alcuni obblighi per le due parti in causa, che dovranno essere assolutamente rispettate per non avere problemi futuri.

47

I compiti delle due figure

Il prestatore d'opera deve procedere all'esecuzione dell'opera a "regola d'arte" (ovvero l'insieme delle tecniche considerate corrette per lo svolgimento di quel dato lavoro e riguarda non solo la sicurezza, la stabilità e l'utilizzabilità dell'opera ma anche la forma e l'estetica) e alle condizioni stabilite dal contratto, in caso contrario il committente può fissare un congruo termine entro il quale il prestatore d'opera deve conformarsi a tali condizioni. Trascorso tale termine inutilmente, il committente ha diritto di recedere e di essere risarcito degli eventuali danni (art. 2224 del Codice Civile).

Continua la lettura
57

Le soluzioni giudiziarie

Successivamente, una volta effettuata la denuncia ha 60 giorni di tempo per agire per via giudiziaria per richiedere una delle seguenti soluzioni: la prima è l'eliminazione dei vizi occulti (ovviamente a spese del prestatore); la seconda riguarda invece la riduzione del corrispettivo stabilito. Inoltre la parte che offre la commissione, può "risolvere il contratto", ovvero rescinderlo, se l'opera risulta essere inadatta. A differenza dell'appalto, che presuppone l'esistenza di una vera e propria impresa, con una vasta organizzazione di mezzi, nel contratto d'opera ciò che viene in rilievo è proprio il lavoro diretto del soggetto che stipula il contratto e dei suoi dipendenti.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come compilare una fattura per una prestazione occasionale

Alcuni individui effettuano prestazioni lavorative occasionali che non raggiungono valori di fatturazioni elevati, tanto da obbligare all'apertura della partita IVA, in questi casi generalmente si ricorre alla fattura per prestazione occasionale la quale,...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare la posizione del collaboratore occasionale che supera il reddito ai fini inps

Se durante l'anno solare un lavoratore che ha un contratto a collaborazione occasionale supera il limite superiore pari a 5.000 € (previsto dalla legge per questa tipologia di reddito), sarà necessario adeguare la posizione anche ai fini INPS (Istituto...
Richieste e Moduli

Come fare una ricevuta fiscale per prestazione di lavoro autonomo

Come vedremo nel corso di questa guida, lo svolgimento di un lavoro autonomo, se occasionale, comporta l'obbligo per il lavoratore di emettere una ricevuta fiscale (nel momento in cui percepisce il suo compenso), senza la necessità di adempiere ad altri...
Aziende e Imprese

Come Incassare In Contanti Il Corrispettivo Per La Vendita Di Beni E Servizi A Clienti Extra Ue

Il Decreto Legge Numero 16 del marzo 2012, meglio noto come decreto fiscale, introduce delle significative novità e delle particolari agevolazioni alle imprese ed ai contribuenti. Una di queste riguarda la circolazione del denaro contante per l'acquisto...
Aziende e Imprese

Regime dei minimi: come fatturare a un cliente estero

Il regime fiscale, che consente ad una ben precisa categoria di persone di diminuire le spese amministrative in modo molto vantaggioso, è il cosiddetto regime dei minimi. Interessa in maggior modo le imprese individuali e quelle professionali. In questa...
Lavoro e Carriera

Come redigere un contratto a progetto

Il contratto a progetto, denominato anche contratto di collaborazione, è un particolare strumento giuridico, predisposto per disciplinare un rapporto lavorativo intercorrente fra due soggetti (il datore di lavoro e il prestatore di lavoro), con cui quest'ultimo...
Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Lavoro e Carriera

Come utilizzare i voucher per lavori brevi

I lavori cosiddetti brevi sono quelli che hanno la durata di un trimestre, un bimestre, un mese, una settimana, un week-end oppure una sola giornata: se siete dei committenti per categorie quali studenti universitari di età inferiore ai 25 anni, lavoratori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.