I permessi per i lavoratori studenti ed il congedo formativo

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La legge stabilisce delle regolamentazioni specifiche, per permettere agli studenti lavoratori, di proseguire gli studi, con un'adeguata formazione universitaria, scolastica e professionale, di pari passo all'attività lavorativa eseguita; in questa guida andiamo a vedere le normative inerenti i permessi e il congedo formativo.

26

Gli studenti lavoratori, non hanno l'obbligo di prestare il lavoro straordinario o svolgerlo durante i turni di riposo settimanali, spettanti; essendo al contempo occupati in una formazione scolastica e lavorativa, devono essere in condizione di poter svolgere entrambe le attività, a maggior ragione il lavoro deve essere organizzato in turni.

36

Per garantire quanto detto, solitamente vengono applicati i contratti collettivi di categoria, che concedono uno stabilito numero di ore, una percentuale di lavoratori che contemporaneamente possono assentarsi per motivi di studi o di esami. Gli studenti lavoratori hanno il diritto a permessi giornalieri retribuiti, nel caso in cui devono sostenere le prove finali d'esame, per conseguire i vari titoli di studi e questo è valido anche per gli universitari. Questo diritto non decade se il lavoratore si è iscritto in un lasso di tempo successivo all'assunzione; in alcuni contratti, i permessi vengono retribuiti anche se il tempo impiegato per raggiungere l'istituto scolastico e la preparazione degli esami, vada ad interferire con l'orario di lavoro.

Continua la lettura
46

Per quanto concerne il congedo, i lavoratori hanno il diritto di proseguire, approfondire e ampliare le proprie conoscenze, per tutta la vita, frequentando corsi e percorsi di formazione professionale, quindi le normative, stabiliscono che il datore di lavoro, è obbligato a permettere sospensioni temporanee per la formazione continua.

56

Ne possono usufruire quei lavoratori studenti che abbiano almeno 5 anni di anzianità di servizio, presso la stessa azienda, richiedendo il congedo per non oltre 11 mesi, con la possibilità di frazionare tale periodo, o goderne continuamente per tutti i mesi spettanti. Durante questi mesi, il lavoratore non perde il posto, ma né la retribuzione né l'anzianità, matura e quindi non viene percepita. Inoltre non è possibile cumularlo con ferie o permessi, tanto meno con la malattia e si interrompe con una grave infermità, purché certificata.

66

Nel caso in cui l'azienda abbia delle esigenze di assoluta presenza da parte del personale, per validi e accertati problemi organizzativi, il datore di lavoro ha il diritto di non concedere il congedo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Le principali caratteristiche del congedo parentale

Nel diritto del lavoro italiano, il congedo parentale o astensione facoltativa, è una forma di previdenza facoltativa che prevede un periodo di astensione dall'attività lavorativa per consentire al lavoratore di adempiere appieno alla sua funzione familiare...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'assegno per il congedo matrimoniale

L'assegno per il congedo matrimoniale è un periodo di congedo (retribuito) di 15 giorni che viene concesso ai lavoratori che si sposano. Una volta fatta la richiesta, questo permesso, può essere utilizzato entro 30 giorni. Questa sospensione dal lavoro...
Lavoro e Carriera

Come richiedere il congedo parentale

Il congedo parentale consiste nel diritto spettante sia alla madre e sia al padre, di godere di un periodo di dieci mesi di astensione dal lavoro, da ripartire tra i due genitori e, da fruire nei primi dodici anni di vita del bambino. C'è da dire che...
Lavoro e Carriera

Il congedo di maternità facoltativo

Oltre alla tipologia di astensione dal lavoro più ricorrente, ovvero il "congedo di maternità obbligatoria", ne esiste una seconda tipologia detta "facoltativa". Il congedo di maternità facoltativo, anche detto "congedo parentale", presenta una serie...
Lavoro e Carriera

Come sfruttare il congedo parentale

Ultimamente in Italia è stata introdotta una novità per i genitori che lavorano (ci si riferisce ai lavoratori dipendenti); infatti, dal 31 gennaio 2013 c'è la possibilità di sfruttare il congedo parentale (un periodo di astensione facoltativa dal...
Lavoro e Carriera

Come chiedere e usufruire del congedo matrimoniale

Il matrimonio è il coronamento del sogno di ogni coppia di innamorati, grazie al quale due persone possono unirsi in un vincolo che li legherà per il resto della loro vita, e con il quale potranno dare vita ad una vera famiglia ed usufruire di alcuni...
Richieste e Moduli

Come chiedere il congedo matrimoniale

Nel mondo del lavoro e nello specifico per i lavoratori dipendenti, si possono ottenere alcune agevolazioni come ad esempio il congedo matrimoniale, ovvero un permesso speciale che può essere concesso ad un impiegato oppure un operaio, che gli consente...
Lavoro e Carriera

Come fare domanda di astensione dal lavoro per esami prenatali

Per le donne è difficile coniugare lavoro e vita privata. La legge, comunque, prevede modi e metodi di tutela della donna in caso di gravidanza: dal diritto all'astensione obbligatoria dal lavoro, detta congedo di maternità, per un periodo di cinque...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.