I gradi nell'Esercito Italiano

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Esercito Italiano è una delle quattro forze armate presenti nel nostro Paese, assieme all'Arma dei Carabinieri, la Marina Militare e l'Aeronautica Militare. Ogni forza armata è un ente a sé stante fondato su un sistema gerarchico. Ognuno ha superiori e sottoposti a cui deve rendere conto o impartire ordini. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustreremo quali sono i principali gradi nell'Esercito Italiano, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie. Approfondiamo quindi, qui di seguito, l'argomento.

26

Macro categorie

Come prima cosa, è necessario sottolineare che la struttura del nostro Esercito è divisa in tre macro categorie: la truppa, i sottufficiali e gli ufficiali. Ognuna di queste categorie si differenzia dalle altre ed è divisa in gradi specifici. Dalla sospensione della leva obbligatoria, ogni grado è rivestito da personale volontario. Tale personale può essere in ferma prefissata (chiamati anche militari di truppa) o in servizio permanente (ossia i graduati, sottufficiali e ufficiali). I gradi dei volontari in ferma prefissata sono tre: Soldato semplice, Caporale e Caporale maggiore.

36

Militari di truppa

Successivamente, il resto dei militari di truppa è in servizio permanente. I suoi componenti sono detti graduati e di questa categoria fanno parte quattro gradi principali: Primo caporale maggiore, Caporale maggiore scelto, Caporale maggiore capo e Caporale maggiore capo scelto. Tra i sottufficiali vi sono i sergenti e i marescialli. Della prima schiera fanno parte anche il Sergente, il Sergente maggiore e il Sergente maggiore capo. I gradi dei marescialli sono invece cinque: Maresciallo, Maresciallo ordinario, Maresciallo capo, Primo maresciallo e Primo maresciallo luogotenente, che è il più alto in grado tra i sottufficiali.

Continua la lettura
46

Ufficiali

Si arriva infine agli ufficiali. Una volta usciti dalla Scuola di Applicazione di Torino, si inizia la carriera di ufficiali inferiori. Essi sono tre: Sottotenente, Tenente e Capitano. Dopo quest'ultimo grado, sulla spallina compare il cosiddetto "castelletto" che rappresenta il rango di ufficiale superiore. Il castelletto seguito da una stella indica il Maggiore, da due stelle il Tenente colonnello e da tre stelle il Colonnello. Alla fine della trafila da ufficiali superiori si accede agli ufficiali generali. Seguendo queste utili e semplici mosse, riuscirete in pochissimo tempo a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sui gradi dell'Esercito Italiano.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

I gradi nella Marina Militare

La Marina Militare è una delle quattro forze armate dello Stato Italiano. Il suo compito è quello di occuparsi delle operazioni navali sia nelle acque nazionali che internazionali. Nata nel 1946 come erede della Regia Marina, la sua organizzazione è...
Lavoro e Carriera

Come diventare ufficiale dell'esercito

Diventare un ufficiale dell’esercito certamente non è alla portata di tutti, basti pensare alle dure prove da superare per poter rientrare in questo ruolo. Ma non solo, è indispensabile avere molto carattere per far fronte alle tante prove anche psico-fisiche...
Lavoro e Carriera

Come diventare sottufficiali della croce rossa militare

Se avete tutte le intenzioni di diventare sottufficiali della Croce Rossa Militare Italiana, seguite questi nostri consigli che vi spiegheranno in linea di massima come e cosa fare per coronare il vostro sogno.Prima di tutto specifichiamo di cosa si tratta:...
Lavoro e Carriera

Come fare l'Incursore dell'Esercito Italiano

L'incursore è una figura d'élite dell'esercito italiano, addestrata per operazioni d'assalto in territorio nemico. Impiegato nelle operazioni più delicate e rischiose, l'incursore è il combattente per antonomasia. Egli è in grado di svolgere efficacemente...
Lavoro e Carriera

Come entrare nel Corpo Militare della Croce Rossa Italiana

Ecco una bella ed interessante guida, attraverso il cui aiuto poter essere in grado d'imparare insieme come e cosa fare per entrare nel modo migliore, nel Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Sarà un modo per rendere unica la propria vita e metterla...
Lavoro e Carriera

Le scuole militari in Italia

In Italia anche le Forze Armate applicano una politica di valorizzazione giovanile, istituendo ogni anno Concorsi Pubblici per l'accesso alle Scuole Militari, indetti sulla Gazzetta Ufficiale 4^ Serie Speciale Concorsi. Le Scuole Militari sono quattro,...
Richieste e Moduli

Come fare la domanda per l'Esercito Italiano

Entrare a far parte dell'Esercito Italiano è l'ambizione di tantissimi giovani, sia uomini che donne, soprattutto a causa della carenza di posti di lavoro che negli ultimi anni sta costringendo tante persone ad oltrepassare i confini del "Bel Paese"...
Lavoro e Carriera

Come Entrare Nei Bersaglieri

Il Corpo dei Bersaglieri, nato da quello dei Granatieri, è per anzianità la seconda specialità dell'Arma di Fanteria, di cui ne costituisce una delle specialità di punta. Le sue unità, tutte meccanizzate, sono dislocate lungo l'intero territorio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.