Guida agli studi di settore

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Per lo Stato, soprattutto in tema di capacità di poter risalire alla giusta tassazione da dover applicare a ciascun contribuente, sono diversi i metodi succedutisi nel corso del tempo. Questi sono stati, sempre nel corso degli anni, molto criticati da parte di rappresentanti di cittadini nonché di teorici politici, che hanno sempre cercato ti proporre giuste e diverse soluzioni, nell'intento di migliorare la tassazione che veniva applicata al contribuente. Fra questi sicuramente un metodo molto preciso è quello degli studi di settore, il quale si basava sullo studio degli introiti medi fatto registrare dai diversi tipi di attività svolte, con lo scopo ultimo di andare a comprendere quanto un singolo individuo andava a guadagnare dalle attività che svolge all'interno dell'ambito lavorativo. Il nostro obiettivo oggi è di spiegarvi come funzionano gli studi di settore e per questo vi sottoponiamo questa nostra guida, sperando vi sia utile. Buona lettura!

24

Le quattro aeree

Gli studi di settore si suddividono in 4 macro aree: servizi, commercio, manifatture, professionisti; da come possiamo vedere si applicano ai possessori di partita IVA indipendentemente dal profilo fiscale o dalla forma giuridica scelta dal contribuente. Il programma utilizzato che raccoglie i dati è il famoso Gerico, al quale contribuiscono all'inserimento dati le associazioni di categoria, i professionisti e tutti i questionari elaborati dai contribuenti che hanno risposto ai moduli inviati dall'amministrazione finanziaria.

34

Ricavi, compensi e volumi di affari

Ricavi, compensi e volumi d’affari, dovrebbero rientrare statisticamente nei cosiddetti e talvolta contestati parametri. I contribuenti che hanno indicato ricavi e compensi più bassi rispetto a quello che risulta dai parametri, potrebbero essere oggetto di controlli e accertamenti. L’agenzia delle entrate in questo caso, prima di iniziare una procedura d’accertamento, convoca il contribuente per avere chiarimenti e per consentirgli di produrre elementi e informazioni che permettano di giustificare l’aver dichiarato guadagni inferiori al minimo consentito, secondo i parametri e gli studi di settore che riguardano la sua categoria.

Continua la lettura
44

Lo scopo dei vari settori

Lo scopo dei vari settori è quello di sviluppare nuovi prodotti e tecnologie a supporto di guadagni di efficienza energetica, come nel mercato della ristorazione commerciale. Sono stati inoltre esaminati, alcuni miglioramenti delle prestazioni settore nel riscaldamento dell'acqua commerciale. È sempre in aumento lo sviluppo degli incentivi, sostenendo programmi di regolamentazione, potenziale RD & D a miglioramenti negli apparecchi di efficienza energetica e nelle prestazioni ad agire come catalizzatore per lo sviluppo dei prodotti. L'obiettivo principale è quello di migliorare le prestazioni e l'efficienza energetica, eseguendo ricerche di flusso-visualizzazione e la pubblicazione di linee guida nella progettazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come ottenere il bonus di ristrutturazione

Secondo le disposizioni della Legge di Stabilità 2016, l’Agenzia delle Entrate ha prorogato le agevolazioni riguardanti i costi energetici ed i costi di ristrutturazione. Si tratta di crediti o sconti di imposta denominati bonus energia e bonus ristrutturazione....
Finanza Personale

Come fatturare con il regime dei minimi

L'articolo 1 commi 54-59 della Legge di Stabilità ha introdotto un nuovo regime contabile applicabile ai lavoratori autonomi con partita Iva. Sebbene non sia obbligatorio e si possa scegliere il regime semplificato o quello ordinario, è bene conoscere...
Aziende e Imprese

Partita IVA regime dei minimi: 5 cose da sapere

Il regime dei minimi è un regime fiscale agevolato. Le vigenti leggi prevedono che le aliquote progressive alla tassazione comune vengano sostituite con l'Irpef in misura del 25% e che si venga esentati dal versare l'Iva. Il regime dei minimi può essere...
Finanza Personale

Guida alle agevolazioni edilizie

Dato il momento di stallo economico in tutti i settori, i governi recenti, stanno tentando di rilanciare il settore edilizio in grave difficoltà. Le banche non concedono più mutui, soprattutto in assenza di solide garanzie, a copertura e molte case...
Finanza Personale

Come mettersi in regola con fisco

Annualmente l'Agenzia delle Entrate invia, a una determinata quota di contribuenti, degli avvisi in merito a delle anomalie riguardati la dichiarazione dei redditi e la non dichiarazione dei canoni di locazione. I soggetti sopracitati vengono richiamati...
Banche e Conti Correnti

Come versare la ritenuta d'acconto

La ritenuta d'acconto è una trattenuta (Irpef o Ires) effettuata su un reddito soggetto a tassazione di un sostituto d'imposta (ex: datore di lavoro, banca, istituto finanziario) e che successivamente sarà versata all'erario. Entro il 28 febbraio di...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Camerun

Il sistema fiscale in Camerun, nel corso degli anni, ha subito numerose riforme da parte del governo al fine di renderlo sempre più semplice, trasparente e modernizzato. A tale proposito, di recente il ministero delle Finanze ha messo a disposizione...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'ecobonus per gli impianti domotici

Dal 1° gennaio 2016, per i contribuenti, è stato è stata estesa la detrazione al 65% IRPEF anche alle spese domotica. Il tutto è stato chiamato "Ecobonus spese domotica 2016".In pratica comprende tutte le spese per gli impianti domotici e i dispositivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.