Esigenze che giustificano la transitorietà del contratto di locazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molte giovani famiglie spesso di trovano nell'impossibilità di poter acquistare una casa: a volte non si dispone del congruo anticipo necessario, altre volte il mutuo sarebbe troppo elevato da sostenere. In questo caso, se si ha l'esigenza di creare un nucleo familiare o semplicemente si ha voglia di indipendenza, il compromesso è quello di prendere una casa in affitto. È bene però prestare sempre molta attenzione a tutte le clausole, visto che esistono molteplici tipologie di contratti di locazione, tra cui quello transitorio. Ecco quindi un'utile guida delle cinque principali esigenze che giustificano la transitorietà del contratto di locazione. Buona lettura e... In bocca al lupo!!

26

Master

Tutte le cause che giustificano la transitorietà di un contratto di locazione vanno opportunamente documentate, pena l'annullamento di tale transitorietà. Tra le cause che possono giustificare questa tipologia di contratto c'è quella dell'effettuazione di un master o di un percorso di studio più breve di quello - ad esempio quinquennale - di una laurea. Se il conduttore (colui che prende in affitto un immobile) sta seguendo un percorso di studi di questo tipo, può valere la clausola di transitorietà.

36

Rapporto di lavoro a tempo

Anche un rapporto di lavoro a tempo, di cui si dovranno fornire gli estremi di regolare contratto di assunzione, può essere una causa che giustifica la transitorietà di un contratto di locazione. La durata minima di questa tipologia di contratto può variare da uno a diciotto mesi.

Continua la lettura
46

Residenza di dipendenti o collaboratori di una ditta

Se per l'esecuzione di un particolare lavoro dei dipendenti o collaboratori di una ditta devono risiedere, per un determinato e breve periodo, in una specifica città o regione, questo può essere un motivo che giustifica la transitorietà del contratto di locazione. Naturalmente è necessario raggiungere un accordo preventivo con il locatore e fornire tutta la documentazione necessaria.

56

Gravi motivazioni del locatore

Può accadere che sia il locatore a richiedere un tipo di contratto di locazione transitorio. Questo può avvenire per gravi e reali motivazioni, appositamente giustificate e sempre di comune accordo con il conduttore. Qualora le esigenze non siano documentate, la locazione transitoria si trasforma automaticamente in ordinaria e restano in vigore le tempistiche previste dalla legge (solitamente quattro anni + quattro).

66

Trasferimento presso altra sede lavorativa

L'ultima tipologia di esigenza che giustifica la transitorietà del contratto di locazione è quella di un trasferimento, per breve periodo, presso altra sede lavorativa, di un dipendente da parte della sua azienda. In questo caso solitamente è l'azienda stessa che provvede alla ricerca di un affitto a tempo, producendo tutta la opportuna documentazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come comunicare la risoluzione del contratto di locazione

Il contratto di locazione è il documentario mediante il quale il locatore (ovvero il proprietario dell'immobile) e l'affittuario (colui che prende in affitto l'immobile) si impegnano a rispettare tutte le clausole trascritte al suo interno. Il contratto...
Case e Mutui

5 tipologie di contratti di locazione residenziali

In Italia esistono ben 5 tipologie di contratti di locazione per fini residenziali. È facile confondersi e non sapere bene quale scegliere. In questa lista troverai indicate tutte le tipologie con le loro caratteristiche ed i loro regolamenti così da...
Case e Mutui

Come risolvere anticipatamente un contratto di locazione

Quando si stipula un contratto di affitto tra il locatario (proprietario dell'immobile) ed il conduttore (persona fisica che occupa il locale) vengono stabilite diverse clausole, tra cui la durata di locazione. Nel contratto vi è un intero paragrafo...
Case e Mutui

Locazione a canone libero: 5 cose da sapere

Il contratto di locazione a canone libero (detto anche 4+4) è stato introdotto dalla legge 431 del 1998 ed è una forma di locazione che prevede che siano il locatore (colui che possiede il bene immobile) e il futuro inquilino (o conduttore) a decidere...
Case e Mutui

Locazione turistica: mini guida sul contratto

Quando si avvicinano le ferie, inizia la corsa agli appartamenti in affitto. Che la vacanza sia di qualche giorno o per un lungo periodo, è essenziale che il contratto di locazione sia chiaro. Esistono infatti norme ed adempimenti che il locatore e l'affittuario...
Richieste e Moduli

Come annullare un contratto di locazione firmato

Un contratto di locazione firmato si può annullare per motivi di diversa natura. Ad esempio si trova un locale più confortevole, oppure ci si deve necessariamente trasferire presso una nuova abitazione. Se l'immobile si trova in affitto, si può decidere...
Case e Mutui

Mancata restituzione deposito cauzionale locazione: cosa fare

Ogni volta che si prende in affitto una casa o comunque un immobile, il locatore, cioè il proprietario dell'immobile, richiede un deposito cauzionale di locazione da parte del conduttore, che sarebbe l'affittuario. Tale deposito cauzionale deve essere...
Case e Mutui

Come verificare la registrazione di un contratto di locazione

Il contratto di locazione è quel contratto con cui il proprietario di un immobile concede in locazione, o come comunemente si dice "in affitto", una casa, un appartamento o altro locale, al conduttore (cioè l'inquilino). I contratto di locazione affinché...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.