Errori da evitare durante un discorso pubblico

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nei rapporti sociali, soprattutto se rivolti ad un numero indeterminato di ascoltatori bisogna sempre seguire dei parametri generali che permettano l'ascolto e la comprensione alla maggior fascia possibile rispetto il numero totale dei potenziali ascoltatori. Per questo motivo risulta essenziale definire un programma accurato e dettagliano secondo specifiche linee guida. In questa occasione vedremo quali sono i principali errori da evitare in un discorso pubblico. Detto ciò non mi rimane che augurarvi buona lettura!

26

Trascurare la tipologia di destinatari

Quando siete in procinto di rivolgervi ad un gruppo indeterminato di persone fate sempre riferimento al contesto che è oggetto del vostro discorso. Immaginate sempre di rivolgervi ad un destinatario "tipo" ed evitate di introdurre discorsi pensati senza destinatario, come se chiunque abbia l'obbligo di capirci immediatamente.

36

Non curare la terminologia

Ogni volta che affronterete un discorso, vi accorgerete che il contesto logico e verbale sarà terreno alquanto delicato laddove sarete costretti ad introdurre tematiche tecniche, scientifiche o giuridiche ad esempio. Sarà quindi pure importante utilizzare la terminologia appropriata.

Continua la lettura
46

Non aggiornarsi sulle novità di categoria

È assolutamente evidente che ogni discorso portato all'ascolto di centinaia di persone, se non migliaia, dev'essere quanto di più aggiornato possibile, considerato che molti saranno preparati sui temi dibattuti, è necessario non cadere in errore, e formare un discorso che sia preparato di una ferrea difesa alle possibili critiche.

56

Non prendere posizione

Una errore molto frequente è quello di mantenere una posizione imparziale durante il discorso. Cercate sempre di portare avanti la vostra tesi, il vostro compito è quello di catturare il pubblico, convincendoli e motivandoli rispetto al vostro pensiero.

66

Utilizzare toni neutrali

Nel dialogo non può mai mancare la componente del pathos, e cioè il tono, l'intensità con cui portiamo avanti le nostre tesi e le nostre opinioni. Per quanto può sembrare banale ad alcuni, è invece importantissimo mantenere un certo tipo di toni durante un discorso piuttosto che in un altro. Ad esempio, un discorso di natura tecnica o scientifica assumerà dei toni formali e quanto più contenuti, vertendo specialmente su dati obbiettivi che è possibile evincere dalle ricerche condotte; in un ambito come quello giuridico o politico è vero il contrario, e il tono può accendersi o placarsi a seconda del momento in cui parliamo con la strumentalità dovuta e diretta a catturare l'attenzione di chi ci ascolta e coinvolgerlo nel nostro pensiero, fino a permettere a chi ci ascolta di condividerlo in pieno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

10 trucchi per parlare in pubblico

Affrontare una platea non è facile. Parlare in pubblico richiede spigliatezza e una certa dose di esperienza. Contrariamente a quanto si pensa infatti, parlare in pubblico non è un dono di natura. Si tratta piuttosto di un'abilità che si può facilmente...
Lavoro e Carriera

10 errori da evitare nel parlare in pubblico

Quando si deve tenere una conferenza e si deve parlare in pubblico davanti a centinaia di persone, è importante non avere alcun timore, essere pronti ad affrontare qualsiasi argomento, domanda ed evitare degli errori che spesso possono compromettere...
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Uno dei problemi italiani odierni è quello del contratto a tempo indeterminato. Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato...
Lavoro e Carriera

5 caratteristiche del contratto a tempo indeterminato

La crisi economica di questi ultimi anni ha portato diverse aziende alla chiusura; a sua volta, questo ha determinato la perdita di numerosi posti di lavoro. Molte persone si sono trovate senza un'occupazione, accettando successivamente nuove forme di...
Lavoro e Carriera

Come stipulare un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Se un dipendente viene impiegato su 2 o più contratti successivi a tempo determinato in servizio continuo per un periodo di 4 anni, i dipendenti hanno diritto a un contratto a tempo indeterminato. Il datore di lavoro può giustificare la concessione...
Lavoro e Carriera

Il contratto a tempo indeterminato: caratteristiche

Quando si viene assunti occorre conoscere la tipologia di contratto di lavoro che si stipula con l’azienda. I più diffusi sono 3: contratto a tempo indeterminato (in sostanza non vi è una scadenza del rapporto lavorativo), a tempo determinato (quando...
Aziende e Imprese

5 regole d'oro del telemarketing

Il telemarketing è da anni la pratica più diffusa con cui le aziende cercano nuovi clienti, pubblicizzano i propri beni o servizi e tentano di ampliarne la vendita. Tuttavia le attività di telemarketing non sempre portano ai risultati sperati. La percezione...
Lavoro e Carriera

Contratto di somministrazione: come funziona

Il contratto di somministrazione è stato introdotto per la prima volta in Italia nel 2003 a seguito dell'approvazione della Legge Biagi. Quest'ultima è stata emanata per sostituire un altro contratto di lavoro, ossia quello interinale previsto da una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.