Coworking: regole di convivenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione ed è per questo motivo che si può assistere ad uno sviluppo di nuove figure professionali e nuovi spazi di lavoro, come, ad esempio, il coworking. Il coworking è un termine utilizzato per delineare un nuovo ambiente di lavoro, dove start-up o liberi professionisti condividono uno stesso spazio, pur non facendo parte della stessa organizzazione. Nei passaggi successivi elencheremo le modalità e le norme che regolano questo nuovo stile di lavoro. Pronti per iniziare? Si parte: coworking: regole di convivenza.

26

Condividere

Per un buon funzionamento di coworking, occorre condividere. Si condivide, pertanto, non soltanto un ufficio o uno spazio, ma anche i vari strumenti di lavoro. La condivisione, infatti, è il punto cruciale affinché il Coworking possa avere successo nel medio e lungo termine. Tutto ciò, ovviamente, deve avvenire del rispetto reciproco di ogni persona che aderisce a tale progetto. Il che significa non arrecare disturbo agli altri e non impossessarsi indebitamente degli strumenti comuni. Inoltre per una condivisione efficace ed efficiente, bisogna anche dimostrarsi disponibili nell'aiutare, mediante le proprie conoscenze, gli altri coworkers.

36

Collaborare

Chi aderisce al coworking deve sapere che è importante contribuire alla crescita della "comunità" di coworkers. In che modo? Dimostrandosi collaborativi e unendo le forze. Solo così facendo, è possibile creare nuove alleanze e istituire nuove sinergie per progetti e collaborazioni in comune.

Continua la lettura
46

Contribuire

Chi vuol far parte di questo nuovo stile di lavoro, deve tenere in mente i valori del coworking. Tra questi, c'è, senza ombra di dubbio, il dovere di contribuire. Si contribuisce, per esempio, in modo finanziario, pagando una piccola somma per poter usufruire degli spazi e i servizi a disposizione e in modo organizzativo: prendendosi cura delle zone comuni. Quest'ultime, infatti, devono essere pulite e ordinate.

56

Coordinare

Per una pacifica convivenza, occorre sapere che tavoli e postazioni non sono personali. Si possono però prenotare le aule adibite ai colloqui o alle riunioni. In questo caso, è necessario coordinare al meglio le attività di ciascun professionista, stabilendo e aggiornando un calendario condiviso.

66

Connettere

Il coworking funziona quando le persone rispettano i valori e le norme di convivenza precedentemente descritte. Per far ciò, occorre che i coworkers siano connessi tra di loro, creando sin da subito un gruppo di professionisti in grado di confrontarsi, scambiandosi idee e consigli sul miglioramento della loro attività e del coworking stesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

5 motivi per puntare sul coworking

Fino a qualche tempo fa chi svolgeva lavoro da casa o era un libero professionista, capitava che non aveva un luogo fisso dove lavorava, negli ultimi però è stato realizzato il coworking, Esso non è altro che uno stile di lavoro che va a radunare persone...
Lavoro e Carriera

Ufficio condiviso: i 5 vantaggi del coworking

Nei tempi odierni, il mondo del lavoro sta lasciando ampio spazio ad una più innovativa e peculiare modalità di svolgimento dell'attività lavorativa, ovvero la possibilità di condividere il proprio spazio di lavoro con altre persone, svolgendo le...
Lavoro e Carriera

Coworking: i vantaggi per i lavoratori

Coworking: che cos'è? La parola suggerisce l'attività del co-operare o più letteralmente del ''lavorare insieme''. Allora è un tipo di azienda? Sembra, ma non lo è. Le aree adibite al coworking hanno il classico aspetto di un ufficio, sono piene...
Lavoro e Carriera

5 motivi per scegliere il coworking

Con il termine coworking si intende un processo di lavoro più adeguato ai lavoratori, che diviene più confortevole nei loro confronti. Grazie a questa tipologia di lavoro si è potuto raggiungere un ottimo livello di produzione: non vi è più la presenza...
Lavoro e Carriera

5 lavori da remoto

Nell’era digitale il lavoro da remoto è diventato uno degli strumenti più richiesti dai professionisti.Oggi il mondo del lavoro è cambiato e bisogna essere al passo con i tempi. L'era digitale 2.0 ha fatto nascere startup e coworking che hanno cambiato...
Lavoro e Carriera

Come gestire la difficile convivenza con un collega

Non c'è niente di peggio di dover affrontare una giornata di lavoro e dividere la scrivania con un collega che ci è decisamente poco simpatico. La convivenza con i colleghi non è sempre facilissima da gestire, anzi, molto spesso siamo costretti a lavorare...
Finanza Personale

Come dividere le spese con un coinquilino

Oggigiorno convivere in una casa o un appartamento con altre persone, anche al di fuori della propria famiglia, rappresenta una necessitá oltre che una scelta. Condividere affitto e relative spese permette a giovani e meno giovani (separati o occupati...
Case e Mutui

Come subentrare in una casa popolare

Al giorno d'oggi sempre più persone fanno richiesta per potere entrare negli edifici di edilizia popolare, più semplicemente chiamate case popolari. In italia questi edifici sono spesso soggetti ad una situazione di sovraffollamento e non sono rari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.