Contratto di lavoro intermittente o a chiamata: come funziona

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Alcune aziende ed enti privati si avvalgono di lavoratori con contratto di lavoro intermittente o a chiamata in occasione di eventi speciali. A volte, in determinate occasioni e orari, quando l'attività ha bisogno di personale in più, si rivolge ad alcune agenzie di lavoro interinale o al collocamento della Provincia. I dipendenti a contratto di lavoro o a chiamata rimangono in attesa fino a quando non vengono chiamati a lavorare. Le loro esigenze variano notevolmente a seconda della natura della prestazione e piuttosto che pagare le spese per l'assunzione del personale, quando non sono necessarie, molti datori di lavoro preferiscono prolungare l' orario di lavoro. Ci sono delle normative e un regolamento in cui si contemplano gli obblighi e i vincoli che ha l'azienda e il lavoratore che deve essere comunque tutelato anche in caso di malattia o di infortunio. In questa guida, ci occuperemo di spiegarvi come funziona esattamente il contratto di lavoro intermittente o a chiamata.

28

Occorrente

  • Contratto di lavoro
38

Rapporto di lavoro subordinato

Il presupposto indispensabile del lavoro intermittente o a chiamata è che si tratta di un rapporto di lavoro subordinato, mentre sono le parti a stabilire che il lavoratore si presenti in giorni fissi e determinati, o solamente nel caso in cui venga chiamato dal datore di lavoro. Nel caso in cui si scelga che il dipendente debba presentarsi soltanto dietro specifica richiesta, le parti possono stabilire che venga corrisposta anche un'indennità di chiamata. Si tratta di una retribuzione oraria di importo minimo che spetta al lavoratore, dal momento che si rende reperibile e lo stesso dev'essere pronto per essere convocato e rivestire il ruolo che necessita all'azienda.

48

Limiti di età

Non possono accedere a questa tipologia di contratto le pubbliche amministrazioni e tutti i datori di lavoro che abbiano effettuato licenziamenti negli ultimi sei mesi o i cui dipendenti si trovino in cassa integrazione. I lavoratori, per poter usufruire di questo contratto devono rispettare alcuni requisiti: innanzitutto è necessario che abbiamo meno di 25 anni di età e devono essere disoccupati, oppure devono avere più di 45 anni, ma possono anche essere pensionati.

Continua la lettura
58

Numero di ore e modalità

Il contratto viene stilato tra datore di lavoro e dipendente e in esso devono comparire chiaramente le indicazioni relative alla tempistica e alla modalità di chiamata: è quindi indispensabile indicare se il lavoro deve essere svolto in un periodo determinato o se ci si limita alla chiamata nei momenti di necessità. Non deve mancare l'indicazione relativa al numero di ore giornaliere (settimanali o mensili) e se si decide di corrispondere l'indennità di disponibilità. Va specificato anche il trattamento economico, che prevede una cifra minima lorda all'ora.

68

Limiti del lavoro intermittente

Se il lavoratore accetta di lavorare soltanto dietro chiamata non può rifiutarsi al momento dell'appello e il datore può considerare risolto il contratto qualora egli non accetti. Per quel che riguarda l'indennità di chiamata, invece, il lavoratore può scegliere se versare dei contributi volontari calcolati sul suo importo. Chiaramente questo tipo di lavoro ha i suoi limiti e i suoi vantaggi. Il contratto di lavoro intermittente, è ammesso per ciascun lavoratore per un periodo complessivo non superiore alle 400 giornate di lavoro effettivo. Dopo questo limite l'azienda è costretta ad assumere il lavoratore. I vantaggi sono soprattutto per l'azienda che contiene i costi e che si avvale di questo tipo di lavoro. Per il lavoratore c'è solo l'instabilità e la precarietà ma anche dei fondamentali diritti. Con il lavoro a chiamata intermittente il lavoratore ha diritto, infatti, anche alla maternità, all'indennità di disoccupazione ed eventuali assegni per il nucleo familiare.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Questa tipologia di contratto non è valido per i lavoratori della pubblica amministrazione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

I rapporti di lavoro subordinato speciali

I rapporti di lavoro subordinato speciali si caratterizzano per particolari peculiarità che li contraddistinguono dai tradizionali rapporti di lavoro subordinato a tempo pieno ed indeterminato. Se ti stai chiedendo come funzioni una tale tipologia contrattuale,...
Aziende e Imprese

Infortunio: come calcolare l'integrazione a carico dell'azienda

In qualunque azienda ci si trovi, può capitare di assistere ad un infortunio sul lavoro, oppure di esserne vittima. Molto spesso, ciò si verifica per ragioni differenti, come una scarsa sicurezza messa a disposizione dall'azienda o la presenza di attrezzature...
Lavoro e Carriera

Conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo

Il licenziamento singolo, può far incorrere il datore di lavoro in alcune particolari sanzioni, se ciò avviene in modo illegittimo e senza una giusta causa. In questa guida, vediamo nel dettaglio quali sono le conseguenze sanzionatorie del licenziamento...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Lavoro e Carriera

Come si calcola la liquidazione del TFR

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) chiamato anche liquidazione, è un compenso che viene corrisposto al lavoratore in maniera differita, ossia alla cessazione del rapporto di lavoro. Per questa ragione l'accantonamento annuo del TFR viene considerato...
Previdenza e Pensioni

Tutela sanitaria per badanti e colf

Le figure professionali della badante e colf sono sempre più diffuse e, giustamente devono essere tutelati anche dal punto di vista assistenziale. Per questo motivo, il momento in cui è stato sottoscritto il contratto nazionale per i lavoratori domestici,...
Finanza Personale

Come calcolare l'indennità di malattia

L'indennità di malattia è un risarcimento in denaro riconosciuto ai lavoratori quando questi sono impossibilitati, a causa di una malattia, ad assolvere ai loro doveri lavorativi. L'indennità di malattia è a carico dell'INPS e non è un diritto di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.