Contratto a progetto: come dare le dimissioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella del cosiddetto contratto a progetto. Tra le diverse tipologie di collaboratori, si va da quelli indipendenti ai subordinati, passando per quelli che lavorano con contratti a progetto, detti parasubordinati. In questa guida vedremo come fare per poter dare le dimissioni con contratto a progetto.

26

Occorrente

  • Contratto
  • Lettera di dimissioni.
36

Cos'è il contratto a progetto

Il contratto di lavoro a progetto è molto chiaro e semplice: esso presenta di individuare facilmente tutte le situazioni che si potranno verificare. In base alla legislazione, il contratto per un lavoratore subordinato prevede sempre la durata del contratto e soprattutto il compenso. Questo tipo di contratto prevede che il lavoratore individuato lavori su di un ben determinato progetto e che debba portarlo a termine. Questo significa che suddetto contratto si risolverà allorquando il lavoro del progetto in questione verrà terminato. Questo tipo di collaborazione deve avere una durata di almeno trenta giorni, e nel caso di decadenza del progetto, si potrà considerare la collaborazione a tempo indeterminato.

46

Il compenso

Generalmente essendo la durata del contratto piuttosto breve, il compenso sarà mediamente basso, a meno che l'imprenditore non abbia richiesto delle competenze molto specifiche tali da giustificare un compenso più alto. Quindi la prima possibilità per interrompere il rapporto di lavoro è sicuramente quella di attendere la scadenza del contratto. Un'altra via potrebbe essere quella di appellarsi al compenso giudicato inadeguato in confronto alla tipologia di lavoro che si è chiamati a svolgere. In questo sarà necessario rileggere attentamente il contratto che si è sottoscritto, e presentare una lettera di dimissioni, all'interno della quale è obbligatorio indicare le motivazioni che ci hanno portato a tale scelta. La lettera va ovviamente firmata.

Continua la lettura
56

Il preavviso

Generalmente per questa tipologia di contratti, non dovrebbe essere necessario dare alcun tipo di preavviso, tranne che non sia espressamente richiesto all'interno del contratto. Qualora il nostro datore di lavoro dovesse fare problemi e non accetti la situazione, potrà essere necessario, con una copia del contratto, rivolgersi al sindacato di categoria per avere un consulto. Relativamente alla data e quindi alle tempistiche, nel caso in cui si spedisca la lettera per posta tradizionale o certificata, farà fede la data del timbro posta e/o ricevuta elettronica. Se invece avete consegnato la lettera brevi mano, sarà necessario richiedere una copia della letta controfirmata come ricevuta della consegna.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provate a spiegare con sincerità le vostre motivazioni, potreste rimanere in buoni rapporti con il vostro ex datore di lavoro

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come e dove convalidare le dimissioni

Da alcuni anni, la legge italiana presenta l'obbligo di convalida delle dimissioni. Si tratta di un'onere che riguarda sia le dimissioni rassegnate in maniera spontanea dal lavoratore, sia le risoluzioni contrattuali lavorative consensuali. La regolamentazione...
Lavoro e Carriera

Come e quando consegnare una lettera di dimissioni

Di questi tempi è difficile trovare il coraggio di presentare una lettera di dimissioni, eppure quando si presentano alcune circostanze particolari, diventa purtroppo inevitabile. In questi casi, la legge italiana, riconosce al lavoratore il diritto...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni per giusta causa

Talvolta alcune problematiche personali, motivi di salute o cambi di città, possono indurre a rinunciare al posto di lavoro. Questa azione, rientra nel programma stilato dallo statuto del lavoratore, e si chiama "dimissioni per giusta causa", per cui,...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a progetto

I contratti a progetto sono delle tipologie di accordi tra lavoratori e datori di lavoro molto frequenti ma nello stesso tempo costituiscono dei contratti che non danno molte garanzie al lavoratore che presta servizio presso l'azienda a tempo determinato...
Aziende e Imprese

Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni

In questa guida vengono fornite le indicazioni che permetteranno di rappresentare correttamente, in contabilità generale, le movimentazioni collegate alla cessazione delle prestazioni lavorative fornite del personale dipendente. Il rapporto di lavoro...
Lavoro e Carriera

Come scrivere la lettera di dimissioni

Spesso nell'arco della vita lavorativa di una persona, può capitare l'eventualità di dover presentare una lettera di dimissioni. I motivi, che portano ad alla scelta di lasciare, il posto di lavoro possono essere molteplici. Ma qualsiasi siano le cause...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.