Congedo per paternità: come inoltrare la domanda all'Inps

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Molte persone credono che, quando si diventa genitori, tutti i benefici previsti dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e quindi dalle relative aziende dislocate sul territorio nazionale spettino esclusivamente alla madre. Da qualche anno invece, per uniformarci agli altri paesi europei, esiste anche il congedo per paternità, ovvero l'astensione al lavoro usufruibile anche da parte del padre. In Italia i congedi per maternità e paternità sono regolamentati da un Decreto Legislativo dell'anno 2001 e più precisamente il n. 151 del 26 marzo 2001. In questa guida scopriremo insieme come inoltrare la domanda all'Inps per il congedo di paternità.

27

Occorrente

  • Connessione internet
  • Pin dispositivo Inps
  • Moduli compilati da presentare a caf o patronati
37

Innanzitutto è importante sapere che il padre può usufruire del congedo per paternità solo in alcuni casi specifici e ben chiariti sul sito internet dell'Inps. Essi sono circostanze tragiche come morte o grave disabilità della madre, oppure il caso in cui la madre abbia abbandonato il neonato, oppure ancora qualora un giudice abbia affidato completamente il bambino alla figura paterna. Inoltre, il padre può beneficiare del congedo di paternità anche nei casi in cui la mamma del bambino sia una lavoratrice autonoma e non dipendente, oppure in caso di rinuncia totale o parziale della madre al suo congedo di maternità, attestata e certificata con apposito modulo scaricabile dal sito dell'Inps.

47

I congedi per paternità si differenziano tra obbligatori e facoltativi e si potranno trovare tutte le informazioni necessarie sul sempre aggiornato sito internet dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. È sempre opportuno inviare tutta la documentazione e la modulistica richiesta prima dell'inizio della fruizione dei giorni di congedo e comunque entro il quinto mese dalla data di nascita del bambino. Ecco le tre modalità per inoltrare la domanda del congedo per paternità all'Inps.

Continua la lettura
57

La prima modalità è probabilmente quella più semplice, che può essere effettuata anche comodamente da casa: si tratta dell'invio telematico tramite il portale web dell'Inps. Per inviare la domanda di congedo per paternità via web è però imprescindibile possedere preventivamente il codice dispositivo Inps, che permette appunto l'invio di molte domande anche online. In alternativa la domanda può essere presentata rivolgendosi al contact center telefonico al numero 803164, oppure ancora presentandosi presso il proprio Caf o patronato di fiducia e chiedendo l'invio della stessa.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate di inoltrare la domanda prima dell'inizio del congedo per paternità
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Lavoro e Carriera

Come richiedere on line la maternità

Il congedo di maternità o la maternità obbligatoria rappresenta quel periodo nel quale una madre lavoratrice deve obbligatoriamente astenersi dal proprio lavoro. Il periodo in questione dura cinque mesi, e generalmente comprende due mesi precedenti...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità facoltativa

Quando una lavoratrice è in dolce attesa segue, su indicazione del suo medico, un fitto protocollo di analisi e visite di controllo, per monitorare lo sviluppo del bambino. Ma è necessario che sia informata su diritti e doveri che le spettano e, soprattutto,...
Lavoro e Carriera

Maternità obbligatoria: 5 cose che devi sapere

Con il concetto di maternità obbligatoria, chiamato anche congedo della maternità, ci si riferisce a quel particolare periodo in cui una donna, madre lavoratrice, è obbligata ad astenersi dal posto di lavoro. Come vedremo nel corso di questa guida,...
Lavoro e Carriera

Come richiedere il congedo parentale

Il congedo parentale consiste nel diritto spettante sia alla madre e sia al padre, di godere di un periodo di dieci mesi di astensione dal lavoro, da ripartire tra i due genitori e, da fruire nei primi dodici anni di vita del bambino. C'è da dire che...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità anticipata

Per le donne durante il periodo di gravidanza, è sicuramente fastidioso recarsi al lavoro, perché molte aziende non riescono a concedere il periodo che spetta da dedicare alla maternità. In realtà secondo la legge, deve essere assolutamente previsto...
Richieste e Moduli

Come fare la domanda di maternità

Le lavoratrici dipendenti in possesso dei requisiti richiesti, fortunatamente, riescono ad avere particolari diritti. Se si dovessero considerare i vari avvenimento in cui la donna risulta avere dei diritti, c'è sicuramente la domanda di maternità....
Richieste e Moduli

Come richiedere i benefici della maternità

Le donne in dolce attesa possono usufruire di un'indennità economica messa a disposizione dall'INPS. Questi benefici riguardano le lavoratrici che devono assentarsi dal lavoro a causa della gravidanza. La legge che disciplina i congedi e permessi di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.