Come versare la ritenuta d'acconto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La ritenuta d'acconto è una trattenuta (Irpef o Ires) effettuata su un reddito soggetto a tassazione di un sostituto d'imposta (ex: datore di lavoro, banca, istituto finanziario) e che successivamente sarà versata all'erario. Entro il 28 febbraio di ogni anno successivo il sostituto d'imposta emetterà una certificazione dei redditi corrisposti nell'anno precedente e per i quali è stata versata la ritenuta d'acconto; e anche il cosiddetto "percepiente" allegherà questa certificazione alla sua dichiarazione dei redditi e gli importi già versati al fisco andranno portati in detrazione dal totale delle imposte sul reddito derivanti dalla dichiarazione. I compensi che sono soggetti a ritenuta d'acconto sono: redditi da lavoro autonomo, redditi da lavoro dipendente, redditi da capitale, altri redditi (assicurazioni sulla vita, interessi e premi) e plusvalenze soggette a imposta sostitutiva. Esistono molteplici valori di ritenute d'acconto; per quanto riguarda i lavoratori autonomi la ritenuta da versare è pari al 20% dell'imponibile, mentre esistono deroghe per particolari categorie, come ad esempio gli agenti che hanno una ritenuta del 23% sul 50% delle provvigioni maturate. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti è il datore di lavoro che si configura come sostituto d'imposta.

25

Il versamento delle ritenute d'acconto va effettuato attraverso il modello F24. Questo modello dev'essere utilizzato da tutti i contribuenti (sia titolari che non di partita IVA), per versare premi, contributi e tributi. La compilazione può avvenire sia telematicamente che in modo cartaceo. Per la prima opzione dovrete essere iscritti correttamente al sito dell'Agenzia delle Entrate, questa opzione è inoltre obbligatoria per tutti i possessori di partita IVA; mentre per il modello cartaceo dovrete produrre 3 copie identiche da consegnare. Il termine previsto per il versamento è il 16 del mese successivo alla data di liquidazione del compenso. Vediamo ora come si compila correttamente il modello F24 e quali sono le opzioni disponibili per il pagamento.

35

Il modello F24 è suddiviso in varie sezioni in base alle imposte che dovranno essere versate. Difatti i versamenti per Irpef, Ires, IVA e tutte le ritenute verrà utilizzata la sezione denominata "erario"; per versamenti regionali si utilizzerà la sezione "regioni" ed infine per i versamenti comunali utilizzeremo la sezione "Imu ed altri tributi locali". La prima sezione che va compilata in ogni modello è la sezione "contribuente" dove vanno indicati i dati di chi effettua il versamento corredati da C. F. Dati anagrafici e dati sul domicilio fiscale. All'interno di ogni sezione troveremo diverse colonne tra cui: la colonna "codice tributo" che fornisce all'erario l'esatta indicazione di cosa state versando, ogni tributo ha infatti un codice univoco (il link vi porta al sito dell'Agenzia delle Entrate in cui potete trovare la tabella con tutti i codici tributo suddivisi per ordine alfabetico, codice crescente ed elementi identificativi), la colonna "anno/periodo di riferimento dove andrà riportato, con codice a 4 cifre, l'anno d'imposta della ricevuta da pagare ed infine le colonne "importi a debito versati" e quella relativa ai crediti dove andranno inseriti gli importi della ritenuta che verserete e i crediti a cui siete soggetti. È importante sapere che i tributi che hanno lo stesso codice tributo vanno sommati tra di loro. Fatto questo non resterà che compilare i totali a saldo e apporre la propria firma.

Continua la lettura
45

Infine non ci resta che pagare il modello F24. Per il pagamento avrete a disposizione due opzioni tra cui scegliere; se siete registrati ai servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate potrete effettuare la compilazione, l'invio e il pagamento direttamente dal loro sito, ripeto che questo metodo è obbligatorio per i possessori di partita IVA; ma per seguire quest'opzione dovrete necessariamente essere titolari di un conto bancario o postale da collegare al vostro account per i pagamenti. La seconda possibilità è quella di recarsi presso lo sportello della vostra banca o presso un qualsiasi ufficio postale con tre copie dell'F24 cartaceo già compilato ed effettuare così il pagamento in contanti oppure con addebito su conto corrente bancario.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare la ritenuta d'acconto

Sempre più spesso, nell'ambito lavorativo professionale, si sente parlare di ritenute d'acconto, ma questo argomento abbraccia quasi tutte le realtà lavorative regolari italiane in quanto è una vero e proprio anticipo di pagamento voluto dallo stato...
Finanza Personale

Come recuperare le tasse di una ritenuta d'acconto

Se si è un freelance e non si ha la partita IVA la maggior parte dei servizi vengono erogati dietro pagamento con ritenuta d'acconto. Essa, come tutti i contratti commerciali, comporta il pagamento delle tasse. La ritenuta che si applica su compensi...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Le Royalties

Le royalties sono diventate una realtà che, grazie all'aumento di brevetti e invenzioni, va sempre più diffondendosi nei giorni nostri. Questo termine sta a indicare i corrispettivi che vengono pagati a tutti coloro che possiedono un brevetto o una...
Finanza Personale

Come leggere i dati contenuti nel Cud

Ogni anno nel mese di febbraio e precisamente entro il giorno 28, il datore di lavoro o un ente pensionistico pubblico o privato, consegna al proprio dipendente il modello Cud (Certificato Unico Dipendente). Inizialmente veniva inviato in formato cartaceo,...
Aziende e Imprese

Come emettere fattura nel regime dei minimi

La fattura è un documento che attesta una vendita. Questa può avere varie natura e viene emessa attestando numerazione, descrizione, natura, qualità e la quantità delle merci. Per poi potere elencare nella parte tabellare il prezzo unitario, complessivo,...
Richieste e Moduli

Come pagare le imposte con il modello F24

La burocrazia nel nostro paese è una prassi che mette in difficoltà tantissimi cittadini, i quali sono costretti a fare salti mortali per venirne a capo senza incorrere in sanzioni o comunque ricevere provvedimenti simili. Uno dei campi più complicati...
Aziende e Imprese

Come dichiarare guadagni Google Adsense

L'attivazione di un account su Google Adsense e il conseguente inserimento di inserzioni pubblicitarie all'interno di siti Web o blog può darvi l'opportunità di guadagnare una discreta somma di denaro. Tuttavia, sappiate che dovete sottoporre tutte...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Giamaica

In questa guida ci occuperemo di come funziona il sistema fiscale in Giamaica. Come sappiamo, ogni Stato ha un suo sistema fiscale che comprende l'insieme della tassazione che incombe sul sui contribuenti. Come nella maggior parte degli Stati anche in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.