Come versare la gestione separata Inps

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Tutte le attività lavorative da cui si genera reddito per la precisione superiore ai 5000 euro, richiedono l'obbligo di versare i contributi previdenziali. Nello specifico si tratta di pagare in percentuale quanto percepito, e ciò può avvenire in forma privata se si tratta di alcune categorie come medici, avvocati, giornalisti che hanno una cassa specifica, oppure con la cosiddetta gestione separata INPS per tutte le altre di liberi professionisti. In riferimento a questi ultimi, ecco una guida in cui sono elencate le modalità su come versare i contributi.

24

Innanzitutto è importante sapere che per determinare il reddito imponibile, bisogna rifarsi al quadro RE della dichiarazione dei redditi, dove viene indicato quello netto percepito nell'anno precedente. Questo dato si rivela fondamentale, per poter poi calcolare l'aliquota che riguarda i minimali da versare, sotto forma di contributi all'ente previdenziale.

34

Per spiegare nel dettaglio come avviene il calcolo delle somme da versare all'INPS per la gestione separata, facciamo un esempio. Se un soggetto percepisce un reddito netto di 10000 euro, quindi superiore alla soglia minima dei suddetti 5000, sui restanti va applicata l'aliquota del 27% che varia anche se di poco ogni anno. In questo caso, il soggetto dovrà versare un importo pari a 1350 euro. La somma va pagata in due rate che corrispondono alla scadenza Irpef, ossia il 15 giugno senza maggiorazione, mentre il 16 luglio con la maggiorazione dello 0,40%. Per quanto riguarda il saldo, si versa invece il 30 novembre, ed in entrambi i casi utilizzando il modello F 24. Inoltre è doveroso aggiungere che per la prima scadenza ovvero quella dell'acconto, l'importo da pagare può essere rateizzato fino ad un massimo di 5 rate, di cui l'ultima deve coincidere con il versamento per intero del saldo.

Continua la lettura
44

Il modello F24 essendo in questo caso redatto dal contribuente che ha una partita IVA, va pagato online oppure a mezzo banca, e solo con l'addebito in conto e non in contanti. Inoltre nel modello stesso bisogna compilare l'apposita sezione INPS, indicando in sequenza il codice della sede di appartenenza che corrisponde alla residenza anagrafica del soggetto, la causale del contributo, la matricola INPS, il periodo di riferimento e l'importo relativo. A margine, possiamo dunque asserire che i contributi della gestione separata INPS, hanno solo due scadenze annue come riportato nel passo precedente di questa guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come iscriversi all'Inpgi

L'Inpgi è l'acronimo di Istituto Nazionale Previdenza Giornalisti, e si occupa, come specificato nel nome, della previdenza per la classe lavorativa dei giornalisti, siano questi professionisti o pubblicisti e dipendenti o freelance. Quel che importa...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare la posizione del collaboratore occasionale che supera il reddito ai fini inps

Se durante l'anno solare un lavoratore che ha un contratto a collaborazione occasionale supera il limite superiore pari a 5.000 € (previsto dalla legge per questa tipologia di reddito), sarà necessario adeguare la posizione anche ai fini INPS (Istituto...
Previdenza e Pensioni

Dis-Coll: cos'è e come funziona

La Dis-Coll è l'indennità di disoccupazione concessa ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinato e continuativo (più conosciuti come co. Co. Co. E co. Co. Pro.) istituita all'art.15 del Decreto di attuazione del Jobs act n.22/2015. Questa...
Previdenza e Pensioni

Come controllare i contributi INPS

Tanti anni di lavoro per assicurarci domani una pensione. Quando e con quale rata andremo in pensione dipende dalle ritenute e dai versamenti fatti negli anni di lavoro. A questi concorrono sia i contributi figurativi (i versamenti da lavoro) che quelli...
Previdenza e Pensioni

Regole per il calcolo della pensione minima

La pensione è una somma mensile corrisposta al lavoratore al raggiungimento dell'età pensionabile, quando cessa l'attività lavorativa e passa sotto il regime pensionistico erogato dall'INPS, l'ente nazionale previdenza sociale.ub">Sopratutto in passato...
Richieste e Moduli

Come iscriversi all'INPS

L'INPS è un'ente piuttosto importante nel nostro paese, soprattutto per quanto riguarda il versamento dei contributi per la propria pensione, e per riceverla nel momento in cui si finirà la propria attività lavorativa.L'iscrizione all'INPS è obbligatoria...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare l'importo minimo Inps da versare

Ogni imprenditore che opera nel settore del commercio, nel terziario o nel turismo, indipendentemente dal fatto che abbia dipendenti o meno, è tenuto a versare all’Inps un importo per far fronte ai contributi dovuti. Inoltre il titolare è tenuto a...
Finanza Personale

Come richiedere il versamento di contributi volontari

La crisi economica che da diversi anni attanaglia l'Italia e non solo, e della quale a malapena si intravvede un debole miglioramento, ha grandemente incrementato il numero di coloro che decidono di ricorrere ai contributi volontari per ottenere la pensione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.