Come verificare la divisione delle spese condominiali

di Bianca Bruni tramite: O2O difficoltà: media

In ogni stabile occorre avere sempre un amministratore. Questo renderà più semplice la vita condominiale. Occupandosi di gestire i conti e dividere le spese condominiali. Queste una volta ripartite vengono presentate ogni mese agli abitanti del condominio. Nonostante ci si fidi dell'amministratore, infatti, non possiamo essere certi che la divisione di tali spese venga fatta correttamente. Proprio per questo, è bene leggere con attenzione il dettaglio delle spese. Per poi verificare che esse risultano corrette, prima delle assemblee. Nella seguente guida spiego come verificare la divisione delle spese condominiali.

1 Prima di tutto bisogna capire come lavora l'amministratore e cosa fa nell'esercizio delle sue funzioni. Quindi, è necessario conoscere come funziona il pagamento delle spese condominiali. Inoltre, sapere in base a cosa si pagano e come vengono ripartite. Cominciamo chiarendo che le spese condominiali si pagano in base ai millesimi così come indicati nelle tabelle millesimali. Si parte da una base comune: la somma di tutte le unità private che compongono l'edificio. Tra cui appartamenti, negozi, soffitte, cantine, garage e simili. Questi, infatti, formano un totale di mille millesimi. In base alla metratura dell'unità immobiliare, delle sue pertinenze, ed alla posizione e destinazione, viene stabilita la quota millesimi dell'appartamento in cui abitate.

2 I millesimi vengono stabiliti una volta per tutti nel momento in cui si insedia l'amministratore. Mentre, se si tratta di edifici recenti, al momento della prima vendita. Le tabelle millesimali sono, quindi, fisse. Invece, in caso si avvertano degli errori, che influiscono sulla quota di spese che pagate, è necessaria la richiesta di revisione. In base alla quota di proprietà, o di uso se si è in affitto. Viene infatti stabilita la quota che si deve pagare per il buon mantenimento degli spazi comuni e per le spese di gestione comuni, come, ad esempio, le spese per l'amministrazione e la luce delle scale.

Continua la lettura

3 Suddivisa la quota parte dell'unità per le diverse spese, vi è un'altra divisione da fare nel caso di affitto dell'unità.  Le spese infatti vengono ripartite tra locatore e locatario, ovvero tra proprietario dell'immobile e condomino.  Approfondimento Come contestare le spese di un condominio (clicca qui) Generalmente, sono a carico del proprietario le spese straordinarie e metà del compenso dell'amministratore, mentre a carico del condomino vi sono le spese di manutenzione ordinaria e i consumi, oltre all'altra metà del compenso dell'amministratore.  In dettaglio, il conduttore paga per: la pulizia delle parti comuni, il portierato al 90% (se esistente), l'ascensore e la sua ordinaria manutenzione, l'eventuale giardinaggio, i consumi d'acqua ed energia elettrica per le parti comuni, parte del riscaldamento centralizzato ed ordinaria manutenzione dello stesso.  Ecco come verificare la divisione delle spese condominiali.

Non dimenticare mai: Per evitare di approvare spese errate e pagare ciò che non vi compete, consultate e verificate le spese condominiali, almeno una volta l'anno prima delle assemblee Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come controllare i conti del proprio condominio: mini-guida per le assemblee COME CONTROLLARE I CONTI DEL PROPRIO CONDOMINIO

Come spartire le spese di un condominio Spesso e volentieri sono cause di continue liti e diatribe fra ... continua » Come indire un'assemblea condominiale Le assemblee condominiali servono a deliberare, e approvare bilanci annuali. Anche ... continua » Spese condominiali a carico dell'inquilino Vivere in un condominio è una realtà piuttosto comune nelle città ... continua » Come dimettersi dalla carica di amministratore di condominio Un edificio a più unità immobiliari. Necessita di una figura professionale ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide