Come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici

di Daniele Rinella tramite: O2O difficoltà: media

Nel 2013, il Ministero dello sviluppo economico ha emanato un decreto legge nella quale è previsto un fondo per usufruire degli incentivi sull'acquisto degli elettrodomestici. La notizia nasce in seguito all'incontro avvenuto tra le associazioni appartenenti alla categoria e Andrea Bianchi, che presso il Ministero di Sviluppo Economico, svolge la mansione di direttore generale. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie riguardo questo utile incentivo. Vediamo quindi per quali elettrodomestici è valido questo bonus e le inerenti detrazioni.

1 Per prima cosa, l’ipotesi di concedere incentivi al settore, ha iniziato a prendere forma nel corso l’incontro tra lo stesso Bianchi e una delegazione appartenente all'associazione italiana dei produttori di elettrodomestici. Una risvolto positivo in merito a questa previsione, potrebbe soddisfare molte speranze e aspettative di un’industria che sta attraversando una profonda crisi per quanto riguarda la domanda. L’industria italiana in questo campo, viene purtroppo messa a dura prova dalla concorrenza di fabbriche di nazionalità coreana e turca.

2 L'incentivo per l'acquisto di elettrodomestici è valido per tutti gli apparecchi di uso domestico, tra cui: lavastoviglie, frigoriferi, lavatrici, forni, congelatori, asciugatrici, apparecchi di cottura, stufe, forni a microonde, condizionatori, ecc... Un'altro requisito fondamentale è che gli elettrodomestici devono essere classificati con una classe non inferiore ad A+. Per ciò che concerne la documentazione necessaria per poter usufruire della detrazione (quando la legge la prevede), il contribuente deve conservare la fattura oppure lo scontrino fiscale (utili anche per usufruire della garanzia sul prodotto) con i dati dell’acquirente.

Continua la lettura

3 La spesa effettuata, potrà essere riconosciuta anche quando essa comprende i costi di trasporto del nuovo elemento e di smaltimento del vecchio, operazione che deve essere però documentata tramite un auto dichiarazione.  Solitamente, se durante il medesimo anno dovranno essere sostituiti altri elettrodomestici, si potrà nuovamente usufruire della detrazione prevista provvedendo a compilare un nuovo modulo.  Approfondimento Ristrutturare casa: tutti gli incentivi (clicca qui) Esso deve essere conservato per permettere che eventuali controlli eseguiti dall'Agenzia delle Entrate in merito alla dichiarazione dei redditi, possano verificare la validità di quanto richiesto.

Non dimenticare mai: Fate molta attenzione al prezzo degli elettrodomestici, perché il limite massimo di spesa è di 10.000 euro. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Incentivi statali 2015 per gli elettrodomestici.

Come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di biciclette elettriche All'interno della presente guida, ci occuperemo di incentivi statali. Nello ... continua » Come richiedere il bonus per l'acquisto di un eco immobile Se è già nelle nostre intenzioni acquistare un eco-immobile, è bene ... continua » Come usufruire delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni Se dovete effettuare delle ristrutturazioni nella vostra casa oppure apportare delle ... continua » Come ottenere la detrazione del 36% per l'acquisto di un box auto La finanziaria in Italia anche quest'anno, ha rinnovato la possibilità ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come aprire un negozio di Elettrodomestici

Gli elettrodomestici sono apparecchi o utensili alimentati ad energia elettrica destinati all'uso domestico. Molti oggetti che oggi definiamo elettrodomestici preesistevano all'elettrificazione basandosi, per ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. ATTENZIONE: tali contributi NON possono essere in alcun modo considerati appelli al pubblico risparmio e\/o sollecitazione all’investimento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.