Come trasferirsi e lavorare in Bolivia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Trovare un lavoro appagante, che soddisfi le proprie esigenze, è l'obiettivo di tutti. Purtroppo, in un periodo di crisi economica, è molto difficile. La mancanza di lavoro non permette che ognuno possa realizzarsi in un campo specifico. Inoltre, con l'aumento delle tasse, della povertà e del degrado sociale ed ambientale, è molto difficile arrivare a fine mese. Le persone, pertanto, devono cercare una soluzione drastica. Questa, almeno all'inizio, potrà sembrare azzardata, ma con il tempo potrebbe portare a frutti non indifferenti. La soluzione a cui ci si riferisce è l'emigrazione. Gli italiani hanno una lunga storia e tradizione di emigrazioni. Sin dagli inizi del '900 le persone hanno cominciato a trasferirsi in Paesi esteri. La motivazione era sempre la stessa: mancanza di lavoro e stabilità. Una soluzione, che molti hanno adottato in passato, è quella di trasferirsi in Sud America. In questo frangente si parlerà di Bolivia. Nei passi successivi sì spiegherà come trasferirsi e lavorare in Bolivia. Inoltre, si illustreranno i consigli fondamentali per eseguire questa scelta.

25

Tutto ciò è possibile perché le imposte sono piuttosto basse. In Bolivia, aprire un negozio o un'attività può costare circa 5.000 euro. Questo dato contrasta moltissimo con l'Italia, dove sono necessarie diverse migliaia di euro. Inoltre, la tassazione è molto diversa, soprattutto rispetto agli importi devoluti allo Stato. Trasferirsi e lavorare in Bolivia potrebbe essere la soluzione che fa per voi.

35

La Bolivia è uno Stato del Sud America con una densità popolare di circa 10 milioni di abitanti. Le sue capitali Sucre e La Paz, insieme a Bogotà, sono i centri più popolati. La lingua ufficiale è lo spagnolo, anche se sono frequenti zone in cui si parla quechua e altre lingue native. Le attività più esercitate sono l'allevamento, l'agricoltura e la pesca. Pur avendo una grande quantità di risorse e di materie prime, la Bolivia non è uno stato così ricco. Questo avviene poiché non vi sono grandi macchinari e tecnologie all'avanguardia.

Continua la lettura
45

Trasferirsi e lavorare in Bolivia può essere una soluzione per sfuggire alla frenesia del mondo occidentale. Ovviamente, però, per fare ci bisognerà rinunciare anche a tutti i lussi che questo offre. Infatti, in Bolivia non vi sono grandi innovazioni tecnologiche. I salari non sono altissimi, ma il costo della vita è comunque basso. Per potersi ricollocare in Bolivia sarà opportuno, per fare una vita adeguata, aprirsi un'attività. Anche puntare sull'auto-produzione è una scelta azzeccata per tale contesto.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e trovare lavoro a Barcellona

Molte persone sono disposte a trasferirsi in Spagna, per trovare lavoro. Tra le città più gettonate troviamo Barcellona che tra l'altro, offre anche maggiori possibilità essendo una delle più attive dal punto di vista dell'architettura, quindi ideale...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi in Giappone

Negli ultimi anni, il numero di giovani che cerca e trova lavoro all'estero è salito vertiginosamente. Le mete più gettonate sono la Germania, l'Inghilterra e la Svezia, per chi vuole restare in Europa, gli States e il Giappone per chi è disposto (e...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Germania

Trasferirsi e lavorare all'estero è un'esperienza che cambia la vita. Le motivazioni per questo tipo di cambiamento possono essere diverse. Negli ultimi tempi anche per noi italiani è ritornato un fenomeno come l'emigrazione per esigenze lavorative...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in America

Ogni anno migliaia di stranieri arrivano in America, dichiarandosi dei semplici turisti. Iniziano a lavorare, magari in nero, come camerieri e lavapiatti, poi nella maggior parte dei casi il loro permesso scade e, diventano automaticamente illegali e...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Guatemala

La crisi economica che ha attualmente travolto l'Italia ha indotto ed induce un numero crescente di persone ed espatriare in cerca di nuove collocazioni lavorative. I paesi verso i quali ci si dirige sono molteplici, alcuni non richiedono grandi permessi...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Portogallo

Trasferirsi in un'altra nazione per lavoro è sempre un grande passo che una persona affronta a malincuore. Abituarsi a vivere in un nuovo paese è sempre una sfida, oltre che un'esperienza diversa nella vita. Se infatti prendiamo questa decisione, la...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Bulgaria

Al giorno d'oggi, sempre più persone si trovano con le spalle al muro senza lavoro. Questo purtroppo è un fenomeno che si sta estendendo oltre che in tutta Italia anche in Europa. Chiaramente questo fenomeno comporta una sorta di "emigrazione" da parte...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e vivere a Sidney

L'Australia fa parte dell'Oceania ovvero il nuovo continente, in cui è presente una notevole vegetazione e una natura davvero invidiabile. Sydney è il capoluogo dell'Australia, è una cittadina ricca di movida notturna; sono presenti tantissimi locali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.