Come trasferirsi e lavorare in America

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Ogni anno migliaia di stranieri arrivano in America, dichiarandosi dei semplici turisti. Iniziano a lavorare, magari in nero, come camerieri e lavapiatti, poi nella maggior parte dei casi il loro permesso scade e, diventano automaticamente illegali e vengono rispediti a casa, con il divieto di rimettere piede negli USA per diversi anni. Prima di partire, smorzate gli entusiasmi e, chiedetevi se state facendo la scelta giusta, pensate bene a dove trasferirvi, dove stabilirvi e in quale città cercare casa e lavoro. Ora vediamo di seguire i consigli di questa guida che ci spiegherà in maniera dettagliata come trasferirsi e lavorare in America.

25

Occorrente

  • tanta pazienza e spirito d'avventura
35

Un mpiego lavorativo

Un aspetto molto importante è la conoscenza della lingua inglese. Vi aiuterà tantissimo se l'avete già studiata a scuola. Prima di partire, è vivamente consigliato mobilitarsi alla ricerca di un impiego lavorativo, proprio perché la normativa americana consente il trasferimento permanente solo agli individui in possesso di un lavoro. Dunque per trovarlo, avvaletevi di ogni canale e strumento possibile, ad esempio effettuando una ricerca mirata sui maggiori siti web di offerta lavorativa, o servendovi delle semplici agenzie interinali che, in collaborazione con le aziende americane, faranno da tramite tra voi e il datore di lavoro. Cercate di stilare un ottimo curriculum, con l'elenco dettagliato delle vostre competenze ed esperienze nel settore lavorativo di vostro interesse.

45

Il visto temporaneo

Il visto a carattere temporaneo consente invece di ottenere un permesso rinnovabile ogni tre anni. Mettendovi in contatto con l'ambasciata avrete un'idea più chiara sulle caratteristiche principali di ciascun visto Infine, vi ricordo che le sedi delle ambasciate americane in Italia, sono presenti nelle maggiori città (Napoli, Roma, a Milano e a Firenze). Potrete dunque effettuare lo svolgimento delle operazioni necessarie senza recarvi personalmente, bensì usando lo strumento della semplice raccomandata.

Continua la lettura
55

La Green Card

Un requisito fondamentale è costituito dall'ottenimento del visto, che dovrà essere richiesto presso un'ambasciata americana o tramite il consolato (fornendo agli addetti la propria fototessera e un passaporto regolare). Ne esistono attualmente varie tipologie (che si differenziano per la validità temporale più o meno prolungata nel tempo di ogni diversa tipologia), tra cui troviamo la c. D Green Card che rinnovato ogni dieci anni, permette di trasferirsi in modo definitivo e svolgere la propria attività lavorativa senza nessun limite di tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Germania

Trasferirsi e lavorare all'estero è un'esperienza che cambia la vita. Le motivazioni per questo tipo di cambiamento possono essere diverse. Negli ultimi tempi anche per noi italiani è ritornato un fenomeno come l'emigrazione per esigenze lavorative...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Zambia

Le difficoltà che stiamo incontrando, a livello lavorativo, burocratico, stanno condizionando la maggior parte dei giovani all'emigrazione in paesi lontani. Il viaggio l'abbiamo sempre visto come spensieratezza, allegria e soprattutto curiosità di andare...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Belgio

Sono veramente molte le persone che pensano di viaggiare, magari trasferendosi in modo definitivo in un altro paese. Cominciamo subito con il dire che viviamo in tempi veramente molto difficili dal punto di vista economico e tale situazione non è una...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Guatemala

La crisi economica che ha attualmente travolto l'Italia ha indotto ed induce un numero crescente di persone ed espatriare in cerca di nuove collocazioni lavorative. I paesi verso i quali ci si dirige sono molteplici, alcuni non richiedono grandi permessi...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Bolivia

Trovare un lavoro appagante, che soddisfi le proprie esigenze, è l'obiettivo di tutti. Purtroppo, in un periodo di crisi economica, è molto difficile. La mancanza di lavoro non permette che ognuno possa realizzarsi in un campo specifico. Inoltre, con...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e trovare lavoro a Barcellona

Molte persone sono disposte a trasferirsi in Spagna, per trovare lavoro. Tra le città più gettonate troviamo Barcellona che tra l'altro, offre anche maggiori possibilità essendo una delle più attive dal punto di vista dell'architettura, quindi ideale...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Portogallo

Trasferirsi in un'altra nazione per lavoro è sempre un grande passo che una persona affronta a malincuore. Abituarsi a vivere in un nuovo paese è sempre una sfida, oltre che un'esperienza diversa nella vita. Se infatti prendiamo questa decisione, la...
Lavoro e Carriera

Come trasferirsi e lavorare in Bulgaria

Al giorno d'oggi, sempre più persone si trovano con le spalle al muro senza lavoro. Questo purtroppo è un fenomeno che si sta estendendo oltre che in tutta Italia anche in Europa. Chiaramente questo fenomeno comporta una sorta di "emigrazione" da parte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.