Come trasferire a titolo gratuito degli immobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Spesso ci si domanda come è possibile trasferire a titolo gratuito degli immobili e "in parte" la risposta è la donazione, che si presenta come un vero contratto tra le parti: donante è chi dona e donatario chi riceve. Questo a titolo gratuito, cioè senza chiedere una somma in cambio dell'immobile donato. Tuttavia non è assolutamente possibile eludere l'imposta sulle donazioni che viene applicata anche quando il trasferimento del bene di proprietà e tutti i diritti sull'immobile avvengono a titolo gratuito tra persone in vita. A tal proposito, vediamo insieme come trasferire a titolo gratuito degli immobili.

25

La donazione non è un atto privato ma pubblico e va formalizzato davanti al notaio alla presenza di due testimoni che non siano familiari delle parti. La donazione non può essere revocata, fatta eccezione per la deroga fatta dall'autorità giudiziaria a causa " ingratitudine del donatario" e per la "sopravvivenza dei figli del donante". Il costo dell'atto al registro notarile è di euro 200,00 a partire dal 1 Gennaio 2014 e va versato in maniera contestuale alla sua redazione presso il registro delle entrate, versando inoltre le imposte ipotecarie del 2% e quelle catastali dell' 1% (o della cifra una tantum di euro 50,00 se l'immobile donato risulta essere "prima casa"). Esiste una forma di donazione privata ma solo per beni di valore molto esiguo.

35

Anche se la donazione è "gratuita" non è comunque priva di costi, che variano a seconda del grado di parentela tra donatario e donante; sono previste delle franchigie e aliquote diverse che rendono tassabili le parti donate che superano il loro valore. La tassa è a carico del donatario, cioè di colui che riceve la donazione, e segue la tabella sulle successioni: 1. Moglie, figli e discendenti in linea retta: aliquota 4% e franchigia sino a 1.000.000 euro 2. Fratelli e sorelle: aliquota 6% franchigia 100.000 3. Parenti fino al 4°: aliquota 6% senza franchigia 4. Tutti gli altri: aliquota 8% senza franchigia.

Continua la lettura
45

Tuttavia è bene ricordare che l'atto di donazione non si pone come uno strumento per aggirare la successione, secondo la quale una parte dell' immobile spetta di diritto agli eredi del donante chiamati legittimari e i parenti stretti. La successione legittima avviene quando il donante non ha lasciato testamento e ne hanno diritto il nucleo familiare, genitori, fratelli e i loro discendenti; se non son presenti queste tipologie di parentela, possono rivendicare la legittima i familiari sino al sesto grado. La successione testamentaria regolata secondo il libero arbitrio di colui che ha fatto testamento non può comunque eludere la quota legittima dei parenti più stretti, anche se non menzionati all'interno del testamento.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non son presenti queste tipologie di parentela, possono rivendicare la legittima i familiari sino al sesto grado.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare l’imposta di successione sugli immobili

L'imposta di successione sugli immobili, risulta essere esattamente un'imposta prevista per il trasferimento della proprietà di beni immobili, in seguito alla morte del proprietario, direttamente agli eredi, sulla base della successione legittima o secondo...
Case e Mutui

Come controllare il documento della titolarità dell'immobile

Il mercato immobiliare è un mercato molto vasto e anche abbastanza impegnativo, soprattutto per chi svolge questo genere di lavoro; purtroppo negli ultimi periodi ha subito un forte declino, in quanto per la crisi lavorativa che ha investito l'Italia...
Case e Mutui

Come calcolare l’imposta di successione

In questo articolo vi vorrei parlare di come calcolare l'imposta di successione. L'imposta di successione è un tributo il cui pagamento spetta a chi ha ricevuto l'eredità di un defunto. L'imposta di successione va saldata dagli eredi entro 60 giorni...
Case e Mutui

Guida alle nuove imposte catastali

Le imposte catastali sono un tipo di tributo che è dovuto allo Stato in caso di compravendita, sia a titolo oneroso che gratuito (successione o donazione), di un immobile acquistato con o senza agevolazioni e non soggetto a IVA, salvo alcune eccezioni....
Finanza Personale

Come si calcolano le tasse di successione

Sino ad un decennio fa, a seguito della ricezione di beni mobili ed immobili da parte di un defunto, gli eredi erano tenuti a pagare delle imposte di successione. La legge, prima abolita e poi ripristinata parzialmente nell'anno 2006, attualmente prevede...
Case e Mutui

Come variare l'intestazione della visura catastale

In caso di trasferimento di proprietà, di donazioni, di compravendite, di successioni, ecc., è necessario eseguire un aggiornamento di intestazione degli immobili censiti presso il catasto per avere sempre l'esatta corrispondenza tra quanto presente...
Finanza Personale

Come lasciare un'eredità a chi si desidera

L'eredità è un patrimonio che, al momento della morte di chi lo possiede, passa giuridicamente ad un altro soggetto. Le questioni ereditarie sono sempre delle situazioni molto spinose che spesso finiscono con il creare conflitti all'interno delle famiglie...
Case e Mutui

Come Effettuare Una Voltura Catastale

Hai appena comprato una casa? Hai appena ricevuto in eredità un appartamento? È in ballo una donazione su di un immobile? Ti consiglio allora di leggere attentamente questa guida. Seguendola otterrai utili informazioni su come ottemperare ad un adempimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.