Come sostenere un colloquio motivazionale

di Chiara Ravenna tramite: O2O difficoltà: media

Dopo aver terminato il ciclo di studi, sia superiori che universitari, si può finalmente iniziare a cercare un lavoro. Generalmente il probabile datore di lavoro vorrà conoscere la persona che si è offerta per lavorare, avvalendosi di un colloquio motivazionale. Fare una buona impressione è fondamentale per determinare una successiva assunzione e questa guida spiegherà come sostenere un colloquio di questo genere. Vi forniremo, pertanto, alcuni consigli su come affrontare questo colloquio nel migliore dei modi.

1 In un colloquio motivazionale si cercano, soprattutto, le aspirazioni ed i valori di un determinato individuo che si andrà ad esaminare senza influenze esterne. Il candidato stesso deve essere sempre libero di accettare oppure di escludere i consigli che si potrebbero dare. Si cerca, così, di analizzare la sua sfera interiore.

2 E’ necessario sapere che la motivazione rappresenta quella formula esatta che porta qualsiasi persona ad ottenere una determinata azione. In qualsiasi attività che parla di responsabilità oppure di dipendenza verso qualcuno, qualcosa, oppure in senso di autonomia, è necessario trovare dei soggetti pratici al punto giusto, che veramente credono in quello che dovrebbero fare e che realmente sono spinti da un grande entusiasmo che non deve mai diminuire durante il conseguimento lavorativo.

Continua la lettura

3 Il colloquio motivazionale, in definitiva, studia il comportamento del candidato per arrivare a delle conclusioni che possono essere per lui positive oppure negative, seguendo la sua stessa personalità ed il modo di essere.  Tra gli altri aspetti, possiamo affermare che il colloquio motivazionale sviluppa un’eccellente conoscenza diretta di chi è preso in analisi, considerando la sua dinamica interpersonale e pertanto, delinea la costituzione del suo carattere, o meglio della sua indole.  Approfondimento Le 5 regole da rispettare durante un colloquio di lavoro (clicca qui) Tutto quanto comincia dalla telefonata di convocazione.  A tal proposito è necessario prestare la massima attenzione a tutto quello che viene detto, anche nel fornire le informazioni richieste telefonicamente.

4 Con una semplice telefonata comincia una forma di esame che dovrà originarsi nel miglior dei modi, senza aver alcun timore di sbagliare, dimostrando una certa sicurezza e molta attenzione. Sicuramente possono scaturire svariate domande, quali quelle che riguardano gli studi conseguiti, oppure i rapporti con i relativi compagni e con professori, nonché i metodi che sono stati utilizzati per studiare.

5 Per concludere, verranno anche prese in considerazione eventuali esperienze lavorative pregresse, dal momento che l’esaminatore ha la necessità di sapere il vero motivo del termine di un rapporto precedente. Deve comprendere se è avvenuto per problemi relazionali oppure per cause esterne alla persona che si sta osservando. In pratica è come se si andasse alla ricerca di tutti quanti i suoi pregi ed i difetti, oltre a quello che ci si aspetta da lui. Naturalmente durante un colloquio di lavoro anche l'aspirante lavoratore vorrà prendere tutte quante informazioni necessarie per cercare di comprendere se quell'occupazione fa al caso suo, oppure se deve virare se altre opportunità.

Le domande più frequenti in un colloquio di lavoro Il colloquio conoscitivo è molto importante in ambito lavorativo perché sarà ... continua » Le domande più frequenti in un colloquio di lavoro Il colloquio conoscitivo è molto importante in ambito lavorativo perché sarà ... continua » Come sostenere un colloquio di lavoro su Skype Skype è uno dei più noti programmi informatici. Questo serve a ... continua » Come sostenere un colloquio di lavoro su Skype Skype è uno dei più noti programmi informatici. Questo serve a ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide