Come sopravvivere a colleghi arrivisti

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Primo giorno di lavoro: aspettavate gente calorosa che vi avrebbe accolto a braccia aperte, ma ciò che vi ritrovate è un ambiente ostile e competitivo. Bhe il mondo la fuori è una giungla e non tutto può essere rose e fiori come erroneamente si era previsto.
Ci sono varie tipologie di colleghi: il falso, l'insicuro, l'invidioso e poi c'è lui la peggior tipologia di persona con cui avere a che fare in un contesto competitivo, l'arrivista. Ma chi è questo arrivista? Come si fa a tenere testa ad un simile essere? In questa guida vi spiegherò come riuscire a sopravviverci nelle stesse quattro mura.

24

Prima di poter elencare consigli su come poterlo fronteggiare è necessario saper identificare per bene le caratteristiche principali di un collega arrivista. Un'arrivista è una persona che non guarda in faccia a nessuno: ignora l'esistenza di famiglia e amici. Egli conosce solo tre parole: denaro, lavoro e potere. La sua caratteristica tipica è quella di essere un grande adulatore del capo, ai suoi ordini risponderà sempre in maniera positiva senza contro ribattere e con tanto (falso) entusiasmo. Il suo scopo è quello di utilizzare qualsiasi persona trovi davanti per raggiungere i propri obiettivi, non a caso è una persona che raggiunge una brillante carriera in brevissimo tempo. È una persona ipocrita e priva di personalità ma molto scaltra: molto spesso proporrà idee che non sono sue spacciandole per proprie ma non rischierà mai proponendo qualcosa di originale anche perché di originalità non ne ha mai posseduta.

34

Ora che abbiamo identificato per bene l'arrivista occorre evitare o attuare determinati comportamenti al fine di giungere ad una serena convivenza. Trattandosi di una persona che non si fa scrupoli nello sfruttare il prossimo, risulterebbe assolutamente dannoso riferirli fatti propri o altrui. Il vostro collega userà le poche informazioni che ha a disposizione per denigrare voi e il vostro lavoro o andare a riferire alla persona interessata fatti che avete detto nel suo conto. Attenzione: il vostro collega arrivista finirebbe per essere trattato con occhio di riguardo e voi finireste per perderci la faccia.

Continua la lettura
44

Dopo aver evidenziato gli atteggiamenti da evitare assolutamente, allora come comportarsi? Non c'è modo migliore per affrontare un arrivista se non spiazzandolo e la tecnica migliore per farlo è mostrare la stessa simpatia e lo stesso entusiasmo che quest'ultimo dimostra al vostro capo. Un altro vizio dell'arrivista è quello di emanare ordini ai suoi sottoposti come se fossero pedine del suo gioco; qui dovete entrare in campo voi, " chiedere prima che ci venga chiesto". Un'ultima cosa che potrebbe aiutarvi è rappresentata dal famoso detto " tieni gli amici vicini e i nemici ancor più vicini", quindi una buona tattica potrebbe essere quella di entrare nelle grazie del vostro collega, ma se ciò non accade è arrivato il momento che segnaliate il suo comportamento alle risorse umane. Buona fortuna e buona "giungla"!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

10 consigli per vivere serenamente un cambiamento lavorativo

Spesso, quando qualcosa fa parte della nostra vita da tempo, un cambiamento improvviso di quello a cui siamo abituati, che può avvenire per una ragione o per un'altra, può generare ansia e preoccupazione. Certamente, questo avviene se sappiamo che siamo...
Lavoro e Carriera

5 consigli per amare il proprio lavoro

Lavorare è una necessità. Il lavoro è una delle cose più importanti nella vita. Ci qualifica, ci identifica. Lavorare è importante perché ci permette di guadagnare i soldi che servono a vivere la nostra vita. Il proprio lavoro lo si ama o lo si...
Lavoro e Carriera

Come divertirsi sul posto di lavoro

Lavorare è sicuramente un qualcosa di fondamentale importanza, il lavoro infatti non solo ci dà la possibilità di essere economicamente indipendenti, ma ci dà anche la possibilità di stare a stretto contatto con i nostri colleghi ed eventualmente...
Lavoro e Carriera

Come organizzare un pic nic con i colleghi di lavoro

Quante volte avete sentito ripetere dagli esperti che mangiare in ufficio davanti al computer senza staccare è deleterio per l'organismo? A volte le pause pranzo sono davvero brevi ed è difficile organizzare qualcosa che permetta davvero di svagarsi,...
Lavoro e Carriera

5 modi per convivere con i colleghi competitivi

L'ambiente di lavoro è la nostra seconda casa. È importante che si tratti di un ambiente sereno e rilassato dove svolgere le attività che sono più affini a noi. Il lavoro dovrebbe rappresentare l'espressione delle nostre capacità ma non sempre è...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il capo senza avere paura

Quante volte vi è capitato di voler comunicare qualcosa al vostro capo per poi tenervi tutto dentro e lasciar correre? Questo, però, è un atteggiamento che non fa affatto bene a voi stessi: in primo luogo perché continuerete a rimuginare per ore e...
Lavoro e Carriera

5 buoni motivi per non lasciare il tuo lavoro

Spesso capita a chi lavora già da molti anni, di voler abbandonare la propria attività a causa di svariati motivi che possono essere personali, legati ad uno stato di salute particolare oppure a seguito di litigi con il datore di lavoro o con i colleghi....
Lavoro e Carriera

Come relazionarsi al meglio con i colleghi di lavoro

L'intelligenza sociale è la capacità di relazionarsi ed interagire proficuamente con gli altri; secondo lo psicologo californiano Daniel Goleman è socialmente intelligente colui che riesce ad immedesimarsi ed a rendere piacevole la vita altrui, a percepirne...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.