Come si stipula un contratto di affitto transitorio

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Decidere se acquistare casa oppure affittarla può rappresentare spesso un grande problema, specialmente per i più giovani. La scelta, infatti, risulta spesso obbligata dalla precarietà del lavoro e dall'impossibilità di ottenere un mutuo. Talvolta, si predilige un affitto per poter iniziare una convivenza o, almeno, per cominciare ad avere un'indipendenza, senza l'onere dell'essere proprietario dell'appartamento. Qualora vi orientaste sull'affitto, dovrete tutelarvi in veste di inquilini con un regolare contratto di locazione, ma lo stesso discorso è valido anche per i locatori. Più precisamente, esistono varie tipologie di contratti di affitto e ognuna di esse possiede delle regole e degli obiettivi diversi. Attraverso i passaggi seguenti, a tale proposito, ci occuperemo proprio di illustrarvi come funziona e si stipula il contratto di locazione transitoria, tenendo sempre presente il fatto che è sempre meglio rivolgersi a un professionista, così da non incorrere in errori dovuti alla mancanza di conoscenze o all'insufficiente esperienza in questo ambito.

29

Occorrente

  • Contratto di affitto transitorio
  • Registrazione del contratto (eventuale)
  • Rispetto di alcuni parametri
  • Inserimento degli elementi obbligatori
  • Deposito cauzionale
39

Innanzitutto dobbiamo precisare che la locazione transitoria a uso abitativo viene solitamente usata per contratti di affitto che hanno una breve durata, circa 1-18 mesi. La locazione transitoria ad uso studenti universitari, invece, viene adottata per gli affitti temporanei a coloro che frequentano l'Università. Il contratto di affitto transitorio, infine, viene di solito impiegato per tutte quelle situazioni momentanee che possono derivare da necessità di lavoro, stato fisico o vacanza. Esso, pertanto, dovrà identificare chiaramente quelli che sono i motivi temporanei della locazione. Quelli che vengono accettati dalla legge sono indicati dalla convenzione locale di ogni Comune o, in mancanza della stessa, dal "D. M. 10 Marzo 2006". L'affitto di tipo transitorio dovrà essere registrato soltanto qualora la locazione superasse i 30 giorni nell'arco dell'anno solare.

49

Inoltre, è fondamentale sapere che i parametri di un contratto di affitto transitorio sono quattro: l'utilizzo soltanto in qualche situazione comprovata; la durata variante da un minimo di 30 giorni ad un massimo di 18 mesi; il canone deve risultare aumentabile non più del 20% rispetto a quanto stabilito dagli accordi territoriali in vigore; la mancanza di un'agevolazione fiscale per inquilini e proprietari. Con riferimento alla durata del contratto di affitto transitorio per studenti universitari, si va da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 36 mesi. Il canone deve rispettare l'accordo stipulato fra le organizzazioni sindacali, le Università e le associazioni studentesche. Sono previste, in questi casi, delle agevolazioni fiscali per il proprietario, che si attuano nella riduzione del 30% dell'imposta di registro e calcolo dell'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche soltanto sul 59,50% del canone annuo.

Continua la lettura
59

Gli elementi obbligatori che devono essere assolutamente inseriti in un contratto di affitto transitorio sono numerosi: la data e la firma dell'accordo contrattuale; le generalità delle parti (inquilino e locatore); l'indirizzo dell'immobile e la sua minuziosa descrizione; una lista completa di tutto quello che risulta presente nella casa eventualmente già arredata; la natura dell'impiego dell'immobile; il prezzo mensile e annuale stabilito; le spese condominiali mensili e annuali; la cifra e la modalità di versamento della cauzione; la durata e l'opportunità di rinnovo (quanti mesi); la copia dei documenti delle parti, della visura catastale e della certificazione energetica; il numero dei mesi per l'eventuale disdetta anticipata; la ragione dell'affitto momentaneo; le generalità delle eventuali persone conviventi; la dichiarazione di presa visione dell'immobile; la promessa dell'inquilino di non modificare né la struttura né la destinazione d'uso; la possibilità di far vedere l'abitazione al proprietario in ore e giorni prescritti. Tutti questi elementi sono di fondamentale importanza e devono essere pertanto inseriti in un contratto affinché esso sia valido.

69

Andiamo ora a vedere altri elementi che è fondamentale conoscere per stipulare correttamente un contratto di questo tipo. Innanzitutto la disdetta anticipata viene decisa liberamente dal proprietario e dall'inquilino al momento della sottoscrizione del contratto di affitto transitorio. Il rinnovo dell'accordo contrattuale non è possibile alla scadenza naturale e il locatore dovrà trasformarlo in canone libero (4 + 4 anni) qualora la situazione temporanea dovesse venire meno, altrimenti dovrà pagare 3 anni di canone all'inquilino. Ancora, dev'essere chiaro il fatto che le spese ordinarie spettano sempre e solamente all'inquilino, mentre quelle straordinarie sono di competenza del proprietario. Il deposito cauzionale di due o tre mensilità verrà restituito al termine della locazione di tipo transitorio, con la maturazione degli interessi previsti dalla legge, ovviamente se l'immobile o il mobilio non presenta danni comprovati, mentre in caso contrario bisognerà sostenere anche le spese relative a essi, nelle modalità e nei termini previsti dalle leggi.

79

Relativamente ai modelli di contratto di affitto transitorio che si possono utilizzare o dai quali si può prendere qualche spunto, potrete trovarne moltissimi sul web: sicuramente ne troverete più di uno che risponda esattamente alle vostre esigenze. Il suggerimento, comunque, è sicuramente quello di affidarvi ad un professionista del settore, in modo tale da evitare in incorrere in eventuali situazioni sgradevoli e magari di dover pagare delle sanzioni. Le leggi che regolamentano i contratti di affitto transitorio sono davvero numerose e talvolta anche controverse, di conseguenza è necessario ricorrere a una persona specializzata, oppure anche a un Ente di tutela, così da non rischiare delle fregature o di commettere errori dovuti alla mancanza di conoscenze sufficienti. Qualora non voleste rivolgervi a nessuno, seguite correttamente le indicazioni previste nei passaggi appena letti e consultate direttamente le norme previste in questo settore. Ad ogni modo, prestate sempre molta attenzione e agite sempre rispettando le norme relative all'affitto transitorio: in questo modo eviterete sicuramente di sbagliare.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgetevi a un professionista che possa guidarvi nell'applicazione corretta delle norme e che possa svolgere correttamente tutte le mansioni burocratiche.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come preparare e registrare un contratto di affitto

Se si vuole affittare un immobile è consigliabile preparare e registrare il contratto; in questo modo si ha la possibilità di poter essere tutelati da eventuali problemi che possono sorgere. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli...
Case e Mutui

Come affittare un appartamento a Genova

La città di Genova è una delle città italiane più grandi dal punto di vista geografico, ma è anche una delle più popolose. Risulta essere organizzata in vari quartieri dalle caratteristiche particolari, con luoghi storici e suggestivi. Per chi è...
Case e Mutui

5 buoni motivi per scegliere un affitto transitorio

Quando si cambia casa o si decide di andare a vivere per conto proprio, uno dei problemi principali che possono incorrere è quello di scegliere il tipo di affitto. Bisogna capire infatti quanto tempo si decide di rimanere in un determinato posto, o anche...
Case e Mutui

5 tipologie di contratti di locazione residenziali

In Italia esistono ben 5 tipologie di contratti di locazione per fini residenziali. È facile confondersi e non sapere bene quale scegliere. In questa lista troverai indicate tutte le tipologie con le loro caratteristiche ed i loro regolamenti così da...
Case e Mutui

Affitti brevi: come funzionano i contratti transitori

Se capita di leggere un annuncio su di un giornale di una casa in affitto, è importante verificare se il contratto di locazione è basato sul classico 4+4, oppure rientra nella tipologia dei cosiddetti affitti brevi. Quest'ultimi infatti come si evince...
Case e Mutui

Esigenze che giustificano la transitorietà del contratto di locazione

Molte giovani famiglie spesso di trovano nell'impossibilità di poter acquistare una casa: a volte non si dispone del congruo anticipo necessario, altre volte il mutuo sarebbe troppo elevato da sostenere. In questo caso, se si ha l'esigenza di creare...
Case e Mutui

Come affittare una porzione della propria casa

Sta diventando sempre più costante e abituale l'idea di affittare la propria abitazione, o parti di essa, a persone in cerca di un alloggio in condivisione. L'idea, per entrambe le parti, è generalmente quella di andare a risparmiare sulle quotidiane...
Finanza Personale

Come scrivere una lettera di recesso anticipato di affitto

In tutti i contratti ci sono alcune norme da osservare. Molte di queste riguardano il termine del rapporto contrattuale. Questo vale anche per il contratto di affitto. Può però succedere che abbiate bisogno di rescinderlo con anticipo. Per fare tutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.