Come si calcolano gli interessi sul TFR

di Davide D.C. tramite: O2O difficoltà: facile

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) non è altro che la somma di denaro corrisposta al dipendente nel momento in cui termina il suo contratto di lavoro. Questa buonuscita è dovuta al lavoratore qualunque sia la causa della cessazione del rapporto lavorativo: licenziamento, dimissioni spontanee o inizio del pensionamento. La recente legge di stabilità del 2015 ha sancito la possibilità, per tutti coloro che ne faranno richiesta, di ricevere immediatamente il TFR facendoselo trasferire periodicamente nella busta paga. Per chi invece preferisce la procedura tradizionale, rimane comunque possibile accantonare questa somma presso il proprio datore o l'INPS per poi riceverla in seguito. In questo secondo caso, però, può capitare che tale ammontare non venga corrisposto immediatamente dopo la cessazione del contratto di lavoro come stabilito per legge, bensì con un ritardo più o meno ampio. Durante questo lasso di tempo il TFR maturerà degli interessi che andranno ad accrescere la buonuscita già dovuta al lavoratore. Ecco come si calcolano.

1 Di regola il TFR deve essere accreditato al lavoratore non appena cessa il rapporto di lavoro, tenendo presente che i termini previsti per legge vanno da un minimo di 30 giorni sino ad un massimo di 45. È proprio quando l'importo non viene corrisposto entro i tempi stabiliti che cominciano a maturare gli interessi. Questi andranno calcolati fino al momento del pagamento effettivo da parte del datore di lavoro. Pertanto, maggiore sarà il ritardo nel corrispondere tale cifra, maggiore sarà il suo stesso valore.

2 Per calcolare gli interessi dovuti occorre innanzitutto individuare l'ammontare del TFR. Per farlo bisogna dividere la retribuzione lorda annua per 13,5 e sottrarre al valore ottenuto lo 0,5% trattenuto automaticamente dall'INPS come contributo previdenziale. Semplificando i conti, la stessa identica somma può essere ottenuta anche calcolando il 6,91% della retribuzione lorda annua. Al 31/12 il risultato di ogni anno andrà rivalutato aggiungendogli un particolare coefficiente percentuale. Questo può essere ricavato moltiplicando per 0,75 il tasso di inflazione dichiarato periodicamente dall'ISTAT e incrementando il prodotto ottenuto di 1,5%. Questa serie di operazioni andrà ripetuta per ogni anno di lavoro e la somma dei singoli risultati darà l'ammontare complessivo del TFR.

Continua la lettura

3 Ora, ricavato il valore del TFR, è possibile procedere al calcolo degli interessi veri e propri.  Per ottenere il loro ammontare occorre applicare la seguente formula: I = M x K x T/365.  Approfondimento TFR: termini di pagamento e mancato pagamento (clicca qui) "I" corrisponde alla quota di interesse che desideriamo trovare, "M" al TFR ottenuto in precedenza, "K" al tasso di interesse legale stabilito periodicamente e "T" al numero di giorni di ritardo del pagamento.  Il risultato della formula dovrà infine essere aggiunto al TFR di base per conoscere la somma effettiva che dovremmo ricevere.

Non dimenticare mai: Se l'anno in questione per il calcolo degli interessi fosse bisestile (di 366 giorni), il valore da inserire nella formula sarà comunque 365 in quanto viene preso in considerazione l'anno civile. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Tabella tassi di interesse legale

Come calcolare l'ammontare del TFR Durante la propria vita lavorativa, può capitare in diverse occasioni di ... continua » Come calcolare il TFR Molti di voi vanno spesso incontro a problemi di natura fiscale ... continua » Come calcolare l'indennità di buonuscita L’indennità di buonuscita o trattamento di fine servizio, viene liquidata ... continua » Tutto sulla busta paga Ai nostri giorni, pultroppo il tasso di disoccupazione è veramente molto ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide